Il sequestro dei Carabinieri
Il sequestro dei Carabinieri
Cronaca

Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni

Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne

Dopo il sequestro preventivo, la confisca. Il provvedimento eseguito dai Carabinieri aggredisce l'impero milionario di Giuseppe Manganelli, 55enne, imprenditore edile di Molfetta, e segue il sequestro disposto dal Tribunale di Bari che nel 2021 accolse la richiesta avanzata da parte della Direzione Distrettuale Antimafia.

All'alba di questa mattina, infatti, i militari del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un decreto di confisca di prevenzione, emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari (presidente Giulia Romanazzi) su richiesta dell'Antimafia, a carico dell'uomo, detto «Pinuccio la Madonna», già condannato per aver promosso e diretto un'associazione per delinquere finalizzata al traffico di ingenti quantità di sostanze stupefacenti operante su Molfetta e zone limitrofe.

Secondo l'accusa, l'associazione gestiva in modo monopolistico la piazza di spaccio di Molfetta e proprio per tali reati, l'uomo, con un passato burrascoso dopo il coinvolgimento nelle celebri operazioni "Primavera" e "Reset" degli anni '90, e ritenuto al vertice del gruppo criminale, fu condannato in via definitiva a 12 anni di reclusione. Poi l'improvviso arricchimento e gli investimenti nel settore edile che, in 10 anni, lo hanno portato a diventare il più famoso imprenditore della città.Il valore del patrimonio sottratto alla disponibilità dell'uomo (in minima parte), e in modo particolare dei suoi familiari (alla moglie e alle figlie dell'imprenditore) e dei suoi numerosi conoscenti, è pari all'incirca a 50 milioni di euro. Un capitale spropositato, composto da 15 fabbricati, tra i quali la villa vista mare, a Molfetta, dove l'uomo vive, 4 terreni e altrettante società specializzate nel campo dell'edilizia, conti correnti, mezzi e beni di lusso, compresa un'imbarcazione da diporto.

La fortuna del 55enne, secondo le carte, deriva da «una fruttuosa carriera criminale», durante la quale è riuscito ad accumulare e a occultare cospicue somme di danaro, «con tutta probabilità provento delle attività di narcotraffico ed estorsive cui lo stesso era dedito negli anni '90» secondo le parole di due collaboratori di giustizia, Giuseppe Pappagallo e Michele Giangaspero. Alla rimuneratività dei lunghissimi reati, infine, si è aggiunta una lungimirante strategia di investimento.
4 fotoFabbricati, aziende, auto: confisca da 50 milioni all'imprenditore Manganelli
Fabbricati, aziende, auto: confisca da 50 milioni all'imprenditore ManganelliFabbricati, aziende, auto: confisca da 50 milioni all'imprenditore ManganelliFabbricati, aziende, auto: confisca da 50 milioni all'imprenditore ManganelliFabbricati, aziende, auto: confisca da 50 milioni all'imprenditore Manganelli


A partire dal 2011, infatti, dopo essere tornato in libertà, il 55enne aveva deciso di lavorare nel campo dell'edilizia dove aveva costituito le prime società: in primis la Nicoletta Acquaviva (il nome della moglie), in seguito la Edilemmegi s.r.l.. Tutte aziende che - accumulando reddito - hanno dato a Manganelli la possibilità, nel corso degli anni, di giustificare la creazione di nuovi e più ambiziosi progetti imprenditoriali, estesi anche al fruttuoso settore della distribuzione di carburanti.

Questo assai intricato percorso di costituzioni e di acquisizioni societarie è stato passato al setaccio, dal 2016, dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta e dai colleghi del Nucleo Investigativo di Bari, che hanno ricostruito «sia la carriera criminale dell'uomo, sia gli introiti dell'intero nucleo familiare, fornendo un corposo quadro indiziario in ordine alla provenienza illecita della sua ricchezza, accumulata negli ultimi 20 anni, e che costituirebbe il compendio del traffico di droga».

«L'importante risultato odierno - scrive l'Arma dei Carabinieri in una nota - rappresenta una conferma ulteriore dell'azione di contrasto alla criminalità organizzata attuata non solo attraverso una assidua opera di prevenzione e di repressione, ma anche con attente e scrupolose indagini di natura finanziaria e patrimoniale».

L'impero di Giuseppe Manganelli

  • 15 fabbricati, tra i quali la villa, vista mare, ove lo stesso vive;
  • 4 terreni, per un'estensione totale di circa 5.000 metri quadrati;
  • 4 società specializzate nella realizzazione e nella ristrutturazione di edifici;
  • 6 veicoli;
  • 1 imbarcazione da diporto;
  • 11 conti correnti;
  • Quote partecipative ad un fondo di investimento.
  • Carabinieri Molfetta
  • Giuseppe Manganelli
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Maxi confisca a Molfetta. La difesa: «Analisi fantasiosa, la impugneremo» Maxi confisca a Molfetta. La difesa: «Analisi fantasiosa, la impugneremo» Parla l'avvocato Poli all'indomani del provvedimento nei confronti di Manganelli: «Nessuna villa al mare, quello è un bene del Demanio»
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.