La liberazione di una tartaruga
La liberazione di una tartaruga

Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe

Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta

Il centro di recupero tartarughe di Molfetta, col dipartimento di Medicina Veterinaria di Bari e l'Università di Pisa partecipano alla conferenza internazionale sulle tartarughe, in programma a Tetouan, in Marocco, da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l'attenzione è molto alta.

Il centro di Molfetta, seguito dal suo responsabile Pasquale Salvemini, è al centro di importanti ricerche su specie come la caretta caretta. Tra queste ricerche c'è n'è una denominata Molsat seguita da Gaia Dell'Uomo, dell'Università di Pisa. Al centro c'è la valutazione del tasso di sopravvivenza delle tartarughe in seguito al rilascio in mare dei pescatori: è stato previsto l'imbarco sui pescherecci, con l'applicazione di satellitari Gps sul carapace degli animali finiti nelle reti da pesca.

Con questi metodi v'è la possibilità di seguire nel tempo le tartarughe sopravvissute e conoscere le aree predilette e le rotte migratorie. Nel corso del simposio in programma in Marocco, si discuterà proprio di questa ricerca in cui Molfetta e il suo centro, in questi mesi, è stata parte attiva nell'intera ricerca. Diverse le rotte tracciate grazie ai satelliti predisposti sulle tartarughe divenute oggetto di studio. Non solo Molfetta e Bisceglie, anche Croazia, Grecia, Cipro, Turchia e Israele.

Il tracciamento con Gps risulta fondamentale per comprendere l'efficacia del lavoro svolto durante le settimane successive al recupero delle stesse tartarughe, la cura nei centri come quello di Molfetta e il ritorno in libertà. Sarà presentato in Marocco un altro progetto curato da Alice Scuratti dell'Università di Pisa. Ha preso il nome di Life Medturtles, con l'intento di migliorare lo stato di conservazione delle popolazioni di due specie di tartarughe: caretta caretta e la chelonia mydas.

Sarà oggetto di dibattito dal 18 al 22 ottobre a Tetouan anche la questione riguardante l'embolia gassosa, a cui il centro di Molfetta e il dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università di Bari ha lavorato in questi anni. Si tratta di una c'è anche patologia simile a quella riscontrata nei sub, che si presenta nei carapaci. Il centro di Molfetta è l'unico al mondo, insieme al dipartimento di Bari con il professore Antonio Di Bello, e all'istituto oceanografico di Valencia ad occuparsene.

Lo studio si basa sull'analisi delle feci delle tartarughe recuperate e dei contenuti gastrici delle tartarughe decedute. È emerso che la caretta caretta si nutre di un ampio spettro di specie che vanno dalle alghe ai molluschi. Lo studio ha fatto emergere come l'impatto di rifiuti di origine antropica incida molto sulle tartarughe.
  • Pasquale Salvemini
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
Giornata mondiale delle tartarughe: a Molfetta liberate tre Caretta Caretta Giornata mondiale delle tartarughe: a Molfetta liberate tre Caretta Caretta Alla Prima Cala si è svolta ieri mattina l'unica liberazione in Italia
Trenta galline appese a testa in giù in una campagna di Molfetta Trenta galline appese a testa in giù in una campagna di Molfetta Avevano il becco e le zampe legate. La scoperta dei volontari del Wwf Puglia: «Forse utilizzati per spaventare gli uccelli»
Domenica alla Prima Cala tre tartarughe saranno liberate in mare Domenica alla Prima Cala tre tartarughe saranno liberate in mare L'iniziativa è organizzata dal Centro Recupero Tartarughe WWF
Prima Cala la spiaggia delle tartarughe: la proposta di Salvemini del WWF Prima Cala la spiaggia delle tartarughe: la proposta di Salvemini del WWF Riflessioni dopo la liberazione di tre esemplari di caretta caretta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Giornata Nazionale del Mare: a Molfetta l'evento conclusivo "Tarta-Free" Giornata Nazionale del Mare: a Molfetta l'evento conclusivo "Tarta-Free" L'iniziativa si svolgerà presso la Prima Cala: nel corso della mattinata diverse caretta caretta torneranno in mare
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.