In punta di penna

La Festa della Madonna dei Martiri con gli occhi di una bimba diventata adulta

Emozioni dal libro dei ricordi

Se per un molfettese esiste una data speciale, dovunque si trovi, quella è senza dubbio l'8 settembre.
Ma se il molfettese è nato e cresciuto in una famiglia in cui dal bisnonno al padre la venerazione per la Madonna dei Martiri è molto più che limitata a un preciso momento dell'anno, allora, l'8 settembre diventa un qualcosa di speciale. Una festa nella festa.
Bene, succede di essere figlia e nipote di marinai. Gente che si è fatta da sola: con la barchetta usciva a mare portandosi a bordo i figli maschi e lasciando a terra la moglie e le figlie a rammendare e cucire le reti. I figli crescono, con lavoro e sacrifici, riescono a costruire un motopeschereccio e insegnano il mestiere ai figli.

E, anche, a portare sempre con se' un'icona: l'immaginetta della Madonna, appunto. A cui affidarsi in mare, a cui dire grazie dopo ogni battuta di pesca andata bene e a cui chiedere aiuto quando i giorni senza lavoro iniziano a diventare troppo. Così, "Ci sa' chera Medonn" diventa più che un detto, un intercalare.
Diventa semplicemente il valore di una famiglia.
Succede poi che per due volte il caso, la fortuna o il destino(chiamatelo come volete) decida che la Sagra a mare si svolga sul peschereccio di famiglia.
L'eccitazione parte da subito. Certo, le spese ci sono come pure i giorni di lavoro persi ma a Maria non si può dire di no. Chiamate e chiamate tra tutti i parenti "perché è uscita la barca nostra" e si parte.
Via con i preparativi: il motopeschereccio va tirato a lucido e addobbato, bisogna pensare alle maglie celebrative perché nessuno ne deve rimanere sprovvisto e poi inizia la Novena e bisogna andarci. A pregare, a ringraziare, a chiedere ne' più ne' meno di quello che già si ha.

L'8 settembre arriva in meno che non si dica. "Tira, tira", "Prendi quella fune" e via, la barca prende il posto d'onore nel porto. A bordo si intonano i brani dedicati alla compatrona, si seguono i frati nelle loro odi, si mangia, si fanno foto, si avvicinano i bambini più piccoli al simulacro.
Poi inizia a far sera e giunge il momento di lasciarLa andare.
E non è semplicemente lasciare andare una statua, una devozione popolare. E' lasciare andare un pezzo di famiglia, un pezzo di storia nella Storia più grande di una comunità intera che l'attende sulla banchina.

Quando la Madonna dei Martiri è a terra su quelle travi galleggianti resta il vuoto.
Ma, in realtà, agli occhi di una bambina di cinque anni, quel vuoto sembrava piccolo piccolo. Le bastava incrociare gli occhi dei nonno, degli zii, dei genitori per capire di avere per sempre un qualcosa di grande.
Un ricordo. Indelebile.

(Queste riflessioni sono state pubblicate, la prima volta, il 9 settembre del 2014).
  • madonna dei martiri
  • festa patronale
Altri contenuti a tema
La Madonna dei Martiri è in Basilica, conclusi i festeggiamenti per la Patrona di Molfetta La Madonna dei Martiri è in Basilica, conclusi i festeggiamenti per la Patrona di Molfetta A chiudere la serata lo spettacolo di fuochi pirotecnici
Molfetta si prepara alla "ritirata" della Madonna dei Martiri Molfetta si prepara alla "ritirata" della Madonna dei Martiri Alle 17.45 l'inizio della processione. Alle ore 22 il ritorno in Basilica
Con l'energia di Tony Esposito Molfetta chiude la Festa Patronale Con l'energia di Tony Esposito Molfetta chiude la Festa Patronale Ieri sera il concerto su Corso Dante
I miracoli per Molfetta della Madonna dei Martiri I miracoli per Molfetta della Madonna dei Martiri Il racconto di aneddoti ormai dimenticati
L’arte dei Madonnari a Molfetta per la festa patronale L’arte dei Madonnari a Molfetta per la festa patronale Il primo raduno è stato realizzato in collaborazione con la Scuola napoletana dei Madonnari
1 L’Ostello dell’accoglienza punto di incontro di mondi e culture differenti L’Ostello dell’accoglienza punto di incontro di mondi e culture differenti Panunzio, assessore alle Comunità estere: «sulla scia di don Tonino cerchiamo di essere accoglienti»
Verso la grande festa di Molfetta, in allestimento i pescherecci per la Madonna dei Martiri Verso la grande festa di Molfetta, in allestimento i pescherecci per la Madonna dei Martiri Marinai a lavoro sul Margherita Madre, Giulia Rana, Giovanni Paolo II
Il Cardinale Becciu incorona  la “Regina dei Martiri”, Patrona di Molfetta Il Cardinale Becciu incorona la “Regina dei Martiri”, Patrona di Molfetta Con questa cerimonia è ufficialmente iniziata la festa patronale
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.