La Compagnia Carabinieri di Molfetta
La Compagnia Carabinieri di Molfetta
Cronaca

Stalking e tentato omicidio: arrestato dai Carabinieri un 49enne

L'incubo di una molfettese è terminato. Svelato il retroscena dell'accoltellamento di via don Minzoni

Una lunga serie di atti persecutori, terrore e violenza per una donna di Molfetta e per il suo nuovo compagno che hanno avuto il coraggio di denunciare una storia che poteva avere un epilogo più grave. La vicenda s'è chiusa con l'arresto di un uomo accusato di tentato omicidio e stalking dopo un'escalation di violenze.

Il Tribunale di Trani, infatti, esaminando il caso ha stabilito che l'uomo, un 49enne di origini baresi, accusato di atti persecutori nei confronti di una sua coetanea, di Molfetta, e di tentato omicidio nei confronti del suo nuovo compagno, di 53 anni, anche lui del posto, debba essere arrestato. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita dai Carabinieri della Stazione di Molfetta: l'uomo, hanno accertato i militari, non aveva per niente accettato la fine della relazione.

Si tratta di una vicenda che va avanti dagli inizi del mese di settembre. E da allora, in un crescendo di paura, mai rassegnatosi al termine della relazione, l'uomo, incensurato, si sarebbe rifatto avanti con toni e modi sempre più aggressivi e con condotte sempre più pressanti e asfissianti nei confronti della donna col solito copione dello stalker irriducibile. L'avrebbe prima pressata con numerose telefonate. Poi avrebbe cominciato a pedinarla sino ad aspettarla anche sotto casa.

Tuttavia gli atti persecutori ed i comportamenti dell'uomo, mai un problema con la giustizia, hanno dato il via ad un'escalation di molestie sempre più violente. La sua ossessione, infatti, era la possibilità che lei si rifacesse una vita, che avesse un altro uomo: stavolta alle molestie avrebbe fatto seguito il tentato omicidio del 53enne. Il 49enne, infatti, il 29 settembre, in via don Minzoni, con il volto travisato e senza proferire alcuna parola, gli avrebbe sferrato tre coltellate all'addome.

L'uomo non fu colpito in punti vitali: condotto al pronto soccorso del don Tonino Bello se la cavò in 10 giorni. Questi episodi sono stati raccolti in una denuncia presentata ai Carabinieri della Stazione di Molfetta a cui si è rivolta la 49enne elencando le prime molestie, minacce telefoniche, fino ad avvertimenti sempre più espliciti e all'accoltellamento del 53enne, mentre i militari, dal canto loro, hanno svolto un'accurata indagine, sotto la direzione dell'Autorità Giudiziaria di Trani.

La dettagliata denuncia della vittima e i riscontri dei Carabinieri hanno contribuito a ricostruire la storia di violenza che ha portato il Tribunale di Trani a emettere nei confronti del 49enne un'ordinanza di custodia cautelare. L'uomo, arrestato con l'accusa di atti persecutori e di tentato omicidio, è finito nel carcere di Trani.
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Armati di pistola rapinano la tabaccheria di via Silvestri Armati di pistola rapinano la tabaccheria di via Silvestri In due, a volto coperto, si sono fatti consegnare parte dell'incasso e alcune stecche di sigarette
6 E-bike, controlli a tappeto dei Carabinieri: elevate oltre 15 multe E-bike, controlli a tappeto dei Carabinieri: elevate oltre 15 multe Bici elettriche modificate per superare i 25 chilometri orari. I controlli proseguiranno anche in altre aree della città
Sequestrata dai Carabinieri: sarà l'auto-civetta della Polizia Locale Sequestrata dai Carabinieri: sarà l'auto-civetta della Polizia Locale Il mezzo, confiscato, sarà reimmatricolato. Servirà per «l'espletamento di compiti e di funzioni istituzionali»
Il maresciallo Vito De Lucia è Ufficiale al Merito della Repubblica Il maresciallo Vito De Lucia è Ufficiale al Merito della Repubblica Ieri sera la cerimonia nel Salone degli Specchi della Prefettura di Bari
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini «Brillante operazione». Quell'episodio destò «particolare allarme per la sicurezza cittadina»
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.