La liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
La liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
Cronaca

Tartarughe marine, Edoardo Stoppa è tornato a Molfetta

L'inviato di "Striscia la notizia" ha seguito l'emozionante liberazione di due esemplari di caretta caretta

È tornato a Molfetta, ieri mattina, Edoardo Stoppa, inviato della trasmissione "Striscia la notizia". Le telecamere del programma di Canale 5 hanno ripreso le fasi salienti della liberazione di due tartarughe marine, un momento di genuina emozione per gli operatori che si sono presi cura dei due esemplari.

Il giornalista, noto come "l'amico degli animali", già a Molfetta in passato per promuovere simili virtuose iniziative, è tornato dunque ad occuparsi delle tartarughe marine della specie caretta caretta e in particolar modo di due esemplari recuperate dalle marinerie di Bisceglie e Trani: sono numerosi i rischi che questi animali corrono a causa di rifiuti, reti da posta fissa e ami sparsi nelle acque, che per loro rappresentano vere e proprie trappole mortali.

L'inviato di Striscia ha mostrato l'operato del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta, diretto da Pasquale Salvemini, che da anni si occupa di soccorrere questi animali, curandoli e rimettendoli in libertà dopo averli marcati: Stoppa, immerso nelle acque dell'Adriatico, ha assistito al rilascio di due esemplari (Donnys e Mahjong) che - ormai in ottima salute e del peso di circa 45 chilogrammi ciascuno - hanno ripreso il largo nel loro habitat naturale.
6 fotoLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
La liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
Le telecamere hanno registrato, infatti, la liberazione delle due tartarughe marine. E così i volontari del WWF, grazie alla collaborazione della Guardia Costiera di Molfetta, diretta dal capitano di fregata Michele Burlando, che ha messo a disposizione due mezzi nautici, ma anche degli aderenti del gruppo Poseidon, il primo nucleo sub pugliese affiliato al WWF, hanno condotto i due esemplari ad oltre 1 miglio dalla costa molfettese per liberarli in mare aperto.

Sono ormai anni che i volontari del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta intervengono per salvare le tartarughe, con la preziosa collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Bari, per poi liberarle nuovamente in mare. Tra imbarcazioni pronte a decapitarle o amputar loro un arto con un colpo di elica, rifiuti di plastica, reti a strascico, ami dei palangari e reti fisse, per le tartarughe marine la vita si fa sempre più difficile.

Molti esemplari sono quelli che rischiano la vita, pochi sono quelli che riescono a nuotare nel mare Adriatico, anche grazie all'aiuto dei volontari di Molfetta. Ecco perché lo spettacolo di ieri registrato da Striscia (la puntata sarà trasmessa il 31 maggio, nda) ha emozionato anche "l'amico degli animali".
  • pasquale salvemini
  • Tartarughe Molfetta
Altri contenuti a tema
Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio» Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio» Salvemini elenca «alberi sofferenti, altri privi di tutore, molti potati in un periodo errato»
Amo e lenza killer. Tartaruga marina morta nel porto di Molfetta Amo e lenza killer. Tartaruga marina morta nel porto di Molfetta Visibilmente debilitata, la caretta caretta aveva ancora una lunga lenza in gola e un amo all'interno
Sorpresa tra le campagne di Molfetta: salvato esemplare di barbagianni Sorpresa tra le campagne di Molfetta: salvato esemplare di barbagianni Il rapace in difficoltà è stato recuperato e consegnato ai Carabinieri. Adesso è in cura presso il WWF Puglia
Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone L'esemplare era morto da tempo e presentava i classici sintomi legati alla patologia di gas embolico
Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa 6 esemplari di caretta caretta sono stati rinvenuti negli ultimi 2 giorni fra Trani e Giovinazzo
Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita La carcassa dell'animale, lungo 80 centimetri, è stato ritrovato nei pressi del Mikki Beach
GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà Era stata recuperata a Barletta e curata presso il centro di Molfetta. Domani sarà liberata al largo di Bisceglie
Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Si arrampicano sugli alberi e rubano i piccoli. Al mercato nero ognuno ha un valore di 80 euro
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.