Una campagna
Una campagna
"Furbo"... chi Legge!

Il diritto di prelazione nella compravendita di un fondo agrario

A chi spetta? E come funziona?

L'atto pubblico di compravendita può avere ad oggetto beni diversi.
Nella prassi quotidiana, da sempre, spesso esso perfeziona l'alienazione di un fondo agricolo.
Tuttavia tale compravendita necessita di alcuni passaggi preliminari che, qualora non dovessero essere rispettati, vanno a compromettere gli effetti del contratto se pur formalmente perfezionato.

Come sempre cerchiamo di capirne di più.

CHE COSA E' IL DIRITTO DI PRELAZIONE?
Il diritto di prelazione è quel diritto, riconosciuto e garantito dalla legge, di un soggetto a essere preferito a un terzo per la conclusione di un contratto a patto che egli offra le medesime condizioni contrattuali del terzo.
Nell'ambito agrario, dunque, esso si configura quando oggetto del contratto è la compravendita di un fondo agrario e per la sua conclusione vi è un soggetto (a breve vedremo chi può essere) che ha "precedenza" rispetto a un altro soggetto a causa di sue caratteristiche che, per legge, gli garantiscono tale posizione "privilegiata".

A CHI SPETTA IL DIRITTO DI PRELAZIONE?
Il diritto di prelazione, in caso di compravendita di un fondo, spetta:
- al coltivatore diretto che conduce in affitto il fondo da almeno due anni: per la legge coltivatore diretto è colui che svolge tale attività con abitualità e prevalenza tanto che i profitti da essa derivanti costituiscono fondamentalmente la fonte di guadagno del soggetto.
- a una società agricola a condizione che almeno la metà dei soci siano coltivatori diretti;
- al coltivatore diretto proprietario del fondo confinante con quello oggetto della vendita.

Ancora più nel dettaglio: se il fondo è condotto in affitto da almeno due anni da un coltivatore diretto il diritto di prelazione spetta a lui; se, invece, il fondo non è condotto in affitto da nessun coltivatore diretto ma è confinante con un fondo di proprietà di un coltivatore diretto il diritto di prelazione spetta a quest'ultimo.

COME SI ESERCITA IL DIRITTO DI PRELAZIONE?
Nel caso in cui il proprietario di un fondo decide di venderlo e questo fondo è condotto in affitto da un coltivatore diretto da almeno due anni deve comunicare a quest'ultimo la propria intenzione, specificando l'esistenza del diritto di prelazione. Questi, però, non è obbligato all'acquisto del fondo, pur spettando a lui il diritto di prelazione e dunque dovrà dare comunicazione al proprietario circa le sue intenzioni.

Nel caso in cui il fondo non è condotto in affitto da nessuno, il proprietario ha maggiore libertà nella scelta dell'acquirente. Tuttavia egli deve dare comunicazione della propria intenzione di vendere ai proprietari dei fondi confinanti se questi sono coltivatori diretti. A loro volta essi, entro trenta giorni dalla data di ricezione della comunicazione tramite lettera raccomandata, potranno manifestare la loro intenzione di esercitare o meno il diritto di prelazione loro spettante.
Generalmente accade che il proprietario sottoscriva già un contratto preliminare di vendita con un terzo. Copia di tale contratto preliminare viene poi inviata ai proprietari confinanti coltivatori diretti ai quali viene notiziata l'intenzione della vendita e la possibilità di acquistare il fondo alle medesime condizioni del contratto preliminare: nei trenta giorni successivi al ricevimento di tutto ciò, essi dovranno comunicare la loro intenzione.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: https://www.facebook.com/pg/StudioLegaleMariaMarino/photos/?ref=page_internal
  • campagna
Altri contenuti a tema
CIA Agricoltori: «Nuovo impulso allo sviluppo delle aziende agrituristiche» CIA Agricoltori: «Nuovo impulso allo sviluppo delle aziende agrituristiche» Nel 2018 in Puglia fatturato da quasi 20 milioni di Euro
Furti nell'agro molfettese, arrestato un rumeno dalle Guardie Campestri Furti nell'agro molfettese, arrestato un rumeno dalle Guardie Campestri L'uomo è residente a San Ferdinando. In fuga i complici.
"M'illumino di meno": la campagna nazionale con la Croce Rossa "M'illumino di meno": la campagna nazionale con la Croce Rossa La festa del risparmio energetico a Molfetta
Tra mare e campagna, il Ferragosto molfettese Tra mare e campagna, il Ferragosto molfettese In campagna alle prese con la "fornacella" o al mare il molfettese sa quasi sempre cosa fare
Strade vicinali distrutte dall'alluvione di luglio 2016 Strade vicinali distrutte dall'alluvione di luglio 2016
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.