I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative

Un 14enne, un 16enne e un 17enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari

Ulteriori tre provvedimenti restrittivi, stavolta a carico di un 14enne, un 16enne e un 17enne, tutti residenti a Molfetta e volti noti alle forze dell'ordine nonostante l'età, sono stati emessi per presunte responsabilità connesse alle scene di devastazione e di paura avvenute la notte di Capodanno in piazza Vittorio Emanuele.

Questa volta è stata la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Bari che ha analizzato nel dettaglio tutte le risultanze investigative avanzate dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta: sono tre i ragazzi, il più giovane «con delle pendenze giudiziarie anche gravi», a carico dei quali il giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i Minorenni di Bari, Antonia Salamida, ha ordinato la misura cautelare del collocamento in tre comunità per ogni idoneo intervento rieducativo.

Secondo gli atti dell'inchiesta, i tre, «in concorso tra loro ed altri soggetti anche maggiorenni distruggevano una Renault Clio, ribaltandola ed esplodendovi anche all'interno diversi ordigni di natura artigianale», oltre a danneggiare un'Audi». Inoltre, «al fine di suscitare pubblico disordine o di attentare alla sicurezza pubblica, facevano scoppiare vari ordigni, ingenerando pubblico timore nella cittadinanza, tanto che i proprietari delle vetture non sporgevano querela per i danni ricevuti».

Le scene, immortalate in alcuni video registrati dai giovani presenti e diventate virali sui social network, sono state trasmesse dalle maggiori testate nazionali. Le stesse ritraevano un gruppo di vandali che, «approfittando dei festeggiamenti, si rendevano responsabili di gravi condotte, seminando il panico tra le vie cittadine, capovolgendo e vandalizzando anche un'auto in sosta (la Renault Clio), colpita dal lancio di numerosi petardi e di ordigni artigianali nel tentativo di incendiarla».

Secondo il giudice, infatti, non «possono esservi dubbi sull'ascrivibilità a tutti gli indagati e ai minori dei reati commessi in concorso, avendo tutti partecipato alla commissione degli stessi (due di loro sono stati identificati già sul posto, perché presenti), sia ponendo in essere condotte attive, sia comunque rafforzando, con la propria condotta, il proposito criminoso altrui, sia perché hanno avuto piena consapevolezza delle condotte poste in essere dagli altri», è scritto nella misura.

Le indagini dei militari del capitano Danilo Landolfi, fra la disamina dei filmati di videosorveglianza e l'analisi degli stessi video circolati sul web, hanno consentito di chiudere il cerchio, nove giorni dopo i primi arresti: anche i tre minori sono accusati di pubblica intimidazione con uso di armi introdotto dal decreto Caivano.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta In manette una 48enne e una 41enne, entrambe già note: sequestrati dai Carabinieri anche 2 grammi di hashish e 745 euro
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Per il gip Barlafante la volontà era quella di «attentare alla sicurezza pubblica», ma soprattutto «di incutere timore»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.