Capodanno violento a Molfetta
Capodanno violento a Molfetta
Cronaca

Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale»

Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»

Dopo i maggiorenni reclusi in carcere e ai domiciliari, i minorenni portati in comunità. Arriva al capolinea il secondo capitolo sulla notte di Capodanno a Molfetta, quella in cui un gruppo di giovani ha trasformato piazza Vittorio Emanuele nel teatro di una guerriglia urbana, ribaltando un'auto e poi postando tutto sui social.

Altri tre provvedimenti restrittivi, a carico di un 14enne, di un 16enne e di un 17enne, tutti di Molfetta - il più giovane «con delle pendenze giudiziarie gravi» -, sono stati emessi dal Tribunale per i Minorenni di Bari: nei loro confronti il giudice per le indagini preliminari Antonia Salamida ha applicato la misura del collocamento in tre comunità per ogni idoneo intervento rieducativo. Tutti rispondono di danneggiamento e pubblica intimidazione con l'uso di ordigni e materiale esplodente.

Gli inquirenti hanno ritenuto che non possano «esservi dubbi sull'ascrivibilità ai minori dei reati commessi». E questo è emerso dai filmati di videosorveglianza «in cui la volontà criminale di suscitare tumulto e attentare alla sicurezza pubblica emerge con chiarezza, in quanto le azioni poste in essere appaiono il frutto di una preordinata volontà degli indagati di causare gravi danni materiali e instaurare nella cittadinanza un clima di terrore di cui si aveva riscontro sui social network».

E quei frame hanno permesso di identificare i tre, «la cui condotta criminosa» mette «in luce una spiccata pericolosità sociale». Ed ancora: «Il grave rischio di una recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani agiscono», i quali, «non ebbero remore a trasformare una piazza in un teatro di guerriglia urbana».
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta In manette una 48enne e una 41enne, entrambe già note: sequestrati dai Carabinieri anche 2 grammi di hashish e 745 euro
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Un 14enne, un 16enne e un 17enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari
Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Per il gip Barlafante la volontà era quella di «attentare alla sicurezza pubblica», ma soprattutto «di incutere timore»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.