La liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
La liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
Cronaca

Tartarughe marine, Edoardo Stoppa è tornato a Molfetta

L'inviato di "Striscia la notizia" ha seguito l'emozionante liberazione di due esemplari di caretta caretta

È tornato a Molfetta, ieri mattina, Edoardo Stoppa, inviato della trasmissione "Striscia la notizia". Le telecamere del programma di Canale 5 hanno ripreso le fasi salienti della liberazione di due tartarughe marine, un momento di genuina emozione per gli operatori che si sono presi cura dei due esemplari.

Il giornalista, noto come "l'amico degli animali", già a Molfetta in passato per promuovere simili virtuose iniziative, è tornato dunque ad occuparsi delle tartarughe marine della specie caretta caretta e in particolar modo di due esemplari recuperate dalle marinerie di Bisceglie e Trani: sono numerosi i rischi che questi animali corrono a causa di rifiuti, reti da posta fissa e ami sparsi nelle acque, che per loro rappresentano vere e proprie trappole mortali.

L'inviato di Striscia ha mostrato l'operato del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta, diretto da Pasquale Salvemini, che da anni si occupa di soccorrere questi animali, curandoli e rimettendoli in libertà dopo averli marcati: Stoppa, immerso nelle acque dell'Adriatico, ha assistito al rilascio di due esemplari (Donnys e Mahjong) che - ormai in ottima salute e del peso di circa 45 chilogrammi ciascuno - hanno ripreso il largo nel loro habitat naturale.
6 fotoLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
La liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di MolfettaLa liberazione delle due tartarughe marine al largo di Molfetta
Le telecamere hanno registrato, infatti, la liberazione delle due tartarughe marine. E così i volontari del WWF, grazie alla collaborazione della Guardia Costiera di Molfetta, diretta dal capitano di fregata Michele Burlando, che ha messo a disposizione due mezzi nautici, ma anche degli aderenti del gruppo Poseidon, il primo nucleo sub pugliese affiliato al WWF, hanno condotto i due esemplari ad oltre 1 miglio dalla costa molfettese per liberarli in mare aperto.

Sono ormai anni che i volontari del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta intervengono per salvare le tartarughe, con la preziosa collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Bari, per poi liberarle nuovamente in mare. Tra imbarcazioni pronte a decapitarle o amputar loro un arto con un colpo di elica, rifiuti di plastica, reti a strascico, ami dei palangari e reti fisse, per le tartarughe marine la vita si fa sempre più difficile.

Molti esemplari sono quelli che rischiano la vita, pochi sono quelli che riescono a nuotare nel mare Adriatico, anche grazie all'aiuto dei volontari di Molfetta. Ecco perché lo spettacolo di ieri registrato da Striscia (la puntata sarà trasmessa il 31 maggio, nda) ha emozionato anche "l'amico degli animali".
  • pasquale salvemini
  • Tartarughe Molfetta
Altri contenuti a tema
Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Si arrampicano sugli alberi e rubano i piccoli. Al mercato nero ognuno ha un valore di 80 euro
Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta La testuggine, in avanzato stato di decomposizione, è stata ritrovata nei pressi del lido Bahia
Mare rosso a Molfetta, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Mare rosso a Molfetta, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Il fenomeno è provocato dalla fioritura della Noctiluca miliaris, innocua per l'essere umano. Di notte è bioluminescente
Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Due gli esemplari rinvenuti nei giorni scorsi: entrambi erano in avanzato stato di decomposizione
100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero 100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero «Un gravissimo errore pagare per il recupero delle tartarughe marine». Si vanificano decenni di buone pratiche
Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta La prima in località San Giacomo, la seconda sul lungomare Colonna. È intervenuta la Guardia Costiera
Tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Torre Calderina Tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Torre Calderina Ennesimo spiaggiamento di un esemplare di caretta caretta: l'animale era in avanzato stato di decomposizione
Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF Problemi al depuratore, sott'acqua centinaia di ulivi. Salvemini: «Ingenti i danni provocati dal marciume radicale»
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.