Vico III Madonna dei Martiri
Vico III Madonna dei Martiri
Cronaca

Un movente passionale la causa dell’esplosione?

Gli investigatori privilegiano una pista che punta dritto su questioni di cuore

Un motivo passionale, una relazione complicata, alla base dell'esplosione che, poco prima delle 23.30, di ieri 2 giugno, ha scosso la città. La conferma arriva da ambienti vicini agli investigatori.

Qualcuno ha sistemato un ordigno rudimentale, un grosso petardo, alla "maniglia" del portone di ingresso dell'abitazione di un sorvegliato speciale, in Vico III Madonna dei Martiri, per "avvertirlo", secondo gli investigatori per fargli cambiare idea su questioni attinenti la sua sfera personale. E se così fosse allora ci sarebbe davvero poco da stare sereni perché significherebbe che, a Molfetta, le questioni di cuore si risolvono con la violenza e le intimidazioni.

Per fortuna l'esplosione non ha causato feriti. Si registrano danni solo all'immobile. Sulla vicenda indagano i carabinieri che, per tuta la notte, hanno effettuato perquisizioni Sulle prime si pensava si trattasse dell'esplosione di una bombola di gas e si era temuto per la presenza di eventuali feriti.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • bomba
Altri contenuti a tema
Presunto ordigno bellico su un peschereccio, interdetto lo specchio d'acqua davanti a Banchina Seminario Presunto ordigno bellico su un peschereccio, interdetto lo specchio d'acqua davanti a Banchina Seminario La bomba impigliata nelle reti: in programma intervento del nucleo SDAI
Giustizia e legalità, l'appello di 34 realtà locali alla città Giustizia e legalità, l'appello di 34 realtà locali alla città Dal 29 giugno dibattiti e iniziative tra i cittadini. Si inizia con un incontro in piazza Municipio
Stop alla balneazione a Torre Gavetone Stop alla balneazione a Torre Gavetone Divieto per questioni di sicurezza: presenza di ordigni bellici
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.