Sindaco
Sindaco
Politica

Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte

Città sempre più disillusa e confusa: lo spettro dell'astensionismo già aleggia sulle elezioni comunali 2022

Molfetta è una città disillusa verso l'amministrazione della cosa pubblica e piuttosto confusa.
Da comportamenti, dichiarazioni (quasi tutte, rigorosamente, a mezzo social) molte delle quali difficili da addirittura assimilare a un volto visto che in pochi sono quelli usciti tra la gente dal 2017, da quando cioè l'attuale amministrazione si insediò alla guida della città.

Il 18 ottobre scorso, attorno alle ore 22:30 circa, il destino politico della città sembrava segnato: fuori dalla maggioranza "Obiettivo Molfetta" e "Popolari Molfetta" (i quali erano stati eletti nel 2017 all'opposizione di centrodestra, ndr) con il centrosinistra che annunciava di avere già pronta la mozione di sfiducia nei confronti del sindaco. Sindaco che, dal canto suo, nelle ore successive davanti a telecamere e microfoni sosteneva che no, non si sarebbe dimesso e che no, non ci sarebbero stati ripensamenti nell'intraprendere un dialogo con quelle forze politiche che gli avevano girato le spalle mentre fino a qualche minuto prima lo fiancheggiavano.

Adesso, invece, pare tutto capovolto.
Il PD ha preso ufficialmente le distanze dall'amministrazione sostenuta fin dalla campagna elettorale, cancellando Nicola Piergiovanni e Giovanni Facchini dall'anagrafe degli scritti sebbene i due siano rimasti ai propri posti in Aula Carnicella e strenuamente al fianco di Tommaso Minervini come i consiglieri del gruppo "NOI" di Saverio Tammacco da cui sarebbe emersa la volontà di scegliere il prossimo candidato sindaco dell'area, con addirittura autoproposte nonostante batoste già ricevute dalle urne negli anni passati.

Ma che rappresentanti ha adesso il PD in Consiglio Comunale? Nessuno.
Il centrodestra in Consiglio Comunale sarebbe pure spaccato per via di dinamiche interne che poco avrebbero a che fare con la politica in senso stretto.
Il centrosinistra, invece, appare compatto almeno sulla linea di sfiduciare Minervini solo nella massima assise locale.
"Obiettivo Molfetta", che avrebbe guidato il tentativo di far cadere l'amministrazione, adesso sarebbe un gruppo solo in Consiglio Comunale non potendo contare sui "Popolari Molfetta", attratti dal ritorno in maggioranza.

Insomma una situazione di precarietà estrema da cui solo una certezza è possibile ricavare, girando per la città: il disinteresse dei cittadini verso la cosa pubblica, avvertita sempre di più come qualcosa di e per pochi. Con il partito dell'assenteismo che giò, a ottobre 2021, avrebbe vinto le elezioni comunali 2022 a Molfetta.
  • amministrazione minervini
Altri contenuti a tema
Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Tornano i "Popolari per Molfetta", possibili assessorati anche a Rossiello e Camporeale
Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Firma il centrosinistra e il centrodestra, Obiettivo Molfetta ma anche Mancini
Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Al vaglio l'ipotesi delle dimissioni dei consiglieri. Mancini: «Il sindaco vuole recuperare un mese di galleggiamento»
Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 I passaggi amministrativi che porteranno la città alle urne
Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Crisi aperta un anno fa dagli scandali giudiziari. Poi il rimpasto, l'uscita del PD e quella di Pietro Mastropasqua e Pino Amato
1 Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Alla guida ci sarebbe il gruppo di Pietro Mastropasqua. Ma anche altri consiglieri comunali sarebbero pronti a opporsi al sindaco
7 Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Quasi sfumata la fine in anticipo dell'amministrazione Minervini
23 Fuga dall'Afghanistan, anche Molfetta pronta ad accogliere profughi Fuga dall'Afghanistan, anche Molfetta pronta ad accogliere profughi L'amministrazione comunale ha risposto alla chiamata del ministero dell'Interno
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.