Vermocane
Vermocane

Il vermocane nelle acque del Sud? Salvemini: «Non c'è da preoccuparsi»

Il presidente del WWF di Molfetta: «Ci stiamo disabituando alla convivenza con la fauna»

La fase di cambiamento climatico, ancora pienamente in corso sul nostro pianeta, sta portando a grandi stravolgimenti a livello ambientale.

L'innalzamento delle temperature marine e fluviali in Italia ha dato il via a una vera e propria invasione di specie aliene. Tra queste, si registra il vermocane, un verme marino errante appartenente alla classe dei Policheti, nativo della zona tropicale dell'Oceano Atlantico ma sempre più presente nel Mar Mediterraneo al punto da rendere virali le notizie in merito al presunto pericolo rappresentato da questa creatura.

A smorzare i toni, però, è stato il presidente del WWF di Molfetta, Pasquale Salvemini: «Non comprendo queste ondate di titoli sensazionalistici che impazzano con dilagante facilità sui social, portando tanta gente ad avere sempre più timore nell'affrontare la natura e l'ambiente esterno. Il rischio di venire a contatto con queste creature resta relativamente basso nelle nostre acque e non va considerato diversamente dall'ordinario pericolo legato, ad esempio, alle meduse. Ma nulla di più».

«L'aumento delle temperature delle acque del Mediterraneo di 0,88°C rispetto alla media del 1850-1900 - spiega - ha favorito l'ingresso e la proliferazione di specie esotiche. Questi nuovi abitanti, a detta delle notizie che si leggono sul web, rappresentano una possibile minaccia non solo per la fauna autoctona, ma anche per l'uomo. Io voglio rassicurarvi rispetto ai titoli allarmistici che si leggono sempre più spesso».

Il vermocane si trova in molti ambienti marini come coralli, rocce, fango, sabbia, posidonia e sul legno alla deriva, nonché nelle infrastrutture portuali in acque poco profonde dalla superficie fino a 40 m di profondità. Si nutre principalmente di sostanze in decomposizione e pesci morti, ma anche di ricci che attacca infilandosi sotto la parte che aderisce agli scogli: non è raro trovarne un gruppetto mentre si nutrono di un pesce morto.
  • WWF
Altri contenuti a tema
Domani anche a Molfetta sarà celebrata la Giornata mondiale delle tartarughe marine Domani anche a Molfetta sarà celebrata la Giornata mondiale delle tartarughe marine Saranno liberati tre esemplari di Caretta Caretta dalla spiaggia Prima Cala
Pericolo cinghiali nell'agro di Molfetta? Il WWF: «Niente allarmismi» Pericolo cinghiali nell'agro di Molfetta? Il WWF: «Niente allarmismi» Parola al presidente Pasquale Salvemini: «Presenza legata alla caccia sulla Murgia»
Avvistamento di un cervone nella zona di ponente a Molfetta Avvistamento di un cervone nella zona di ponente a Molfetta Pasquale Salvemini del WWF rassicura: «Non è pericoloso, fa parte della fauna locale»
Una volpe si intrufola in un condominio a Molfetta: recuperata e liberata Una volpe si intrufola in un condominio a Molfetta: recuperata e liberata L'esemplare, sottoposto alle cure del caso, è stato liberato dopo l'intervento del Wwf e della Polizia Locale
I Pooh in concerto a Bari: regalo speciale dal WWF di Molfetta I Pooh in concerto a Bari: regalo speciale dal WWF di Molfetta La band saluta la Puglia con le t-shirt del centro recupero tartarughe marine
Torna libero il gheppio trovato e soccorso a Molfetta Torna libero il gheppio trovato e soccorso a Molfetta Il volatile era finito in mare per un presunto colpo di calore
Esemplare di Calopsite a Molfetta: l'appello del WWF Esemplare di Calopsite a Molfetta: l'appello del WWF Chiunque dovesse recuperare il pappagallo può portarlo alla Polizia Locale o contattare il WWF
Prosegue l'attività del Centro Tartarughe Marine WWF di Molfetta Prosegue l'attività del Centro Tartarughe Marine WWF di Molfetta Uova di tartaruga deposte sulla spiaggia di Monopoli
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.