liberazione tartarughe bisceglie
liberazione tartarughe bisceglie
Territorio e Ambiente

Liberate a Bisceglie le tartarughe curate a Molfetta

Per Salvemini: «Ogni liberazione è un evento unico e irripetibile»

Mia, Lady Moon e Bimba, ecco le tre tartarughe liberate a Bisceglie dopo essere state in cura presso il Centro di recupero tartarughe marine di Molfetta.

Non è un caso la scelta di farle ritornare nel loro habitat a Bisceglie. Infatti, due di loro sono finite nelle reti di pescatori biscegliesi che prontamente hanno chiamato il Centro di recupero per le cure del caso. Diversa è la storia della terza tartaruga che ha avuto un destino più crudele in quanto al momento del ritrovamento a Torre a Mare aveva ingerito due ami da palangaro ed ha subìto un intervento di asportazione presso la clinica veterinaria dell'Università di Bari.

La temperatura non proprio mite, non ha impedito che la liberazione delle tartarughe diventasse una grande festa alla presenza della Capitaneria di porto di Bisceglie, del Corpo forestale dello Stato, del Circolo Vela di Bisceglie, dei responsabili del gruppo Migro, del manager del parco divertimenti Miragica, Francesco Soressi, accompagnato dalla mascotte, Samy, e dal Mago Heldin che ha intrattenuto i bimbi presenti.

«Ogni liberazione è un evento unico e irripetibile- ci ha detto il responsabile del Centro, Pasquale Salvemini- in dieci anni di attività del centro abbiamo curato e liberato oltre 500 tartarughe, ma ogni volta che rimettiamo in libertà una testuggine è un momento di profondo orgoglio per il lavoro che abbiamo fatto, che stiamo facendo e che faremo. In quanto in questi 10 anni siamo riusciti a sensibilizzare i pescatori a non rimettere in mare le tartarughe quando rimangono impigliate nelle loro reti, perché curate a dovere possono ritornare a nuotare nel loro habitat».

In questi anni di attività Pasquale Salvemini ha collaborato anche con il corpo forestale dello Stato, è Giuliano Palomba, commissario capo, a precisare che «ogni qualvolta si parla di tutela degli animali, dell'ambiente in generale, dei prodotti agro alimentari è presente il Corpo forestale dello Stato, non soltanto nella fase repressiva, ma anche di salvaguardia come nel caso di oggi».

Il Centro recupero tartarughe collabora anche al progetto NetCet. un programma internazionale per la salvaguardia dei cetacei e delle tartarughe marine, che vede la partecipazione di tutti i paesi balcanici e dell'Italia.
  • liberazione tartarughe
  • Pasquale Salvemini
Altri contenuti a tema
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.