La Corte d'Appello di Bari
La Corte d'Appello di Bari
Cronaca

Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini

L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa

Gli ultimi 17 anni, per l'ambientalista molfettese Pasquale Salvemini, sono stati un vero e proprio incubo. Adesso, però, giustizia è stata fatta e la Corte d'Appello di Bari l'ha assolto da ogni accusa «perché il fatto non sussiste». Insomma, il referente regionale del Wwf e della Lega per l'Abolizione della Caccia adesso può godersi la vita dopo essersi tolto un macigno enorme.

E, soprattutto, ha finalmente una sentenza in mano che conferma quanto ha sempre sostenuto a chi gli chiedeva conto dell'epilogo amaro accaduto a un anziano cacciatore, morto durante una perquisizione. Nell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Francesco Zecchillo, che il 15 gennaio 2008 squartò la sua vita, quella di un sovrintendente dell'allora Corpo Forestale dello Stato, Raffaele Stano, e di una guardia venatoria volontaria del Wwf, Moisè Mario Salvatore Checchia, c'erano accuse da far tremare i polsi: violenza privata continuata aggravata, omicidio colposo con morte come conseguenza di altro delitto, lesioni aggravate, falso ideologico e materiale, abuso d'ufficio e calunnia.

Tutti reati commessi, per il pubblico ministero che condusse le indagini dell'epoca, Michele Ruggiero, fra il 2005 e il 2007 al termine di una piccola inchiesta di provincia che finì sulle prime pagine dei quotidiani nazionali. I Carabinieri della Compagnia di Barletta, nel corso dell'attività investigativa, avrebbero accertato che i tre, svolgendo semplici controlli contro il bracconaggio nei boschi delle province di Bari e di Barletta, Andria e Trani, avrebbero utilizzato metodi sin troppo decisi, addirittura violenti, oltre a minacce e pesanti perquisizioni da parte delle guardie volontarie venatorie del Wwf. Salvemini fu posto agli arresti domiciliari per 15 giorni. E poi attese dieci lunghi anni la sentenza di primo grado.

Il 17 settembre 2018, infatti, il giudice monocratico del Tribunale di Trani, Paola Buccelli, condannò Stano a 3 anni e 6 mesi e le guardie Checchia e Salvemini a 2 anni e 6 mesi per il reato di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale. Gran parte dei numerosi capi d'imputazione loro addebitati dalla Procura di Trani, tra cui il reato di omicidio colposo con morte come conseguenza di altro delitto, caddero in prescrizione, mentre i tre furono scagionati («per non aver commesso il fatto») dall'accusa di aver falsificato i verbali di sommarie informazioni stilati subito dopo la morte di un anziano cacciatore 82enne. L'inchiesta, infatti, partì proprio dal decesso (per un infarto) di un cacciatore nel corso di una perquisizione effettuata a Spinazzola.

Un controllo particolarmente aggressivo eseguito il 6 novembre 2005, avrebbe provocato la morte improvvisa di Mario Botticelli, originario di Riccione e paziente cardiopatico, in trasferta in Puglia dove aveva organizzato una battuta di caccia. L'uomo, vistosi accerchiato, fu colto da arresto cardiocircolatorio e si accasciò al suolo. Secondo quanto contestato dalla Procura, alcuni imputati erano «animati da intenti persecutori nei confronti dei cacciatori», avrebbero effettuato controlli contro il bracconaggio con metodi «connotati da spregiudicata vessatorietà, aggressività e sproporzionata invasività» e avrebbero attuato una lunga serie di attività con lo scopo di accusare ingiustamente alcuni ignari cacciatori dell'impiego di richiami per uccelli, 30 dei quali, con cd e musicassette, furono trovati nell'abitazione di Stano.

Dalla sentenza di primo grado, sono trascorsi quattro anni, dinanzi alla Corte d'Appello di Bari, per quella di secondo. Che è giunta (presidente Adolfo Blattman D'Amelj), mercoledì scorso, il 7 giugno. I tre imputati, assistiti dagli avvocati Felice Petruzzella, Maurizio Altomare e Alessandro Dello Russo, sono stati assolti dall'ultimo reato, quello di falso in atto pubblico, «perché il fatto non sussiste». Una sentenza che ha spazzato via ogni accusa a 17 anni dall'inizio della vicenda.
  • Pasquale Salvemini
  • Felice Petruzzella
  • Raffaele Stano
  • Moisè Mario Salvatore Checchia
  • Maurizio Altomare
  • Alessandro Dello Russo
Altri contenuti a tema
Fallimento dell'Fc Bari 1908, a processo l'ex presidente Giancaspro Fallimento dell'Fc Bari 1908, a processo l'ex presidente Giancaspro Con lui, accusato di bancarotta fraudolenta, è stato rinviato a giudizio anche la commercialista Giuliani. Stralciata la posizione di Paparesta
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
Area mercatale, l'avvocato Petruzzella: «Proporremo istanza di riesame» Area mercatale, l'avvocato Petruzzella: «Proporremo istanza di riesame» Parla il legale difensore dell'ex assessore comunale Caputo, indagato con altre dieci persone. Tra questi il sindaco Minervini
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Avvocato assolto dall'accusa di stalking: «Il fatto non sussiste» Avvocato assolto dall'accusa di stalking: «Il fatto non sussiste» L'uomo, di 59 anni, era accusato di aver commesso alcuni reati nei confronti di quattro militari dell'Arma
Neonata morì dopo una lite tra medici: condannati per omicidio colposo Neonata morì dopo una lite tra medici: condannati per omicidio colposo I fatti all’ospedale Di Venere nel 2016. Il parto subì un rallentamento di oltre un’ora e la piccola morì
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.