Francesco Padre
Francesco Padre

Domani il 27° anniversario dalla tragedia del motopeschereccio Francesco Padre

Nell'esplosione del 4 novembre 1994 persero la vita diversi molfettesi

Sono trascorsi 27 anni da quando, il 4 novembre 1994, una manciata di minuti dopo la mezzanotte, il motopeschereccio Francesco padre esplode al largo delle coste del Montenegro. Quella notte persero la vita Giovanni Pansini, Saverio Gadaleta, Luigi De Giglio, Francesco Zaza, Mario De Nicolo, capitano/armatore e componenti dell'equipaggio, e Leone, il cane di bordo.

Quella tragedia che ha segnato le famiglie delle vittime, i lavoratori del mare, la città intera, urla ancora giustizia. Nonostante, nel 2014, la Procura di Trani, demolendo tutte le altre ipotesi investigative, ritenute infondate, giunge alla conclusione che "per un tragico errore il motopesca di Molfetta sia stato affondato dalle forze Nato perché scambiato per uno di quei natanti utilizzati in funzione antisommergibile". Ma, per quelle morti innocenti, nessuno è stato condannato. Le forze Nato non hanno mai risposto alle rogatorie internazionali non consentendo, nei fatti, alla Procura di procedere con eventuali richieste di rinvio a giudizio.

"Questa tragedia – sottolinea il sindaco Tommaso Minervini - ha profondamente segnato l'intera comunità. Nessuno riuscirà mai a dimenticare quanto è accaduto e fa male la consapevolezza che le profondità del mare saranno per sempre l'ultimo rifugio per i resti umani dei componenti dell'equipaggio del Francesco padre e della loro mascotte, Leone. Due anni fa, in occasione del 25esimo anniversario di quella tragedia – continua il Primo cittadino - ho avuto modo di incontrare i parenti di quegli uomini che al mare hanno immolato la loro vita".

"Nei loro sguardi ho letto il dolore, quello più intenso e profondo, che nasce dalla certezza che non potranno mai recuperare le spoglie mortali dei loro cari ormai sepolte nel mare. Ho visto l'orgoglio di essere riusciti, dopo anni di silenzi e di ombre, di vedere riconosciuta, sia pure solo da parte della Procura, l'innocenza dei loro congiunti, la totale estraneità alle accuse, infamanti, che, nelle prime battute, erano state a loro addebitate. Giovanni, Saverio, Luigi, Francesco, Mario e Leone erano, sono e saranno per sempre vittime di una guerra che non gli è mai appartenuta. Erano in mare per lavorare. E dal mare non sono più tornati. Ai loro cari – conclude il Sindaco Minervini - giunga il mio più caloroso abbraccio".
  • Tommaso Minervini
Altri contenuti a tema
16 Minervini: «La crisi politica di Molfetta ha creato maggiore consapevolezza» Minervini: «La crisi politica di Molfetta ha creato maggiore consapevolezza» Il primo cittadino commenta anche i finanziamenti dei fondi per il PNRR
Altri 9.5 milioni di euro a Molfetta nell'ambito del Pnrr Altri 9.5 milioni di euro a Molfetta nell'ambito del Pnrr Il finanziamento si aggiunge ai 2 milioni per il parco di Levante
Buon 2022: gli auguri del sindaco Minervini alla città di Molfetta Buon 2022: gli auguri del sindaco Minervini alla città di Molfetta Il primo cittadino traccia il bilancio del 2021 e lancia lo sguardo al nuovo anno
"Natale è accoglienza", iniziativa dell'istituto Mons. Bello di Molfetta "Natale è accoglienza", iniziativa dell'istituto Mons. Bello di Molfetta Minervini: «I giovani sono il nostro futuro»
Realizzava visiere con stampante 3D: studente di Molfetta nominato alfiere della Repubblica Realizzava visiere con stampante 3D: studente di Molfetta nominato alfiere della Repubblica I complimenti del Sindaco al team di lavoro che ha realizzato il progetto
1 Minervini: «Fare il sindaco è una cosa seria. Sono reduce da mesi di attacchi» Minervini: «Fare il sindaco è una cosa seria. Sono reduce da mesi di attacchi» Il sindaco ritorna sull'ultimo Consiglio comunale
Stato di agitazione all'hub vaccinale di Molfetta. Minervini scrive ai vertici Asl Stato di agitazione all'hub vaccinale di Molfetta. Minervini scrive ai vertici Asl Difficoltà legata alla mancata erogazione delle prestazioni aggiuntive
Giornata contro la violenza sulle donne, il messaggio del sindaco di Molfetta Giornata contro la violenza sulle donne, il messaggio del sindaco di Molfetta Minervini: «Importante creare una comunità autoeducante»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.