Banconote
Banconote
"Furbo"... chi Legge!

La "liquidazione" anche al coniuge in caso di divorzio

I presupposti di legge e l'ammontare della somma spettante

Il coniuge divorziato ha diritto a percepire una quota della "liquidazione" ovvero del Trattamento di Fine Rapporto di lavoro percepito dall'altro coniuge?
La risposta per le legge è si, seppure a condizione che ci siano determinati presupposti.

La norma da prendere in esame è l'articolo 12 bis della L. n. 898/1970.
Essa, al primo comma, stabilisce che "Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto sia titolare di assegno ai sensi dell'articolo 5, ad una percentuale dell'indennità di fine rapporto percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro anche se l'indennità viene a maturare dopo la sentenza": la norma in esame, cioè, stabilisce quali sono i presupposti affinchè tale domanda possa essere formulata ovvero non avere contratto un nuovo matrimonio e/o percepire un assegno divorzile. Questo ultimo aspetto è fondamentale poichè la Corte di Cassazione ha espresso il principio di diritto secondo cui nel caso non sia stato riconosciuto un assegno divorzile non è possibile nemmeno rivendicare il riconoscimento del diritto alla corresponsione della quota a titolo di TFR con ordinanza n. 12056 del 22 giugno 2020.

Il secondo comma, invece, dispone circa la quantificazione della somma spettante: "Tale percentuale è pari al quaranta per cento dell'indennità totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio" in cui vanno compresi anche quelli della separazione la quale, lo ricordiamo, pone in "stand by" il vincolo matrimoniale poichè solo con il divorzio vi è la cessazione di ogni effetto civile derivante dal rapporto di coniugio tra le parti.

Fondamentale, tuttavia, è il momento in cui il TFR viene a maturare.
Infatti, affinché la richiesta del coniuge di corresponsione della quota spettante sia giuridicamente fondata, è indispensabile che il TFR sia maturato contestualmente all'introduzione del giudizio di divorzio oppure dopo l'avvio, ammesso che ci siano gli ulteriori presupposti detti sopra.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: https://www.facebook.com/StudioLegaleMariaMarino
  • tribunale
Altri contenuti a tema
Divisione di un bene: come si può? Quando interviene il giudice? Divisione di un bene: come si può? Quando interviene il giudice? Le risposte alle domande su come procedere
Fallimento del datore di lavoro. Come ottenere il credito vantato? Fallimento del datore di lavoro. Come ottenere il credito vantato? La procedura per l'insinuazione al passivo
Come sapere di essere indagati? Come sapere di essere indagati? L'articolo 335 del codice di procedura penale
E' possibile chiedere al giudice di ordinare la conclusione di un contratto? E' possibile chiedere al giudice di ordinare la conclusione di un contratto? La procedura dell'esecuzione in forma specifica
Maxi sequestro agli ex manager di Unicredit. Accolta l'istanza dell'Avvocato Maurizio Altomare Maxi sequestro agli ex manager di Unicredit. Accolta l'istanza dell'Avvocato Maurizio Altomare Il legale molfettese patrocinia la parte civile nel procedimento
Separazioni e divorzi: dall'Agenzia delle Entrate conti e patrimonio dell'ex Separazioni e divorzi: dall'Agenzia delle Entrate conti e patrimonio dell'ex Secondo il Consiglio di Stato prioritario il diritto di accesso su quello alla privacy
Cosa è l'ipoteca? Cosa è l'ipoteca? L'analisi dell'articolo 2808 del codice civile
Quanti tipi di donazione sono previsti dalla legge? Quanti tipi di donazione sono previsti dalla legge? Le differenze tra donazione rimuneratoria, obnuziale, modale e indiretta
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.