tartarughe
tartarughe
Territorio e Ambiente

Galea e Dolly hanno ripreso il largo

Galea e Dolly hanno ripreso il largo

In una splendida mattinata di fine dicembre sono state restituite al loro ambiente naturale due esemplari di tartaruga della specie caretta caretta. I due esemplari di testuggine sono stati chiamati Galea e Dolly e sono stati curati, nutriti e dotati del dispositivo di identificazione presso il Centro Recupero Tartarughe Marine di Molfetta il cui responsabile è Pasquale Salvemini.

Le tartarughe, ci ha raccontato Salvemini, erano finite nelle reti a strascico e, grazie alla sensibilità di due equipaggi di pescherecci, sono state recuperate e tratte in salvo. Sempre maggiore è l'attenzione che i pescatori riversano verso le tartarughe, una specie protetta in via di estinzione e che ultimamente sta subendo notevoli perdite a causa di notevolissimi episodi di spiaggiamento sulle nostre coste. Michele Monopoli e Pietro Dell' Olio della "Nuova Giovanna" e Andrea e Domenico Napoletano dell' "Argonauta" sono gli artefici dei due recuperi avvenuti nelle acque fra Barletta e Vieste. Dopo essere state trasportate dal Centro sul porto in due grosse conche, viste le dimensioni delle tartarughe veramente notevoli, Galea circa 65 cm mentre Dolly circa 45 cm, sono state imbarcate sul battello veloce A75 della Capitaneria di Porto di Molfetta, condotto dal maresciallo Natale Cortese. Grazie alla disponibilità del comandante, il Capitano di fregata La Grasta e dei suoi uomini, ancora una volta le testuggini hanno potuto rituffarsi nel loro ambiente naturale.

Raggiunta la distanza ideale dalla costa e la profondità indicata. Pasquale Salvemini, insieme ai membri dell'equipaggio, dopo aver sollevato Galea e Dolly che hanno iniziato subito a dimenarsi e a sbattere le pinne, le ha poggiate sul bordo per fare loro assaporare l'odore del mare. Subito dopo sono state immerse in acqua e, dopo un attimo di smarrimento e aver ripreso i contatti con l'elemento mare, hanno preso il largo immergendosi nel blu.
Ogni liberazione procura una emozione perché fa' apprezzare la bellezza della natura, quanto sia importante rispettarla e custodirla, per tramandarla, intatta o meno deturpata possibile, alle nuove generazioni.
  • liberazione tartarughe
Altri contenuti a tema
E' il turtle day 2016: 155 tartarughe soccorse dal centro di Molfetta E' il turtle day 2016: 155 tartarughe soccorse dal centro di Molfetta Domenica a Bisceglie sarà liberata Ambra, il carapace che aveva ingerito un amo di 4 cm
Tartarughe marine: aumentano gli arrivi al Centro di Recupero di Molfetta Tartarughe marine: aumentano gli arrivi al Centro di Recupero di Molfetta Intanto proseguono le liberazioni
Linea blu racconta la liberazione di due tartarughe curate nel Centro Wwf di Molfetta Linea blu racconta la liberazione di due tartarughe curate nel Centro Wwf di Molfetta Appuntamento sabato 15, su Rai uno
Riconquistano il mare dieci tartarughe "curate" a Molfetta Riconquistano il mare dieci tartarughe "curate" a Molfetta Dal Centro tartarughe alla libertà
Liberate a Bisceglie le tartarughe curate a Molfetta Liberate a Bisceglie le tartarughe curate a Molfetta Per Salvemini: «Ogni liberazione è un evento unico e irripetibile»
Edoardo Stoppa libera le tartarughe Edoardo Stoppa libera le tartarughe Un tuffo in mare, le telecamere di Striscia, i bambini e Pasquale Salvemini, innamorato della natura
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.