Ladri cimitero di Molfetta
Ladri cimitero di Molfetta
Cronaca

«Questa volta ci siete riusciti». Ladri nella chiesa del cimitero di Molfetta

Già il 15 aprile un primo tentativo che non era andato a buon fine. Stavolta rubati i pochi spiccioli contenuti in un offertorio

Si sono introdotti nella cappella maggiore del cimitero di Molfetta, forzando il portone in legno e portando via pochi spiccioli da una cassetta dell'offertorio. Non hanno un volto, sino a questo momento, gli ignoti oppure il singolo individuo, che si sono resi protagonista di un furto, avvenuto durante la notte appena passata.

C'è sconcerto, in città, per quanto scoperto questa mattina: ignoti, infatti, approfittando del fatto che non vi fosse nessuno, si sono avventurati nel luogo sacro: hanno forzato il portone d'ingresso ed hanno arraffato le monete lasciate nella cassettina delle offerte, «poche decine di euro in tutto», secondo i primi rilievi. Si sono poi allontanati senza lasciare apparenti tracce e sono ricercati dai Carabinieri, a cui sono state affidate le indagini dopo la denuncia presentata in caserma.

Ovviamente il gesto ha suscitato il disappunto nella comunità locale e a denunciare per primo l'accaduto e ad esprimere tutta la rabbia per la razzia consumatasi nelle scorse ore è stato, su Facebook, don Ignazio De Nichilo. «Questa volta ci siete riusciti», ha scritto. Lo scorso 15 aprile, i ladri avevano provato a scassinare la porta d'accesso e il sacerdote aveva denunciato il vile episodio. La notte scorsa, sono riusciti nel loro intento che ha scatenato un'onda di commenti indignati.

Ingenti i danni all'antico portone d'ingresso, forzato con un oggetto contundente, rimuovendo completamente la serratura. Sull'episodio, intanto, sono al lavoro i militari dell'Arma molfettese. Si stanno vagliando tutti i sistemi di videosorveglianza della zona, alla ricerca dei filmati che possano contenere l'identità dei ladri.
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Entra in una pizzeria di Molfetta e ruba il salvadanaio delle mance: «Vergogna» Entra in una pizzeria di Molfetta e ruba il salvadanaio delle mance: «Vergogna» L'episodio immortalato dalle immagini della videosorveglianza dell'attività
Aveva urtato auto parcheggiate su via Baccarini. Fermata donna in stato confusionale Aveva urtato auto parcheggiate su via Baccarini. Fermata donna in stato confusionale L'episodio è avvenuto poco dopo la mezzanotte: sul posto i Carabinieri
Proseguono le ricerche del Doblò per Luca. Minervini: «Lui è il figlio di tutti noi» Proseguono le ricerche del Doblò per Luca. Minervini: «Lui è il figlio di tutti noi» Il sindaco: «Molfetta è meglio di così. Uniamo le forze e troviamolo»
Doblò rubato a Molfetta, si attiva anche il sindaco di Bisceglie: «Troviamola per Luca» Doblò rubato a Molfetta, si attiva anche il sindaco di Bisceglie: «Troviamola per Luca» Le parole di Angelantonio Angarano: «Questo mezzo è essenziale per il nostro concittadino»
Incidente sulla SS16 all'altezza della zona industriale di Molfetta Incidente sulla SS16 all'altezza della zona industriale di Molfetta Il sinistro in direzione Bari. Coinvolte due auto
1 Auto rubata ad un disabile, l'appello ai ladri: «Vi prego, restituitela» Auto rubata ad un disabile, l'appello ai ladri: «Vi prego, restituitela» Il furto in via da Palestrina. La famiglia su Facebook: «Senza quel mezzo è come se gli avessero tolto le gambe»
Maxi-truffa su finte criptovalute e schema Ponzi a Molfetta: «Bisogna denunciare il sistema» Maxi-truffa su finte criptovalute e schema Ponzi a Molfetta: «Bisogna denunciare il sistema» Il racconto di quattro persone che hanno perso diverse decine di migliaia di euro
Una palma in fiamme durante i campionati di atletica. Vigili del Fuoco sul posto Una palma in fiamme durante i campionati di atletica. Vigili del Fuoco sul posto Qualche momento di apprensione al "Cozzoli" ma allarme subito rientrato
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.