inail
inail
"Furbo"... chi Legge!

Coronavirus, il datore di lavoro è responsabile? I chiarimenti dell'Inail

Le risposte in una nota dell'Istituto

Coronavirus e lavoro.
Come si gestisce il rapporto di responsabilità con il datore di lavoro?

La risposta al tema è argomento assai dibattuto negli ultimi giorni tanto da portare l'Inail a una nota chiarificatrice.
«Nessuna connessione tra il riconoscimento dell'origine professionale del contagio e la responsabilità del datore di lavoro», è la sintesi del pensiero dell'Istituto.

Cosa vuol dire nel dettaglio?
Lo si capisce analizzando ancora meglio la nota.

«Dal riconoscimento del contagio come infortunio sul lavoro non deriva automaticamente una responsabilità del datore di lavoro» e ciò poichè un conto sono i criteri con i quali l'Inail riconosce la malattia professionale e un conto sono i presupposti alla base di una azione giudiziaria penale o civile per riconoscere la responsabilità del datore di lavoro la quale «deve essere rigorosamente accertata attraverso la prova del dolo o della colpa».

«L'ammissione alla tutela dell'Istituto non ha alcun rilievo in sede penale e civile. L'ammissione del lavoratore contagiato alle prestazioni assicurative Inail non assume, quindi, alcun rilievo né per sostenere l'accusa in sede penale, dove vale il principio della presunzione di innocenza e dell'onere della prova a carico del pubblico ministero, né in sede civile, perché ai fini del riconoscimento della responsabilità del datore di lavoro è sempre necessario l'accertamento della colpa nella determinazione dell'infortunio, come il mancato rispetto della normativa a tutela della salute e della sicurezza», spiega l'Inail con chiarezza e semplicità.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: https://www.facebook.com/StudioLegaleMariaMarino/?ref=bookmarks
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid, oggi in Puglia 908 nuovi casi. I guariti superano quota 50mila Covid, oggi in Puglia 908 nuovi casi. I guariti superano quota 50mila Resta costante il dato dei decessi: sono 25
Molfetta e la Puglia da oggi in zona arancione: cosa cambia in città Molfetta e la Puglia da oggi in zona arancione: cosa cambia in città Stop ai servizi di ristorazione al tavolo. Restano aperti i negozi
Covid, in Puglia sono più di 56mila le persone attualmente positive Covid, in Puglia sono più di 56mila le persone attualmente positive Il bollettino di oggi: 1.123 nuovi casi e 15 decessi
2 La proposta di Emiliano: «Vaccino subito ai docenti per una scuola sicura» La proposta di Emiliano: «Vaccino subito ai docenti per una scuola sicura» Il parere del presidente della Regione Puglia
Lopalco: «Siamo in una fase cruciale nella lotta al Coronavirus» Lopalco: «Siamo in una fase cruciale nella lotta al Coronavirus» Le parole dell'assessore alla Sanità pugliese
Primo e ultimo sabato in zona gialla a Molfetta: da domani si torna in arancione Primo e ultimo sabato in zona gialla a Molfetta: da domani si torna in arancione Ancora oggi l'occasione per un pranzo al ristorante o per un caffè al bar
Emiliano: «Didattica a distanza per le scuole superiori. Libera scelta per elementari e medie» Emiliano: «Didattica a distanza per le scuole superiori. Libera scelta per elementari e medie» Il presidente della Regione Puglia illustra la nuova ordinanza
Il bollettino Covid della Puglia: 1.295 nuovi casi e 31 decessi Il bollettino Covid della Puglia: 1.295 nuovi casi e 31 decessi Il numero totale dei ricoveri scende al 2.7%
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.