Firma
Firma
"Furbo"... chi Legge!

Locazione a uso commerciale e diritto all'avviamento: cosa prevede la legge

L'analisi dell'articolo 34 della Legge 392/1978

Quando vi è una locazione a uso commerciale e il contratto non è rinnovato a causa di una decisione del proprietario dell'immobile / locatore, per il conduttore matura il diritto a vedersi corrisposta una indennità per la perdita dell'avviamento.

Detto già qui: https://www.molfettaviva.it/rubriche/furbo-chi-legge/contratto-di-locazione-a-uso-commerciale-quando-spetta-l-indennita-per-perdita-dell-avviamento/, proviamo ad approfondire l'argomento con l'analisi dell'articolo 34 della Legge n. 392/1978 che regola questo particolare caso.

Partiamo dall'esame del comma 1: "In caso di cessazione del rapporto di locazione relativo agli immobili di cui all'articolo 27, che non sia dovuta a risoluzione per inadempimento o disdetta o recesso del conduttore o a una delle procedure previste dal regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, il conduttore ha diritto, per le attività indicate ai numeri 1) e 2) dello articolo 27, ad una indennità pari a 18 mensilità dell'ultimo canone corrisposto; per le attività alberghiere l'indennità è pari a 21 mensilità".
In pratica: nel caso in cui sia il locatore a non rinnovare il contrato o a provvedere con disdetta e a condizione che nell'immobile locato si svolga un attività commerciale, industriale, artigianale o di interesse turistico, il conduttore ha diritto a vedersi corrisposta una somma parti a diciotto mensilità dell'ultimo canone di locazione corrisposto.

Il comma 2, inoltre, sancisce: "Il conduttore ha diritto ad una ulteriore indennità pari all'importo di quelle rispettivamente sopra previste qualora l'immobile venga, da chiunque, adibito all'esercizio della stessa attività o di attività incluse nella medesima tabella merceologica che siano affini a quella già esercitata dal conduttore uscente ed ove il nuovo esercizio venga iniziato entro un anno dalla cessazione del precedente".
Cioè: se, dopo la cessazione del rapporto di locazione, nell'immobile inizia ad essere svolta da chiunque (compreso il proprietario) una attività analoga e/o simile a quella svolta dall'ex conduttore, allora questi ha diritto a un indennizzo per perdita di avviamento pari a 36 mensilità dell'ultimo canone di locazione corrisposto. Preme, però, specificare che tale diritto è vigente se la nuova attività venga avviata entro un anno dalla fine del precedente rapporto locatizio.

Infine, il comma 3, dispone: "L'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile è condizionata dall'avvenuta corresponsione dell'indennità di cui al primo comma. L'indennità di cui al secondo comma deve essere corrisposta all'inizio del nuovo esercizio".
Dunque: solo nel caso in cui il locatore abbia liquidato quanto dovuto al conduttore a titolo di indennità per perdita di avviamento, quest'ultimo potrà lasciare l'immobile.
  • contratto di locazione
Altri contenuti a tema
Immobile locato con vizi, è possibile non pagare il canone? Immobile locato con vizi, è possibile non pagare il canone? Entro quando si può denunciare? Si può anche chiedere i danni?
Contratto di locazione a uso commerciale: quando spetta l'indennità per perdita dell'avviamento? Contratto di locazione a uso commerciale: quando spetta l'indennità per perdita dell'avviamento? Quanto deve durare il contratto? C'è il diritto di prelazione?
Cambia il proprietario di casa. Il contratto in corso vale ancora? Cambia il proprietario di casa. Il contratto in corso vale ancora? Cosa dice la Cassazione
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.