Il verde pubblico a Molfetta
Il verde pubblico a Molfetta
Territorio e Ambiente

Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»

Salvemini elenca «alberi sofferenti, altri privi di tutore, molti potati in un periodo errato»

Tornano nel mirino a Molfetta le potature degli alberi. Il verde pubblico, oltre le funzioni ambientali, svolge indubbiamente anche una funzione estetica: osservare una siepe fiorita e parchi rigogliosi dà sensazioni positive e producono un benessere psico-fisico del quale abbiamo bisogno, soprattutto in periodo di Covid.

«Nella nostra città - denuncia Pasquale Salvemini, che già un anno fa, durante l'abbattimento di un pino in piazza Moro, tuonò contro la cattiva gestione del verde urbano - avviene prevalentemente il contrario: ci sono alberi sofferenti, con foglie ingiallite, altri da poco piantati e privi di tutore, in grave crisi idrica o già secchi, altri ancora potati (o più spesso capitozzati) in un periodo errato dimenticando che la chioma di un albero accoglie anche le nidificazioni di vari volatili».

Ed ancora: «Splendide siepi stroncate e ridotte a filari di fusti alti mezzo metro, alberi attaccati da parassiti e lasciati in misere condizioni». Diversi gli esempi di cattiva gestione del verde citati dal referente regionale del WWF Puglia: «I giovanissimi lecci di via papa Giovanni XXIII, i tigli di via capitano Azzarita, i ligustri di via Gaetano Salvemini, le lagerstroemie di corso Fornari, gli oleandri (pesantemente attaccati dalla cocciniglia) di corso Umberto e la siepe di via Berlinguer».
12 fotoVerde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»
Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio»
Salvemini, inoltre, lamenta «la manutenzione della siepe perimetrale della villa comunale, la distruzione delle splendide euforbie presenti in piazza Immacolata, piante uniche nel nostro territorio comunale; sono stati tagliati due monumentali cipressi al cimitero, è stato ucciso con tagli di radici ed una drastica potatura un pino a piazza Moro. Questi sono alcuni esempi di uno scempio che va avanti da anni e che vede le piante essere uno strumento di scambio elettorale».

I lavori sono iniziati senza il minimo rispetto delle norme sulla tutela dei nidi e nidiacei, denuncia il delegato regionale della Lega Anti Caccia: «La situazione che ci fa più rabbia è la distruzione senza nessun tipo di rispetto delle buone pratiche di potature degli alberi nel Parco di Mezzogiorno. Dopo vari anni di chiusura del Parco si era creato un biotopo particolarmente interessante con la presenza di specie animali di rilievo, ma gli ultimi abbattimenti hanno distrutto tutto».

«La gestione e la manutenzione del verde cittadino sono importanti, ma si bada - conclude Salvemini - prevalentemente alla quantità, non alla qualità che implica competenza. Sembra, infatti, che le risorse non manchino, ma andrebbero utilizzate in modo adeguato, seguendo le procedure dettate dalla competenza».
  • Pasquale Salvemini
  • alberi
  • WWF Puglia
Altri contenuti a tema
Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Un esemplare di parrocchetto monaco tutelato dalla normativa Cites provvisto di anello di identificazione
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Si tratta di un biacco, un esemplare non velenoso. Il rettile è stato poi liberato all'interno del Pulo
Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.