Centro WWF Molfetta
Centro WWF Molfetta

Il centro WWF di Molfetta al TG1: si racconta il salvataggio delle tartarughe marine

Ultima operazione condotta per curare un esemplare rinvenuto a Trani

E anche all'edizione del mattino del Tg1, particolarmente sensibile ai problemi ambientali e alla tutela degli animali, non è sfuggito l'impegno quotidiano che tra il centro recupero tartarughe WWF di Molfetta e il porto e la Lega navale di Trani, da anni si occupa del salvataggio delle tartarughe marine, della loro cura in caso di patologie e del rilascio in mare.

Il servizio racconta con accuratezza tutte le fasi di questa attività , che comincia all'alba, all'arrivo dei pescherecci nel porto di Trani fin dalla zona del Gargano; e continua fino al pomeriggio in varie fasi. È lì che Pasquale Salvemini, responsabile del Centro Recupero tartarughe marine di Molfetta, attende i pescatori (ma anche in altri porti, come la stessa Molfetta e Bisceglie), che ormai sanno bene che le tartarughe vanno consegnate per un controllo e non rimesse in mare una volta finite nelle reti.

Salvemini, con il suo gruppo di collaboratori e volontari, caricate in grandi casse di plastica le bellissime creature del mare, le porta nel Dipartimento di Medicina Veterinaria di Bari - un'eccellenza nazionale per gli studi che vengono realizzati e con cui il centro recupero di Molfetta ha siglato un protocollo d'Intesa - per verificarne le condizioni cliniche con esami radiografici ed ecografici o parassitari. E nel servizio RAI è il professor Antonio Di Bello della Sea Turtle Clinic spiegare che "sono da duecentocinquanta a trecento le tartarughe curate ogni anno e che subiscono gli effetti della pesca a strascico o della cattura accidentale con la palangrese, un sistema antico di pesca per il quale accidentalmente ingeriscono ami che poi vanno asportati prima che vengano rimesse in libertà".

A seguito di questi esami le tartarughe che necessitano di cure e controlli restano in degenza a Molfetta; le altre, già il giorno dopo, vengono riportate in mare. Un primato di rilascio delle tartarughe in mare, quello di Trani, in rete e collaborazione con i porti vicini e con quasi diecimila esemplari salvati nell'arco di quindici anni, di cui andare realmente orgogliosi, in una azione di tutela del mare che sta realmente contribuendo a salvaguardare una specie che è a rischio di estinzione per tanti motivi. Ogni giorno Pasquale Salvemini prende il largo con il suo carico da due a cinque tartarughe caricate su un gommone messo a disposizione dalla Lega Navale di Trani che collabora in modo attivo a questa missione: e, raggiunta la posizione ideale, lontano da natanti e a circa un miglio e mezzo dalla costa, le tartarughe vengono rilasciate in mare ogni volta tra applausi e gioia, ogni volta come fosse la prima volta.

L'ultima liberata si chiama Elvira e, come tutte le altre, come sapesse di essere lí lí per riassaporare il mondo nel quale si era ritrovata incastrata in una rete, comincia a sbattere le pinne pronta a sparire nell'azzurro, in pochi secondi, come in un battito d'ali nelle profondità del mare.
  • WWF Puglia
Altri contenuti a tema
Trenta galline appese a testa in giù in una campagna di Molfetta Trenta galline appese a testa in giù in una campagna di Molfetta Avevano il becco e le zampe legate. La scoperta dei volontari del Wwf Puglia: «Forse utilizzati per spaventare gli uccelli»
Parrocchetti monaci a Molfetta e nel circondario. LAC Puglia: «Ormai integrati nel nostro ambiente» Parrocchetti monaci a Molfetta e nel circondario. LAC Puglia: «Ormai integrati nel nostro ambiente» La Lega Abolizione Caccia smentisce la connessione tra i volatili e i danni all'agricoltura
Prosegue l'attività del Centro di recupero WWF per tartarughe marine di Molfetta Prosegue l'attività del Centro di recupero WWF per tartarughe marine di Molfetta Diversi programmi di studio sono stati avviati in collaborazione con Istituti universitari italiani e stranieri
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
Torna Ri-Party-Amo: a Molfetta l'unica tappa in Puglia Torna Ri-Party-Amo: a Molfetta l'unica tappa in Puglia L'appuntamento per la pulizia delle spiagge è all'oasi San Giacomo. L'iniziativa è promossa dal Wwf Italia
Soccorso un gabbiano reale in via Cavallotti Soccorso un gabbiano reale in via Cavallotti L'esemplare, recuperato su un balcone, è stato soccorso dai volontari del WWF. Sul posto anche la Polizia Locale
Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Un esemplare di parrocchetto monaco tutelato dalla normativa Cites provvisto di anello di identificazione
Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Si tratta di un biacco, un esemplare non velenoso. Il rettile è stato poi liberato all'interno del Pulo
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.