I danni provocati dai ladri di pappagalli a Molfetta
I danni provocati dai ladri di pappagalli a Molfetta
Cronaca

Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta

Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro

Hanno colpito più volte in passato: nel mese di maggio di un anno fa avevano compiuto una vera e propria strage di pappagalli. Ebbene: sono tornati in azione. E ancora una volta hanno puntato ai parrocchetti monaco, la specie su cui è cresciuto l'interesse della criminalità per il business della vendita al mercato nero.

Non si tratta di ladri di polli, una definizione per indicare malfattori di piccolo cabotaggio, ma di malviventi «a caccia di nidiacei di pappagalli - afferma Pasquale Salvemini, del WWF - che senza porsi tanti scrupoli s'intrufolano furtivamente nelle ville private e pubbliche, laddove sono presenti nidi di pappagalli, ed armati di piccole motoseghe tagliano i rami e, in alcuni casi, gli alberi. Si tratta di una consuetudine, ormai, che avviene a Molfetta e Terlizzi, ma anche a Bitonto e a Bari».

Gli ultimi episodi, denunciati ai Carabinieri, si sono registrati in località Gurgo e in località Macchia Compagnia. «In entrambi i casi - dice Salvemini - i ladri, dopo esser entrati nelle proprietà private e devastato vari alberi, hanno tirato giù i nidiacei di parrocchetti monaco»​, ovvero i piccoli di pappagallo dopo la schiusa delle uova. Per impossessarsene i banditi hanno recuperato non solo i piccoli dai nidi, ma anche le uova, la cui schiusa avviene fra la fine di aprile e l'inizio di giugno.

Purtroppo non è la prima volta che accade in zona, dove i parrocchetti sono ormai di casa. A maggio dello scorso anno, a Molfetta, i Carabinieri denunciarono in stato di libertà (la legge non prevede l'arresto) due 33enni di Bari che avevano portato via dal nido 47 pappagalli dopo essersi arrampicati su una torre faro dello stadio Poli. Secondo Salvemini, gli esemplari di quella specie, protetta dalle convezioni internazionali, sono venduti a circa 120 euro l'uno nei negozi autorizzati.

Il prezzo, invece, scende sul mercato nero. «Una volta catturati - dice ancora il referente regionale del WWF - i pappagalli vengono venduti ad 80 euro cadauno», il che spiega quanto i ladri possano intascare dalla vendita di questi animali, «inseriti nell'allegato 2 del Cites, l'organismo che controlla la commercializzazione di specie animali e vegetali. Pertanto chiunque dovesse detenere pappagalli sprovvisti della certificazione Cites è punibile con sanzioni amministrative e penali».

L'invito di Salvemini, rivolto ai cittadini, è quello di evitare d'incrementare il mercato illegale che, riferiscono dal WWF, si svolge nei dintorni dello stadio San Nicola a Bari. «Inoltre - conclude - chiediamo alle forze dell'ordine di incrementare i controlli per fermare la barbarie verso i pappagalli, nonché i danni verso gli alberi».
  • Pasquale Salvemini
  • Furti pappagalli Molfetta
Altri contenuti a tema
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Il ritrovamento ieri: gli animali mostrano una serie di ferite. Sul posto i volontari della Gepa e del WWF
© 2001-2023 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.