Le tartarughe di acqua dolce sequestrate dai Carabinieri
Le tartarughe di acqua dolce sequestrate dai Carabinieri
Cronaca

Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia

Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»

Sequestrate dai Carabinieri e affidate al WWF Puglia. È la storia di 20 tartarughe d'acqua dolce recuperate dai militari del Nucleo Cites lungo la strada provinciale 76 che unisce Sannicandro di Bari ad Acquaviva delle Fonti, molto probabilmente lasciate sul ciglio dell'arteria stradale da persone stanche di averle in casa.

Gli esemplari, tutti della specie Trachemys scripta, provengono da ambienti subtropicali o sudamericani e sono ritenuti dei temibili predatori di anfibi, di pesci e di uccelli acquatici, dopo una visita medico-veterinaria, sono stati affidati al centro WWF con sede a Molfetta. Per Pasquale Salvemini, responsabile della struttura, «quest'ultimo sequestro dei Carabinieri è soltanto una goccia nell'oceano. Negli ultimi 30 anni le tartarughe d'acqua dolce hanno preso il sopravvento in Italia».

Questi animali, testuggini appartenenti alla famiglia degli emididi, «vengono venduti nei negozi di animali, nelle fiere di paese e nei mercatini, ed il più delle volte sono destinati a morte certa in quanto inseriti in ambienti non consoni al proprio equilibrio naturale. Oggi, recentemente inserite nell'elenco europeo delle specie esotiche invasive al pari di altre specie - dice il responsabile regionale - sono diventate ingombranti per la nostra biodiversità e anche nei nostri appartamenti».

Le tartarughe d'acqua dolce, nella maggior parte dei casi, vengono lasciate in mare. «Una delle soluzioni più veloci - racconta Salvemini - è diventato l'abbandono incontrollato e illegale. Anche nelle nostre ville comunali, l'importante che ci sia un po' d'acqua. Negli ultimi anni, inoltre, è diventata una prassi quella di liberarle in mare conducendole al decesso. La legge - ricorda - punisce tutti coloro i quali per qualsiasi motivo abbandonino o procurino sofferenze a qualsiasi animale».

L'invito del WWF Puglia, che a Molfetta gestisce il centro di recupero tartarughe marine, è quello di «mettersi in contatto con associazioni o centri che possano dare soluzioni rispetto ad una crudele atrocità», mentre «continuiamo a ribadire al nostro Parlamento italiano di legiferare una volta per tutte sul divieto di vendita di animali che non fanno parte del nostro territorio, dai rettili ai pappagalli sino anche alle svariate specie di pesci colorati che riempiono gli acquari domestici».

Per Salvemini «sono animali che quando diventano ingombranti finiscono col ripopolare i nostri ambienti adattandosi al nostro clima, come è già successo per molte specie di pappagalli. Bisogna intervenire per evitare che il nostro agro sia invaso da pitoni, boa e altri rettili più pericolosi degli innocui serpenti cervoni».
  • Pasquale Salvemini
  • Tartarughe Molfetta
Altri contenuti a tema
Un raro esemplare di tartaruga verde recuperato a Molfetta Un raro esemplare di tartaruga verde recuperato a Molfetta L'esemplare, appartenente alla specie Chelonia mydas, si è spiaggiato in località Prima Cala
Due tartarughe marine accomunate da un tragico destino Due tartarughe marine accomunate da un tragico destino Liberate entrambe nel 2017, si sono spiaggiate fra Tel Aviv e Barletta. Salvemini: «Un grosso danno»
Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata al lungomare Colonna Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata al lungomare Colonna Continuano i ritrovamenti lungo la costa. Nelle ultime 48 ore sono stati rinvenute circa 40 carcasse
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
Carcassa di tartaruga spiaggiata a cala San Giacomo Carcassa di tartaruga spiaggiata a cala San Giacomo L'esemplare, in avanzato stato di decomposizione, è stato recuperato dai volontari del WWF
Due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Si tratta di altrettanti esemplari della specie caretta caretta. È intervenuta la Guardia Costiera
AdrioNet, recuperate vive 483 tartarughe marine AdrioNet, recuperate vive 483 tartarughe marine All'interno della Rete Adriatico-Ionica anche il centro di recupero tartarughe marine di Molfetta
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.