Consiglio comunale
Consiglio comunale
Politica

Salta il Consiglio Comunale, Zanna e de Candia contro l'amministrazione. Mancini attacca il sindaco

Ore calde per la politica: anche le commissioni sarebbero andate deserte a causa della mancanza dei componenti di maggioranza

Rinviata a data da destinarsi.

E' questo il destino della seduta del Consiglio Comunale in programma per oggi in prima convocazione e per il 9 agosto in seconda. All'ordine del giorno, tra le altre cose, l'elezione del Vice Presidente dopo le dimissioni di Pino Amato nel frattempo passato in maggioranza e non più espressione delle minoranze in Aula ma anche l'approvazione salvaguardia degli equilibri di bilancio e assestamento generale e la presa d'atto della validazione del Piano Finanziario per la gestione dei rifiuti solidi urbani e dei servizi di igiene urbana nell'anno 2021.

La decisione è stata assunta dal presidente dell'assise Nicola Piergiovanni "facendo seguito alla nota prot. n. 51369 del 27/07/2021 - si legge in un documento inoltrato alla stampa - con la quale il Sindaco rappresenta la sua indisponibilità a partecipare al Consiglio, stante concomitanti ed inderogabili impegni istituzionali (firma del Patto per la Citta Metropolitana di Bari), nonché l'assenza di diversi consiglieri comunali fuori sede".

Stante già la crisi all'interno dell'amministrazione Minervini, il rinvio della seduta è stato letto dalle opposizioni come un tentativo di rinviare qualsivoglia discorso su quanto sta accadendo.
Ad esserne certi i consiglieri Beppe Zanna e Paola de Candia, espressione di Rifondazione Comunista \ Compagni di Strada: "In discussione sono gli equilibri interni ai pesi e contrappesi del Mostro a tre teste Minervini-Tammacco-PD. La nave continua ad affondare e i topi continuano a scappare e infatti i consiglieri si danno per assenti e disertano le Commissioni Consiliari ed infine il consiglio stesso che a poche ore dall'inizio viene rinviato a data destinarsi dal presidente del Consiglio comunale. Ancora una volta - proseguono in una nota congiunta - il sindaco continua a fingere che tutto proceda per il meglio e che questo consiglio sia stato rinviato senza gravi motivazioni. Insomma, continua la politica dello struzzo, continua lo scempio delle Istituzioni".

Nella giornata di ieri era intervenuto anche Pasquale Mancini, consigliere comunale di Officine Molfetta, dichiaratasi indipendente dalla maggioranza anche attraverso le dimissione dell'assessore di riferimento de Gennaro.
«Il Sindaco non può essere anche assessore al bilancio, glielo avrò detto decine di volte, è un non-sense amministrativo che non ho mai digerito, è ora di porre fine a questo modo di fare che non trova alcuna giustificazione logica. Avrei voluto - ha concluso Mancini - preannunciare questa mia decisione nella Commissione Bilancio convocata alle ore 12.00 di oggi (ieri, ndr), ma la stessa è andata deserta per l'assenza dei Consiglieri di maggioranza».
  • amministrazione minervini
Altri contenuti a tema
Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Tornano i "Popolari per Molfetta", possibili assessorati anche a Rossiello e Camporeale
Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Firma il centrosinistra e il centrodestra, Obiettivo Molfetta ma anche Mancini
Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Città sempre più disillusa e confusa: lo spettro dell'astensionismo già aleggia sulle elezioni comunali 2022
Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Al vaglio l'ipotesi delle dimissioni dei consiglieri. Mancini: «Il sindaco vuole recuperare un mese di galleggiamento»
Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 I passaggi amministrativi che porteranno la città alle urne
Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Crisi aperta un anno fa dagli scandali giudiziari. Poi il rimpasto, l'uscita del PD e quella di Pietro Mastropasqua e Pino Amato
1 Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Alla guida ci sarebbe il gruppo di Pietro Mastropasqua. Ma anche altri consiglieri comunali sarebbero pronti a opporsi al sindaco
7 Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Quasi sfumata la fine in anticipo dell'amministrazione Minervini
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.