comitato marzo truck center JPG
comitato marzo truck center JPG

Il Comitato 3 marzo in piazza per non dimenticare la tragedia della Truck Center

In corso una mobilitazione per chiedere giustizia e verità perché la sentenza di Appello possa essere ribaltata

Era il 3 marzo 2008 quando Vincenzo Altomare, Guglielmo Mangano, Luigi Farinola, Biagio Sciancalepore, Michele Tasca, i cinque lavoratori della Truck Center in una catena di solidarietà morirono uno per salvare l'altro, tra le cinque vittime anche il proprietario dell'azienda.

Oggi a distanza di quasi 10 anni il Comitato 3 marzo e i familiari delle vittime tornano a chiedere giustizia e verità, perché la sentenza di appello dello scorso luglio ha ribaltato la sentenza di primo grado assolvendo di fatto o prosciogliendo per prescrizione tutti gli imputati, tranne la Truck Center.

Ma il Comitato non ci sta, continua a chiedere con forza giustizia per questi cinque lavoratori uccisi dalle esalazioni di acido solfidrico, mentre pulivano una cisterna, lo ha fatto ieri sera in piazza Paradiso per non dimenticare e per chiedere alla città di mobilitarsi al loro fianco per l'appello in Corte di Cassazione perché si possa fare giustizia.

E' Ciccio Mancini, referente del Comitato 3 marzo, a precisare con forza che «quell'acido non doveva esserci, sulla cisterna non era stato apposto l'apposito cartello. Si sono celebrati due processi distinti per le società coinvolte, l'Eni e la Nuova Solmine in modo da potersi rimpallare le responsabilità».

I referenti del Comitato parlano di possibile complicità fra le due società, per questo, a loro avviso, andavano giudicate insieme, «con la sentenza di luglio non è stata fatta alcuna giustizia, perché continuano a vincere i poteri forti».

Ma la sete di giustizia e di verità è forte da parte dei familiari delle vittime, presenti all'incontro la mamma di Michele Tasca e il papà di Biagio Sciancalepore, che con la voce rotta dall'emozione e dal dolore continuano a ripetere come un mantra che «l'unica colpa dei loro ragazzi era aver voluto salvare i loro colleghi di lavoro, in un gesto di altruismo e di cuore. Cuore che la giustizia e i giudici non hanno dimostrato con la sentenza di appello. La nostra speranza è che questa sentenza venga ribaltata».

Quello che chiede il Comitato, i familiari e il rappresentante dell'Usb, Sabino De Raza, presente all'incontro di ieri sera, è una forte mobilitazione non solo dei cittadini, ma anche delle Istituzioni comunali e non.

La tragedia della Truck Center è diventata anche una piece teatrale "La cisterna", curata dall'attore Massimo Zaccaria che telefonicamente ha spiegato il perché di questa narrazione, che ha visto in tutta Italia oltre 120 repliche, «con questo racconto voglio scuotere le coscienze».

Presto il Comitato tornerà in piazza per chiedere verità e giustizia per questi cinque lavoratori.
  • truck center
  • Comitato 3 marzo
Altri contenuti a tema
Da rifare il processo Truck Center. Note le motivazioni della Cassazione Da rifare il processo Truck Center. Note le motivazioni della Cassazione Si ritornerà davanti alla Corte d'Appello di Bari
Molfetta ricorda le vittime della truck Center Molfetta ricorda le vittime della truck Center Il Sindaco: «La morte di quelle cinque persone non resti impunita»
Molfetta piange ancora per la tragedia Truck Center.  Storia di un processo che adesso andrà rifatto Molfetta piange ancora per la tragedia Truck Center. Storia di un processo che adesso andrà rifatto Tre mesi di tempo per la riassunzione davanti alla Corte d'Appello di Bari
Per la Cassazione da rifare il processo sulla tragedia della Truck Center di Molfetta Per la Cassazione da rifare il processo sulla tragedia della Truck Center di Molfetta Annullata la sentenza che assolveva gli imputati in secondo grado
Sulla strada giusta. Giustizia e verità per le vittime della Truck Center Sulla strada giusta. Giustizia e verità per le vittime della Truck Center Soddisfazione del Comitato 3 marzo per decisione del Comune di Molfetta di proseguire come parte civile nel processo
Truck Center, il Comune porterà in Cassazione la sentenza di assoluzione della Corte d'Appello Truck Center, il Comune porterà in Cassazione la sentenza di assoluzione della Corte d'Appello Nella tragedia persero la vita Vincenzo Altomare, Luigi Farinola, Guglielmo Mangano, Michele Tasca e Biagio Sciancalepore
7 Tragedia Truck Center: i parenti delle vittime in piazza Tragedia Truck Center: i parenti delle vittime in piazza Domenica in Piazza Paradiso alle ore 18.15
6 La sentenza di appello sul caso "Truck Center" in Cassazione? Il commento del Comitato 3 Marzo La sentenza di appello sul caso "Truck Center" in Cassazione? Il commento del Comitato 3 Marzo La nota integrale. Dura presa di posizione
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.