Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
"Furbo"... chi Legge!

Fallimento del datore di lavoro. Come ottenere il credito vantato?

La procedura per l'insinuazione al passivo

Può accadere che il datore di lavoro fallisca.
A tale termine diverse sono le interpretazioni date nel gergo comune ma affinchè ci sia un fallimento giuridicamente è indispensabile una sentenza del Tribunale territorialmente competente (quello nel quale aveva sede il datore di lavoro, generalmente una società o una ditta o una azienda) che accoglie l'istanza presentata la quale può essere formulata tanto dallo stesso datore di lavoro quanto da un terzo che vanta nei suoi confronti un credito.

Fatta questa premessa, doverosa, la domanda è: qualora il mio datore di lavoro sia dichiarato fallito con una sentenza posso recuperare i soldi che deve ancora darmi?
La risposta è si.

Come?
Attraverso una apposita procedura che prende il nome di insinuazione allo stato passivo: il lavoratore, attraverso un ricorso depositato al curatore del fallimento, notizia quest'ultimo del proprio credito spiegando le ragioni di fatto e di diritto fondanti, secondo la legge, la propria domanda evidenziando come tale credito, proprio perchè legato magari a retribuzioni non corrisposte oppure a mancata liquidazione del TFR, abbia anche natura privilegiata (dovrà cioè essere liquidato prima di qualunque altro).
Registrata tale posizione, il curatore ne prende atto e comunica al creditore se rientra o meno nel progetto di stato passivo predisposto e presentato al Tribunale e in quale misura. Poi l'udienza di verifica dello stato passivo, anticamera del decreto che dispone i pagamenti.

Fondamentale, tuttavia, è la tempistica: non appena avuta notizia dell'eventuale dichiarazione di fallimento del datore di lavoro occorre subito procedere per essere nei termini disposti dalla legge senza dimenticare che è pure possibile procedere al recupero di tale credito attraverso delle procedure stragiudiziali come quelle afferenti al fondo di garanzia dell'INPS.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: https://www.facebook.com/StudioLegaleMariaMarino
  • tribunale
Altri contenuti a tema
Divisione di un bene: come si può? Quando interviene il giudice? Divisione di un bene: come si può? Quando interviene il giudice? Le risposte alle domande su come procedere
Come sapere di essere indagati? Come sapere di essere indagati? L'articolo 335 del codice di procedura penale
La "liquidazione" anche al coniuge in caso di divorzio La "liquidazione" anche al coniuge in caso di divorzio I presupposti di legge e l'ammontare della somma spettante
E' possibile chiedere al giudice di ordinare la conclusione di un contratto? E' possibile chiedere al giudice di ordinare la conclusione di un contratto? La procedura dell'esecuzione in forma specifica
Maxi sequestro agli ex manager di Unicredit. Accolta l'istanza dell'Avvocato Maurizio Altomare Maxi sequestro agli ex manager di Unicredit. Accolta l'istanza dell'Avvocato Maurizio Altomare Il legale molfettese patrocinia la parte civile nel procedimento
Separazioni e divorzi: dall'Agenzia delle Entrate conti e patrimonio dell'ex Separazioni e divorzi: dall'Agenzia delle Entrate conti e patrimonio dell'ex Secondo il Consiglio di Stato prioritario il diritto di accesso su quello alla privacy
Cosa è l'ipoteca? Cosa è l'ipoteca? L'analisi dell'articolo 2808 del codice civile
Quanti tipi di donazione sono previsti dalla legge? Quanti tipi di donazione sono previsti dalla legge? Le differenze tra donazione rimuneratoria, obnuziale, modale e indiretta
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.