I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Accoltellato in strada a Molfetta, ferito un 53enne

È successo in via don Minzoni: l'uomo è stato raggiunto da una coltellata. Giallo sul movente

Un uomo accoltellato e il suo aggressore in fuga. Questo il bilancio della serata di ieri a Molfetta: intorno alle ore 23.30 è giunta una richiesta d'aiuto alla centrale del 118 per un uomo, poi identificato in un 53enne, rimasto ferito. L'uomo, accompagnato al pronto soccorso del don Tonino Bello, non è in gravi condizioni.

In pochi minuti, sul posto, si sono precipitati anche i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile che hanno lavorato tutta la notte per cercare di ricostruire la vicenda, ancora tutta da chiarire. Stando a quanto lui stesso ha raccontato agli inquirenti, l'uomo, residente in città, si trovava in via don Minzoni, quando è stato avvicinato da una persona con il volto travisato che, senza proferire alcuna parola e senza alcun apparente motivo, gli ha sferrato una coltellata allo stomaco.

L'aggressore è poi fuggito a piedi, facendo perdere le proprie tracce nella zona di Levante, mentre il 53enne, nessun precedente a suo carico, fedina penale pulita, è stato tempestivamente soccorso e condotto al pronto soccorso dell'ospedale di Molfetta: l'uomo che ha riportato una ferita d'arma da taglio (le sue condizioni non sono gravi, se la caverà in meno di 20 giorni, nda) è stato ascoltato, ma resta il mistero su un'aggressione atipica, senza movente e non a scopo di rapina

Dubbi, molti. Certezze, per adesso, poche. I militari del capitano Francesco Iodice, che hanno svolto i rilievi per determinare l'esatta dinamica di quanto accaduto, stanno scandagliano palmo a palmo la zona alla ricerca di telecamere. Intanto l'episodio di ieri ha subito riacceso le luci sul problema sicurezza a Molfetta.
  • Carabinieri Molfetta
  • Accoltellamenti Molfetta
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini «Brillante operazione». Quell'episodio destò «particolare allarme per la sicurezza cittadina»
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
«A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» «A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» Secondo due pentiti «bisognava chiedergli il permesso prima di avviare un cantiere». Poli: «Fiduciosi di chiarire»
Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Per il sindaco si tratta di «una risposta importante da parte delle istituzioni e delle forze dell’ordine»
Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dai Carabinieri dopo una serie di controlli stradali
Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Al 52enne i Carabinieri hanno messo sotto chiave 16 fabbricati, 4 terreni, 5 società, 6 veicoli e 11 conti correnti
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.