fanghi
fanghi
Territorio e Ambiente

Ancora schiuma biancastra e maleodorante in mare

La Lac Puglia presenta un esposto in Procura

Ennesimo esposto della Lac Puglia (lega per l'abolizione della caccia) sulla presenza di schiuma biancastra in prossimità dello sbocco a mare del depuratore. L'esposto è stato depositato in Procura a Trani. La Lac chiede che vengano individuati i responsabili.

La presenza di forte concentrazione di schiuma e fanghi, allo sbocco del depuratore, e di una ampia chiazza scura in mare e stata notata dai volontari della Lac impregnati in una attività di monitoraggio.

«Decisamente una visione non del tutto confortante visto che – spiega Pasquale Salvemini, delegato regionale della Lac - periodicamente ed in alcune fasce orarie si presentano gli stessi problemi sulla costa molfettese e soprattutto in una zona che è pur sempre un'Oasi di protezione. In questo periodo si registra il passaggio e la sosta di diversi migratori (aironi, rapaci ed altro ancora). Vi è più che proprio in quella zona ci sono diversi pescatori che non curanti del problema continuano a posizionare reti da posta a soli pochi metri dallo sbocco molfettese e per questo – continua - ci aspettavamo una ordinanza che vietasse la pesca proprio in quel tratto di costa ma ad oggi non abbiamo visto alcun impegno in tal senso mentre quel pesce viene venduto tranquillamente sulla bancarelle nei pressi della banchina san Domenico. Non v'è dubbio che – conclude - l'impianto di depurazione di Molfetta non funziona come dovrebbe ed i risultati decisamente poco gratificanti sono sotto gli occhi di tutti».
  • Pasquale Salvemini
  • lac puglia
Altri contenuti a tema
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Il ritrovamento ieri: gli animali mostrano una serie di ferite. Sul posto i volontari della Gepa e del WWF
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.