consiglio comunale
consiglio comunale
Politica

Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta"

Firma il centrosinistra e il centrodestra, Obiettivo Molfetta ma anche Mancini

Dodici firme in calce alla mozione di sfiducia protocollata oggi al Comune di Molfetta per chiedere di sancire la fine dell'amministrazione Tommaso Minervini.

Sottoscrizioni e nomi di altrettanti consiglieri comunali, senza non poche soprese.
I primi tre nomi sono quelli del centrosinistra: Beppe Zanna, Paola de Candia e Silvia Rana.
Proprio loro avevano annunciato di avere già pronta la mozione a margine del Consiglio Comunale del 18 ottobre scorso, quello durante il quale "Obiettivo Molfetta" e "Popolari Molfetta" sancirono il proprio abbandono alla maggioranza di cui avevano fatto parte fino a quel momento.
Ancora i tre consiglieri eletti tra le fila di Rifondazione / Compagni di Strada (i primi due, ndr) e Sinistra Italiana (la terza, ndr) a incontrare qualche giorno dopo la città per spiegare che non ci sarebbe stato nessun accordo e nessuna firma per la caduta di Minervini se non dopo un ragionato percorso nell'unica sede ritenuta adatta cioè il Consiglio Comunale.

I sottoscrittori sono poi Isa de Bari, Antonello Pisani, Doriana Carabellese del centrodestra. Emerge subito la grande assente di questa fazione: Carmela Minuto.
La senatrice di Forza Italia, nonchè consigliere comunale eletta nell'opposizione di centrodestra, non compare tra i sottoscrittori.
Che ci sia aria tesa con il resto dei rappresentanti dello stesso colore politico è cosa nota da tempo. Che manchi, tuttavia, la firma a un atto politico così importante lascia perplessità: di fatto diventa lei l'ago della bilancia.

"Obiettivo Molfetta" prosegue nella volontà di porre fine all'amministrazione.
La distanza dall'operato di Tommaso Minervini il gruppo l'aveva già presa il 18 ottobre scorso. Non meraviglia, pertanto, che a firmare la mozione siano Luigi Tridente, Leo Binetti, Pasqua Losito, Sergio de Candia e Giuseppe Balestra.

Rimarca l'assenza del gruppo di Pino Amato "Popolari per Molfetta": per essendosi dichiarati fuori dalla maggioranza con le dimissioni da assessori di Maridda Poli ed Enzo Spadavecchia nessuno ha sottoscritto la mozione.

Non meraviglia, invece, la firma di Pasquale Mancini.
"Officine Molfetta", rappresentata in Aula Carnicella dall'imprenditore, si era da tempo dichiarata indipendente. La firma di Mancini è la naturale conseguenza della presa di posizione di diversi mesi fa.

Come prevedibile l'altro grande assente è il Partito Democratico.
Gli eletti in Consiglio Comunale nelle fila del PD, infatti, non hanno seguito le direttive dell'assemblea del Partito. Proprio ieri Nicola Piergiovanni e Gianni Facchini lo avevano spiegato in una lettera aperta alla città.
  • amministrazione minervini
Altri contenuti a tema
Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Tornano i "Popolari per Molfetta", possibili assessorati anche a Rossiello e Camporeale
Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Città sempre più disillusa e confusa: lo spettro dell'astensionismo già aleggia sulle elezioni comunali 2022
Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Al vaglio l'ipotesi delle dimissioni dei consiglieri. Mancini: «Il sindaco vuole recuperare un mese di galleggiamento»
Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 I passaggi amministrativi che porteranno la città alle urne
Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Crisi aperta un anno fa dagli scandali giudiziari. Poi il rimpasto, l'uscita del PD e quella di Pietro Mastropasqua e Pino Amato
1 Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Alla guida ci sarebbe il gruppo di Pietro Mastropasqua. Ma anche altri consiglieri comunali sarebbero pronti a opporsi al sindaco
7 Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Quasi sfumata la fine in anticipo dell'amministrazione Minervini
23 Fuga dall'Afghanistan, anche Molfetta pronta ad accogliere profughi Fuga dall'Afghanistan, anche Molfetta pronta ad accogliere profughi L'amministrazione comunale ha risposto alla chiamata del ministero dell'Interno
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.