In punta di penna

Molfetta come il Far West?

Armi a volontà nelle mani della malavita

Kalashnikov custoditi in casa, pistole tra le bancarelle del mercato, e ancora pistolettate per rubare caramelle e sigarette. Quasi fossimo in quel West popolato da indiani e cow boy. La cronaca nera degli ultimi giorni che vede teatro Molfetta lo dice chiaro.
Troppe armi in giro, troppe armi facili da reperire per chi sa dove cercarle. E spesso usate anche per i motivi più futili. «Non abbiate paura, abbiate fiducia nelle forze di polizia e nelle istituzioni» l'esortazione del sindaco Paola Natalicchio di fronte a questa ondata di criminalità disposta anche ad uccidere pur di raggiungere i propri scopi. Una esortazione che in qualche modo arriva anche dalle pagine di «Luce e vita» il periodico della Diocesi. Ma come non si fa ad avere paura se i delinquenti, coloro che le armi le hanno con facilità e le usano con estrema indifferenza, non si fanno scrupolo di spianarle anche in luoghi affollati, la dove tutti potrebbero essere coinvolti e colpiti da proiettili vaganti?

I Carabinieri dal canto loro hanno intensificato i controlli sul territorio, hanno messo a segno risultati di tutto rispetto in poche settimane. Ma, esiste un ma. Come fermare il traffico di armi? Quelle che poi sono nelle mani di chi senza scrupoli non lesina di usarle? Sono queste le risposte che forse i cittadini più si aspettano, per tornare a non avere paura.
Sullo sfondo, appare chiaro, la volontà di bande criminali di affermare con l'uso delle armi l'egemonia su un territorio per il controllo dei traffici illeciti. Spesso i killer o presunti tali consumano sostanze stupefacenti prima di far «parlare» le armi. Ormai sembrerebbe un binomio che la dice lunga sulla qualità, ammesso che si possa parlare di qualità, della criminalità piccola o organizzata che sia. Installare telecamere per la videosorveglianza nei punti sensibili della città, chiedere maggiore presenza delle forze dell'ordine potrebbe essere un deterrente. Senza ombra di dubbio.

Ma la criminalità si combatte soprattutto non lasciando scappare dalle maglie della legalità anche i piccoli atti. Quelli che appaiono più insignificanti. Come ad esempio impedire la vendita abusiva di generi alimentari, un sistema ben consolidato sembrerebbe, o imporre il rispetto dei volumi e degli orari per i pubblici esercizi che rimangono aperti fino a notte fonda. Ma anche far rispettare un divieto di sosta o una precedenza ad un incrocio potrebbe dare il segnale di una concreta presenza delle istituzioni sul territorio comunale. Spesso la grande delinquenza, quella disposta a far ricorso alle arme per risolvere le «questioni», si annida dietro questi piccoli illeciti. Probabilmente lo sanno tutti.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Minacce di morte per un debito di droga. In manette un pregiudicato di Molfetta Minacce di morte per un debito di droga. In manette un pregiudicato di Molfetta Il 41enne Massimiliano De Bari avrebbe minacciato un coetaneo per 50 grammi di marijuana. Ora è in carcere
I Carabinieri di Molfetta scovano un deposito di auto rubate. Erano pronte per furti e rapine I Carabinieri di Molfetta scovano un deposito di auto rubate. Erano pronte per furti e rapine Trovate una Fiat Panda, una BMW X3 3.0 ed una BMW serie 5 SW. Rinvenuti anche due picconi, un’ascia e chiodi a tre punte
Furti di auto e mezzi pesanti a Molfetta, i resti rinvenuti ad Andria Furti di auto e mezzi pesanti a Molfetta, i resti rinvenuti ad Andria Operazione dei Carabinieri, in manette un 64enne ed un 43enne. Recuperati tre furgoni ed un autoarticolato con a bordo una gru
Ordigno sul cofano: distrutta un'Alfa Romeo Giulietta Ordigno sul cofano: distrutta un'Alfa Romeo Giulietta L'attentato alle ore 15.15 in via San Francesco d'Assisi. I Carabinieri hanno già le idee chiare
Litigano, poi parte un colpo di pistola. "Protagonisti" due pregiudicati Litigano, poi parte un colpo di pistola. "Protagonisti" due pregiudicati Si tratterebbe di padre e figlio di 65 e 35 anni, proseguono le indagini dei Carabinieri
2 Tutti i dettagli dell'arresto di Fulvio Spadavecchia a Molfetta Tutti i dettagli dell'arresto di Fulvio Spadavecchia a Molfetta I particolari diffusi dall'Arma dei Carabinieri in una nota
3 Fotografi tedeschi derubati nel parcheggio di un supermercato di Molfetta Fotografi tedeschi derubati nel parcheggio di un supermercato di Molfetta Rubata tutta l'attrezzatura fotografica. Il triste appello di Sarah per ritrovare le foto
Rapina all'ufficio postale di via Cormio a Molfetta Rapina all'ufficio postale di via Cormio a Molfetta Sul posto Carabinieri e i sanitari del 118 per accertamenti e soccorso
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.