carcassa tartaruga decapitata
carcassa tartaruga decapitata
Cronaca

Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini

Almeno cinque i casi. Il responsabile del WWF: «Questa è una strage». La Regione: «Puglia parte lesa»

Tartarughe rinvenute sulla spiaggia decapitate. E, viste le ferite riportate, ad agire sarebbe stata la mano dell'uomo. È questa la notizia che si sta diffondendo e che ha acceso i riflettori su quanto sta accadendo da alcuni giorni sulla litoranea che da Bari va verso nord e arriva a Trani: cinque, almeno, i casi accertati.

«L'escalation è preoccupante. Questa è una strage e i colpevoli la pagheranno cara», è il commento di Pasquale Salvemini che ha lanciato il grido di allarme. «Il cerchio dei sospettati si sta stringendo con l'intervento delle forze dell'ordine. Questi killer vanno fermati!», continua ancora il responsabile del centro recupero tartarughe marine di Molfetta che chiede maggiore collaborazione da chi ha visto qualcosa e può aiutare nell'individuazione dell'uccisione degli esemplari.

«La Regione Puglia fa propria la denuncia che arriva da Pasquale Salvemini: tutti gli animali erano stati decapitati - è invece il commento dell'assessore regionale all'Ecologia, Gianni Stea -. Ricordo che si tratta di una specie protetta e ad alto rischio di estinzione e che ci troviamo davanti a reati penali. Se corrispondono al vero le voci che si tratterebbe di riti messi in atto da pescatori e legati a insopportabili e arcaiche superstizioni sarebbe, se possibile, ancora più grave».

«Confido nell'operato delle forze dell'ordine affinché si possa fare luce sugli autori di questi barbari reati appellandomi anche alla maggioranza dei pescatori che affrontano il proprio lavoro con sacrificio. E se il reato sarà accertato e i colpevoli individuati - conclude - chiederò che la Regione possa costituirsi parte lesa».
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
Salvata la tartaruga spiaggiata dopo la mareggiata. Ora è a Molfetta Salvata la tartaruga spiaggiata dopo la mareggiata. Ora è a Molfetta Pesa 156 grammi. Trovata sul litorale di Torre a Mare, è ora nel centro di recupero tartarughe marine del WWF
Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF L’animale, che non è adatto a vivere in acque salate, è stato rinvenuto a Bari. Purtroppo, ha perso la vista
Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata in spiaggia alla Prima Cala Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata in spiaggia alla Prima Cala Continuano i ritrovamenti lungo la costa. In soli 3 giorni sono stati rinvenute 15 carcasse
Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Serviranno a rendere funzionale l'ex casa del custode al "Vespucci"
Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia L'animale, che non è adatto a vivere in acque salate, vagava in preda al panico
La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure L'esemplare di caretta caretta è tornato in libertà dopo essere stato curato a Molfetta
Dall'Adriatico al Tirreno sulla scia delle tartarughe marine Dall'Adriatico al Tirreno sulla scia delle tartarughe marine La storia di Vesper, liberata nel 2016 e riapparsa lo scorso 22 luglio in Campania
Progetto Life EuroTurtles, monitoraggio anche con l'aiuto dei droni Progetto Life EuroTurtles, monitoraggio anche con l'aiuto dei droni Da alcune settimane ha avuto inizio la mappatura del centro tartarughe di Molfetta
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.