Ospedale
Ospedale
Cronaca

Assenteismo all'ospedale di Molfetta: a processo 30 furbetti del cartellino

I dipendenti dell'Asl timbravano il cartellino, ma in realtà erano assenti durante l'orario di lavoro. Oggi la prima udienza

Inizierà stamane, presso il Tribunale di Trani, davanti al giudice dell'udienza preliminare Lucia Anna Altamura il processo ai 30 dipendenti dell'Azienda Sanitaria Locale di Bari accusati di timbrare regolarmente il proprio cartellino, ma in realtà di assentarsi durante l'orario di lavoro all'ospedale don Tonino Bello di Molfetta.

Per questo, al termine dell'indagine "Quinto Piano" svolta dai militari della Guardia di Finanza della locale Tenenza, cinque medici, una caposala, una infermiera professionale, diciassette impiegati amministrativi, cinque impiegati tecnici manutentori ed un soggetto esterno alla Azienda Sanitaria Locale, affronteranno un processo per i reati - a vario titolo - di truffa aggravata ai danni di Ente pubblico, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, abuso d'ufficio e di peculato.

Dodici di loro - Marco Bellapianta, Salvatore Boccanegra, Raffaele Croce, Francesco Saverio De Bari, Francesco Dimiccoli, Vincenza Farinola, Giovanni Gadaleta, Luigi La Forgia, Demetrio Losciale, Giuseppe Piccininni, Isabellangela Sgherza e Filomena Squeo -, l'8 luglio 2019, furono arrestati su ordinanza del giudice per le indagini preliminari di Trani, Maria Grazia Caserta, e posti ai domiciliari, misure revocate dopo gli interrogatori di garanzia e in seguito dal Tribunale del Riesame.

L'inchiesta dei finanzieri, coordinati dal sostituto procuratore Silvia Curione, durò due anni e fece emergere circa 300 episodi di assenteismo da parte di medici, infermieri, impiegati amministrativi e tecnici manutentori. Le Fiamme Gialle avrebbero accertato numerose assenze dal luogo di lavoro in orario d'ufficio, spesso autorizzate da permessi sindacali o dalla legge 104/92, ma usate per svolgere attività in altre strutture o per motivi privati, anche utilizzando le auto di servizio.

In qualche caso sarebbe stata constatata anche la collaborazione di un soggetto esterno alla Asl, il quale si presentava per "smarcare" ai rilevatori la presenza, timbrando cartellini illecitamente. Si sarebbero assentati anche vari impiegati dell'ufficio rilevazioni presenze e assenze, addetti al controllo del corretto rispetto dell'orario di lavoro dei dipendenti che, approfittando della possibilità di accedere al sistema informatico, avrebbero modificato manualmente gli orari di lavoro.

Così, nel 2019, il dg dell'Asl di Bari, Antonio Sanguedolce, commentò in una nota l'inchiesta e i dodici arresti per i vari casi di assenteismo. «L'Asl di Bari licenzierà senza indugio i dipendenti interessati dalla vicenda, se i fatti contestati dalla Procura di Trani dovessero essere confermati nelle modalità previste dalla legge».
  • Guardia di Finanza Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Ospedale Molfetta
Altri contenuti a tema
Operazione antidroga dei Carabinieri di Molfetta, 19 arresti Operazione antidroga dei Carabinieri di Molfetta, 19 arresti Impegnati oltre 100 militari in 7 comuni: Bitonto, Palo del Colle, Modugno, Corato, Bisceglie e Ruvo di Puglia
Processo "Quinto Piano", primo grado: dieci condanne, due assoluzioni Processo "Quinto Piano", primo grado: dieci condanne, due assoluzioni Sentenza del Tribunale di Trani per i casi di assenteismo scoperti dalla Guardia di Finanza nel 2019
Abusata a soli 14 anni, condanne definitive: in carcere i 4 stupratori Abusata a soli 14 anni, condanne definitive: in carcere i 4 stupratori Gli imputati, come confermato dai giudici, hanno abusato sessualmente di una minorenne. Arrestati dai Carabinieri
1 Controlli al mercato di piazza Minuto Pesce: pescati 2 evasori totali Controlli al mercato di piazza Minuto Pesce: pescati 2 evasori totali Operazione congiunta in città: sequestrati 2 quintali di prodotti ittici, accertati 2 illeciti amministrativi
Estorsione, imprenditore taglieggiato: arrestato un 29enne di Molfetta Estorsione, imprenditore taglieggiato: arrestato un 29enne di Molfetta L'uomo è stato fermato dai Carabinieri dopo aver riscosso 500 euro. Pronto il ricorso al Riesame
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Petizione a Molfetta per garantire spazi e servizi idonei per l'ambulatorio di pediatria nell'ospedale Petizione a Molfetta per garantire spazi e servizi idonei per l'ambulatorio di pediatria nell'ospedale Raccolte già una cinquantina di firme. Un genitore racconta la propria esperienza
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.