In punta di penna

Sale la febbre «Rosa»

Il giro delle buone intenzioni

Siamo alla vigilia del Giro d'Italia. La «carovana rosa» attraverserà le città di Giovinazzo, Molfetta, Bitonto e Bari nella giornata del 13 maggio. Le amministrazioni comunali hanno pensato bene di realizzare tante manifestazioni collaterali per salutare non tanto i «girini» quanto i tanti appassionati di bicicletta, i tifosi, e i semplici curiosi che affolleranno le strade della IV tappa, la Giovinazzo – Bari. «Una occasione di promozione del territorio» si sono affrettati a dire all'unisono i quatto sindaci delle città coinvolte.

E tutti, grazie al «Giro» ad immaginare una mobilità più sostenibile. «Molfetta entra nel giro perché vuole mettere due ruote sulla strada della mobilità sostenibile – ha dichiarato Paola Natalicchio attraverso le pagine di un "free press" dato alle stampe proprio per l'occasione – La bicicletta porta con se un messaggio potente di sostenibilità, è il simbolo di uno stile di vita responsabile che dobbiamo sempre più promuovere». Stili di vita responsabili, sostenibilità. A volte sono parole che fanno solo sognare. Così come fanno sognare i centri delle città sgombri da auto in transito e in sosta. Sogni che, come tutti i sogni, spesso svaniscono con l'alba. Perché i sogni si avverino, deve cambiare la cultura, deve cambiare la sensibilità di ognuno. E le istituzioni devono fare la loro parte. Non bastano gli interventi nelle scuole per tentare di educare alunni e studenti alla mobilità sostenibile, lo stanno facendo a Molfetta come nelle altre città coinvolte dal Giro. Non bastano le piste ciclabili, una è stata approvata e finanziata per collegare la stazione ferroviaria alle scuole superiori. E altre se ne faranno.

Ma quanto è difficile. Le nostre strade sono strette, ridurre ancora le carreggiate richiede uno sforzo progettuale di non poco conto. A cominciare dall'eliminazione dei parcheggi per far posto appunto alle piste ciclabili. Le automobili, purtroppo, non si possono cancellare con un colpo di spugna. Perché poi le nuove zone di espansione, i vari «Pug»,i piani regolatori e di lottizzazione, nascono tutti senza mai prevedere le piste ciclabili? Perché i politici e i tecnici comunali si affrettano a mettere il proprio timbro su progetti che rubano spazio alla mobilità sostenibile, che non prevedono in partenza le piste ciclabili, le aree verdi, i parcheggi di interscambio?

Ecco, la cultura dovrebbe cominciare a cambiare proprio da questo. Dall'immaginare piani urbanistici con meno cemento e con più qualità della vita. Fin da bambini, tutti, abbiamo avuto una bicicletta in regalo. Ci siamo sforzati di imparare a pedalare, siamo caduti, ci siamo graffiati. Per accorgerci, poi, che spazi per le biciclette nelle città non esistono. Le due ruote non si possono usare neanche nei giardini pubblici, dove spesso campeggia un segnale di divieto. Il Giro d'Italia in fondo è come il vento che passa. Una folata, pochi muniti e tutto finisce. Poi rimane il traffico di sempre, rimangono gli ingorghi agli incroci, le code, le difficoltà di parcheggio.
  • Giro d'Italia
Altri contenuti a tema
Il Giro d'Italia di nuovo a Molfetta. Passaggio previsto alle 11:39 Il Giro d'Italia di nuovo a Molfetta. Passaggio previsto alle 11:39 La competizione rosa torna in città a tre anni dall'ultima volta
Il 17 maggio il Giro d'Italia a Molfetta Il 17 maggio il Giro d'Italia a Molfetta La carovana attraverserà la città nella tappa Giovinazzo -Vieste
Davide Cassani e il Giro d’Italia Davide Cassani e il Giro d’Italia Il ct della nazionale ha raccontato nell’iniziativa del Panathol la sua passione per il ciclismo
Giro d'Italia, prove tecniche in città Giro d'Italia, prove tecniche in città In queste ore alcuni simboli cittadini si stanno illuminando di rosa
Francesco Moser, una leggenda a Molfetta Francesco Moser, una leggenda a Molfetta Esclusiva intervista video al pluricampione di ciclismo ospite a Miragica
Grande festa per il «Giro» Grande festa per il «Giro» Quattro sindaci a dare il via alla corsa disturbata dalla pioggia
Campioni di BiciScuola Campioni di BiciScuola I bimbi della Don Cosmo Azzollini sul podio del Giro
Intervista a Davide Cassani CT della Nazionale italiana di ciclismo Intervista a Davide Cassani CT della Nazionale italiana di ciclismo
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.