I rilievi dei Carabinieri
I rilievi dei Carabinieri
Cronaca

Lite in famiglia e colpo di pistola, per fortuna nessun ferito

Una lite sarebbe degenerata e, uno dei due contendenti, ha fatto partire il colpo da un'arma

Un colpo di pistola è stato avvertito stamane a Molfetta. Secondo le indagini svolte dai Carabinieri della locale Compagnia, una lite familiare sarebbe degenerata e, uno dei due contendenti, ha fatto partire il colpo da un'arma.

La lite ed il successivo scontro in famiglia, probabilmente tra padre e figlio, è avvenuto alle ore 11.30 in via don Piacente, ad angolo con via la Torre. I due sono venuti ben presto alle mani e durante il diverbio uno dei due ha estratto una pistola, sparando un colpo. I residenti della zona hanno lanciato l'allarme al numero di pubblica utilità 112 e sul posto sono giunti i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile.

Gli uomini dell'Arma, diretti dal capitano Vito Ingrosso, hanno potuto constatare, effettivamente, la presenza di un bossolo calibro 9x21 che è stato prontamente repertato. I primi elementi raccolti, hanno riferito di una violenta lite nata all'interno di una famiglia di origini molfettesi, che si è trasformata in una discussione dai toni accesi, subito degenerata in insulti reciproci, per poi sfociare nell'esplosione di un colpo di pistola.

I militari, dopo aver accertato che non c'è stato nessun ferito, stanno in queste ore analizzando ogni singolo elemento. Al vaglio degli inquirenti testimonianze, riscontri e analisi dei filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona, tra via don Piacente e via la Torre, alla ricerca di qualche indizio importante per chiarire la vicenda, dai contorni ancora non definiti.

Ma gli inquirenti sono al lavoro anche per recuperare l'arma, della quale uno dei due contendenti si è liberato subito dopo aver fatto fuoco. Con ogni probabilità si ritiene possa trattarsi di una pistola illegalmente detenuta.
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Furti in appartamento, indagini a una svolta? Furti in appartamento, indagini a una svolta? I Carabinieri potrebbero aver ottenuto risultati dopo alcuni colpi messi a segno a Molfetta
Arrestato per una rapina del 2015: deve scontare oltre 4 anni Arrestato per una rapina del 2015: deve scontare oltre 4 anni L'uomo, di 34 anni, consentì l'ingresso di due suoi complici in un compro-oro. Trasferito in carcere
1 Colpo d'arma da fuoco in pieno giorno: nessun ferito Colpo d'arma da fuoco in pieno giorno: nessun ferito L'episodio in via don Piacente, sul posto i Carabinieri. La scena potrebbe essere stata ripresa dalle telecamere
1 Stuprata dal branco a 14 anni. Condannati anche tre minorenni Stuprata dal branco a 14 anni. Condannati anche tre minorenni I fatti accaddero nell'aprile del 2012 nell'anfiteatro di Ponente: stralciata la posizione di un quarto ragazzo
Difende un clochard, anziano pestato. A Molfetta è caccia alla baby gang Difende un clochard, anziano pestato. A Molfetta è caccia alla baby gang Violenza e ferocia nella stazione ferroviaria. L'uomo è stato soccorso dal 118, indagano i Carabinieri
Deteneva in casa oltre 30 dosi di marijuana. Arrestato Deteneva in casa oltre 30 dosi di marijuana. Arrestato Il 27enne Michele de Bari preso dai Carabinieri. Nel 2009 fu arrestato dopo uno scippo che causò la morte di una 90enne
L'inseguimento parte a Giovinazzo e finisce a Molfetta. Arrestato L'inseguimento parte a Giovinazzo e finisce a Molfetta. Arrestato In manette un giovinazzese. Il tallonamento tra una gazzella del Radiomobile e la Lancia Delta dell'uomo
C'è la banda made in Molfetta dietro gli ordigni a d'Ingeo? C'è la banda made in Molfetta dietro gli ordigni a d'Ingeo? Secondo i Carabinieri potrebbero essere stati loro ad aver agito contro l'attivista del Liberatorio
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.