Videosorveglianza
Videosorveglianza
"Furbo"... chi Legge!

Come cambia la videosorveglianza privata: possibile riprendere anche la strada

La sentenza n. 20527 del 13 maggio 2019 della Corte di Cassazione

In questa rubrica abbiamo già affrontato il tema della videosorveglianza privata, di strettissima attualità in particolar modo nei condomini per ragioni di sicurezza.
Tuttavia, adesso è opportuno tornare sull'argomento poichè negli scorsi giorni la Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi sulla materia attraverso la sentenza n. 20527/2019 la quale sarà perno di tutta la giurisprudenza che verrà a tal proposito.

Premesso tutto ciò che abbiamo già detto e che è possibile leggere a questo link https://www.molfettaviva.it/rubriche/furbo-chi-legge/porta-e-porta-e-amministratori-di-condominio/, ecco dunque una evoluzione che necessita di un altro approfondimento.

La Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi circa l'imputazione del reato di violenza privata "consistita nell'installare sul muro perimetrale delle rispettive abitazioni telecamere a snodo telecomandabile per ripresa visiva e sonora, orientate su zone e aree aperte al pubblico transito, costringendo gli abitanti della zona , e in particolare le costituite parti civili, a tollerare di essere costantemente osservati e controllati nell'espletamento delle loro attività lavorative e nei loro movimenti", si legge nella sentenza.

Ebbene, secondo i giudici in una fattispecie simile non possono ravvisarsi i presupposti di tale reato poichè "l'installazione di sistemi di videosorveglianza con riprese del pubblico transito non costituisce in sé un'attività illecita, né lo sono le concrete modalità di attuazione di tale condotta neanche se ciò può comportare un cambiamento delle abitudini da parte di alcuni vicini di casa".
Cosa vuol dire?
Vuol dire che, per esempio, che è possibile installare una videocamera sul balcone di casa oppure sulla serranda del proprio garage, puntata verso l'esterno e in grado di riprendere la strada senza che ciò implichi la lesione di qualsivoglia diritto alla privacy o alla riservatezza del vicino di casa.
Secondo i giudici, in sostanza, è da preservare il diritto alla sicurezza del proprietario dell'impianto.

Ovviamente ci sono delle condizioni: la telecamera non può riprendere tutto, indistintamente. Occorre, infatti, che sia puntata verso quella parte di spazio che davvero e in concreto può essere quello nel quale è possibile violare la sicurezza.
Inoltre resta l'obbligo di segnalare la presenza del sistema di videosorveglianza.
"Chiunque installi un sistema di videosorveglianza deve provvedere a segnalarne la presenza, facendo in modo che qualunque soggetto si avvicini all'area interessata dalle riprese sia avvisato della presenza di telecamere già prima di entrare nel loro raggio di azione. La segnalazione deve essere effettuata tramite appositi cartelli, collocati a ridosso dell'area interessata, ed in modo tale che risultino chiaramente visibili", è scritto nella sentenza.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: https://www.facebook.com/StudioLegaleMariaMarino/?ref=bookmarks
  • videosorveglianza
Altri contenuti a tema
Maggiore videosorveglianza ai varchi di accesso e nei giardini di Molfetta. Il Comune cerca fondi dalla Regione Puglia Maggiore videosorveglianza ai varchi di accesso e nei giardini di Molfetta. Il Comune cerca fondi dalla Regione Puglia Progetto di potenziamento da candidare a un bando varato dalla Regione
8 Potenziamento del sistema di videosorveglianza: se ne occuperà una ditta cittadina Potenziamento del sistema di videosorveglianza: se ne occuperà una ditta cittadina In quattro hanno partecipato alla gara d'appalto. L'esito ieri mattina
9 Controllo degli accessi alla città, "furbetti della spazzatura" e sicurezza: prossimo il potenziamento della videosorveglianza Controllo degli accessi alla città, "furbetti della spazzatura" e sicurezza: prossimo il potenziamento della videosorveglianza Il Comune di Molfetta ha predisposto la gara d'appalto
8 In arrivo oltre 250 mila Euro per il potenziamento della videosorveglianza In arrivo oltre 250 mila Euro per il potenziamento della videosorveglianza I fondi stanziati dalla Città metropolitana di Bari
Raccolte 300 firme per le telecamere in Piazza Paradiso e Piazza Immacolata Raccolte 300 firme per le telecamere in Piazza Paradiso e Piazza Immacolata La petizione è stata coordinata dal Comitato di quartiere con il coinvolgimento dei residenti
Sicurezza, videosorveglianza anche sulla muraglia del centro storico Sicurezza, videosorveglianza anche sulla muraglia del centro storico Una telecamera permanente verrà installata sulla strada pensile
Videosorveglianza: progetto prioritario Videosorveglianza: progetto prioritario Finanziamenti nel "Patto della Città Metropolitana". Tra i progetti proposti riqualificazione del Lungomare di ponente, piazza Madonna dei Martiri e Pulo
Villa comunale, ecco le telecamere: i vandali avranno vita breve Villa comunale, ecco le telecamere: i vandali avranno vita breve Tre telecamere fisse e una Speed Dome. In funzione dal 16 giugno
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.