Agenda
Agenda
"Furbo"... chi Legge!

Lavoro: le sanzioni disciplinari. Le tutele per datore e dipendente

Oltre il licenziamento: l'ammonizione, la multa, la sospensione e il trasferimento

Il licenziamento, inteso come sanzione al lavoratore dipendente che contravviene a una disposizione, è da intendersi come una "extrema ratio", ovvero come lo strumento sanzionatorio a cui fare riferimento per ultimo: o perchè, cioè, l'infrazione rientra in quelle che per legge prevedono il licenziamento tanto è grave oppure perchè, al contrario, l'infrazione c'è ma non è tale da far interrompere il rapporto di lavoro.

Detto ciò, nei confronti del lavoratore inadempiente possono essere disposte un'altra serie di sanzioni disciplinari.

Si parta dal rimprovero verbale quando la violazione è lieve: si tratta dell'unica sanzione disciplinare per la quale non c'è una procedura da seguire ex lege. In sostanza è sufficiente la più classica delle sgridate.

Discorso diverso, invece, va fatto per quanto riguarda le altre tipologie di sanzioni.
Esse sono: l'ammonizione scritta, la multa, la sospensione oppure il trasferimento.
Per tali sanzioni la legge prescrive una procedura che il datore di lavoro è obbligato a seguire, pena l'eccezione di di nullità da parte del lavoratore.
Tale procedura prevede che la comunicazione della sanzione al lavoratore avvenga per iscritto. Inoltre, tale comunicazione deve indicare con esattezza le condotte contestate le quali devono essere state poste in essere in tempi anche abbastanza recenti.

Al lavoratore la legge concede cinque giorni di tempo, decorrenti dalla ricezione della comunicazione scritta, per chiedere di essere ascoltato dal datore di lavoro e contestare quanto da lui sostenuto.
Sull'obbligo del datore di lavoro di ascoltare il lavoratore: https://www.molfettaviva.it/rubriche/furbo-chi-legge/il-procedimento-disciplinare-e-l-audizione-del-lavoratore/.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: https://www.facebook.com/StudioLegaleMariaMarino
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Il periodo di comporto: quando si può essere licenziati per "troppa" malattia Il periodo di comporto: quando si può essere licenziati per "troppa" malattia I diritti del datore e quelli del lavoratore dipendente - da completare
Decreto Agosto, le agevolazioni sul lavoro Decreto Agosto, le agevolazioni sul lavoro A cura di Dott. Perrone Vincenzo
Quando è il lavoratore a potersi dimettere per giusta causa? Quando è il lavoratore a potersi dimettere per giusta causa? Come fare? E quali diritti si conservano?
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
"Liquidazione": spetta sempre al lavoratore? Ed entro quando? "Liquidazione": spetta sempre al lavoratore? Ed entro quando? Le condizioni per ottenere il trattamento di fine rapporto lavorativo
La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno Dall'aerospazio all'informatica tanti gli ingegneri che servono tra Bari, Mola, Bisceglie e Molfetta
A Molfetta si parla di sostegno alle nuove imprese e ai professionisti A Molfetta si parla di sostegno alle nuove imprese e ai professionisti Ieri l'incontro nella sede comunale di Lama Scotella
Il procedimento disciplinare e l'audizione del lavoratore Il procedimento disciplinare e l'audizione del lavoratore Può il datore di lavoro rifiutarsi di ascoltare il dipendente?
© 2001-2021 MolfettaViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.