Cerimonia proclamazione Tommaso Minervini sindaco
Cerimonia proclamazione Tommaso Minervini sindaco
Politica

Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza

Crisi aperta un anno fa dagli scandali giudiziari. Poi il rimpasto, l'uscita del PD e quella di Pietro Mastropasqua e Pino Amato

In principio furono il Partito Democratico e le liste civiche "Molfetta in più", "Bene Comune", "Si può FARE", "Molfetta nel cuore", "Piazza pulita", "Progetto Molfetta", "Molfetta futura", "Insieme per la città", "Officine Molfetta", "Molfetta per la Puglia".
Erano i primi mesi del 2017 quando nacque la coalizione che vedeva in Tommaso Minervini la sintesi perfetta delle istanze di ognuno, l'uomo da presentare come candidato sindaco alla città nelle elezioni comunali dello stesso anno.
Con queste forze Minervini fu eletto, dopo il turno di ballottaggio, nell'estate del 2017 e iniziò il proprio secondo mandato a sindaco della città.

Ben presto quella maggioranza assunse una connotazione ancora più chiara, soprattutto in Consiglio Comunale con il Partito Democratico e il grande gruppo consigliare "Nuove Officine delle Idee" nel quale erano confluiti tutti gli eletti nelle fila civiche, coordinati da Saverio Tammacco.

Dì li il prosieguo senza scossoni (ad eccezione delle dimissioni dalla Giunta dell'assessore Germano per motivi personali, ndr) fino alle elezioni regionali 2020 con il sindaco pubblicamente a sostegno della candidatura nel Consiglio Regionale di Saverio Tammacco con Raffaelle Fitto presidente e il PD ovviamente a supportare la candidatura di Michele Emiliano, poi vincitore.
Una rottura che sembrava inspiegabile e ingestibile.

Ma, mentre si cercava di tarare equilibri già labili, lo scandalo "Appaltopoli": Tommaso Minervini indagato dalla Procura di Trani, l'allora assessore Mariano Caputo in carcere come alcuni dipendenti comunali.
Uno scandalo a cui le celeri dimissioni di Caputo dal ruolo istituzionale non avrebbero mai da sole potuto mettere una toppa.
E' l'inverno del 2020: la città, come tutta l'Italia, è alle prese con la seconda ondata del Covid e l'assoluta incertezza sul futuro avvio delle somministrazioni dei vaccini.
La maggioranza si spacca.
Il Partito Democratico apre la crisi che si prolunga fino a inizio 2021 quando il PD prende ufficialmente le distanze alla luce anche dell'ingresso in coalizione del gruppo "Popolari per Molfetta" di Pino Amato, seppure eletto in Consiglio Comunale con il centrodestra.

E' il momento del rimpasto di Giunta, una sorta di mano tesa del sindaco a vecchi e nuovi alleati per ripartire. Ma gli equilibri restano difficili da gestire.
E' così che "Officine Molfetta" si dichiara indipendente in Aula Carnicella e ritira il proprio assessore.
Di qui in avanti mesi di discussioni, riunioni, Consigli Comunali quasi disertati fino al culmine della seduta di lunedì 18 ottobre 2021.
  • amministrazione minervini
Altri contenuti a tema
Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Tornano i "Popolari per Molfetta", possibili assessorati anche a Rossiello e Camporeale
Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Firma il centrosinistra e il centrodestra, Obiettivo Molfetta ma anche Mancini
Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Città sempre più disillusa e confusa: lo spettro dell'astensionismo già aleggia sulle elezioni comunali 2022
Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Al vaglio l'ipotesi delle dimissioni dei consiglieri. Mancini: «Il sindaco vuole recuperare un mese di galleggiamento»
Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 I passaggi amministrativi che porteranno la città alle urne
1 Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Alla guida ci sarebbe il gruppo di Pietro Mastropasqua. Ma anche altri consiglieri comunali sarebbero pronti a opporsi al sindaco
7 Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Quasi sfumata la fine in anticipo dell'amministrazione Minervini
23 Fuga dall'Afghanistan, anche Molfetta pronta ad accogliere profughi Fuga dall'Afghanistan, anche Molfetta pronta ad accogliere profughi L'amministrazione comunale ha risposto alla chiamata del ministero dell'Interno
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.