La campagna della Lega per l'Abolizione della Caccia
La campagna della Lega per l'Abolizione della Caccia

Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali»

L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»

Con l'arrivo del 2022, per festeggiare la fine del vecchio anno e l'arrivo del nuovo, la Lega per l'Abolizione della Caccia invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti e fa un appello ai sindaci affinché ne vietino l'uso con un'ordinanza, disponendo i controlli necessari perché venga rispettata».

L'invito a non sparare fuochi d'artificio e petardi durante la notte dell'ultimo dell'anno giunge da Pasquale Salvemini. «Tutto questo - afferma - servirà ad evitare la morte di centinaia di migliaia di animali, incidenti e traumi dovuti al loro fragore. L'esplosione dei fuochi artificiali e dei petardi in piena notte causa agli animali danni inimmaginabili.

«Per gli uccelli - continua -, lo spavento è tale che non sapendo cosa stia accadendo fuggono terrorizzati dai loro nidi (alberi, siepi e tetti delle case) e finiscono sfracellati contro ostacoli invisibili al buio, oppure assiderati per via della mancanza di un riparo post fuga».

«Per cani e gatti, le cui facoltà uditive sono di gran lunga superiori e sviluppate rispetto all'uomo - prosegue Salvemini -, i boati delle esplosioni provocano un forte stress e spavento che li induce a fuggire in cerca di rifugio. Per rendere l'idea del frastuono provocato dai fuochi d'artificio, basti pensare che causano un suono tra i 150 e i 180 decibel, mentre l'orecchio umano in condizioni normali può sopportare 85 decibel».

Non sono pochi gli animali vittime di incidenti oppure persi dopo i botti di Capodanno. «Pericoloso - dice ancora Salvemini - anche il lancio delle lanterne volanti o cinesi che volano incontrollate per lunghe distanze e, una volta a terra, possono provocare incendi o uccidere gli animali. Molti i casi registrati negli anni di animali ustionati o che sono rimasti strangolati delle parti in esse contenute una volta rimaste a terra».

Possiamo però festeggiare la fine del vecchio anno e l'arrivo del nuovo rispettando tutti. «E allora, sì a giochi di luce, effetti scenici ed al suono dello spumante stappato!», propone il delegato regionale della Lega per l'Abolizione della Caccia.

«Il segno della civiltà e della sensibilità, oltre a risparmiare vite - conclude Salvemini - solleverà tutti gli operatori del soccorso, in particolar modo i Vigili del Fuoco che il primo dell'anno contano interventi di soccorso di animali rifugiatisi in ogni dove, senza contare le vittime del capodanno che riempiono gli ospedali… per luce, rumore e fumo».
  • Pasquale Salvemini
  • Botti Molfetta
  • Lega per l'Abolizione della Caccia
Altri contenuti a tema
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
1 Capodanno a Molfetta: forze dell'ordine in campo e controlli a tappeto Capodanno a Molfetta: forze dell'ordine in campo e controlli a tappeto Messo a punto il piano sicurezza. In azione Carabinieri e Polizia Locale: piazza Paradiso sorvegliata speciale
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
© 2001-2023 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.