Conferenza
Conferenza

Conviene curarsi con i farmaci equivalenti? Ne parla il Tribunale del Malato

Ieri la conferenza. Presente anche l'assessore Ottavio Balducci

Il Tribunale del Malato porta avanti una formazione del paziente e del cittadino per educarlo a comprendere il servizio sanitario.

Relatori del convegno il professore Altomare, il dottor Balducci, il dottor Natalicchio e la dottoressa Palmisaro, che hanno dato informazioni riguardo i farmaci di marca e quelli equivalenti.

I farmaci sono principi attivi, prodotti a livello industriale, non sono protetti da un brevetto, sono indentificati dall'AIC e hanno un nome fantasioso.
Il farmaco equivalente funziona allo stesso modo del farmaco di marca, perché possiede: lo stesso principio attivo, la stessa quantità del principio attivo, lo stesso numero di unità posologiche (per es: numero di compresse per scatola), la stessa forma farmaceutica e la stessa via di somministrazione. Tuttavia, ciò che differenzia l'equivalente dal farmaco di marca è: il nome che indica la molecola (per es: per la marca Tachipirina, l'equivalente sarà Paracetamolo), il prezzo perché con l'equivalente si paga solo il ticket, gli eccipienti, il colore, la forza e il sapore.
È importante sottolineare, però, che in termini di cura terapeutica tra farmaci di marca e farmaci equivalenti, non c'è nulla che cambia. Inoltre i farmaci equivalenti sono sicuri perché i principi attivi sono conosciuti, il processo di produzione, distribuzione e conservazione è sottoposto agli stessi controlli di quelli del farmaco di marca, i controlli continuano, poi, anche dopo l'immissione in commercio.
L'equivalente costa di meno perché sono già state investite risorse nella ricerca, sono stati condotti studi clinici e preclinici. Inoltre la loro introduzione in commercio, creando concorrenza, fa abbassare anche il prezzo del farmaco di marca.

In ambito pediatrico, però, la situazione è più complessa. Dal 2007 al 2013 solo 28 molecole hanno avuto una nuova indicazione pediatrica.
L'Italia è il fanalino di coda nell'uso di farmaci generici.
I dati ISTAT confermano che il 9,5% degli italiani rinuncia a curarsi e le segnalazioni che giungono dal Tribunale per i diritti del malato confermano che i costi più duri da sostenere dalle famiglie sono quelli relativi ai farmaci.

Per poter aiutare i cittadini nell'acquisto di farmaci, si è creata l'App "ioequivalgo".

L'App è uno strumento utile e veloce: basta digitare il farmaco o il principio attivo per conoscere tutte le sue caratteristiche.
  • tribunale del malato
Altri contenuti a tema
2 Il Tribunale del Malato di Molfetta: «Gestione fallimentare delle prenotazioni telematiche CUP» Il Tribunale del Malato di Molfetta: «Gestione fallimentare delle prenotazioni telematiche CUP» Nella giornata di ieri è stata inoltrata una missiva alle autorità competenti
Carenze nei reparti di Neuropsichiatria Infantile e la Riabilitazione, Balducci incontra il direttore dell'Asl Carenze nei reparti di Neuropsichiatria Infantile e la Riabilitazione, Balducci incontra il direttore dell'Asl Apertura della direzione e del sindaco della città metropolitana di Bari
Il Tribunale del Malato riaccende i riflettori sulle criticità dell'istituto "Apicella" a Molfetta Il Tribunale del Malato riaccende i riflettori sulle criticità dell'istituto "Apicella" a Molfetta «Risposte in tempi brevi oppure denunceremo»
Tribunale del Malato: «Ospedale rispondente ai parametri di umanizzazione» Tribunale del Malato: «Ospedale rispondente ai parametri di umanizzazione» Per il TDM più sanitari potrebbero incrementare anche il numero di utenti
Petizione per denunciare le criticità dell'istituto "Apicella" Petizione per denunciare le criticità dell'istituto "Apicella" Incontro tra assessore Balducci, Tribunale del Malato e le associazioni
Tribunale del Malato: «Carenza dei servizi essenziali in ospedale» Tribunale del Malato: «Carenza dei servizi essenziali in ospedale» La denuncia: «Grave lacuna nel servizio di anestesia»
2 Il Tribunale del Malato riaccende l'attenzione sull'ospedale "Mons.Bello" Il Tribunale del Malato riaccende l'attenzione sull'ospedale "Mons.Bello" Dal primo aprile radiologo di senologia in pensione: «Chi, come e quando sarà sostituito?»
Tribunale del Malato: «In attesa di decisioni l'ospedale perde credibilità e utenza» Tribunale del Malato: «In attesa di decisioni l'ospedale perde credibilità e utenza» «Interventi mirati e tempestivi riportino il nostro ospedale alla reputazione che merita»
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.