Slot machine
Slot machine
Vita di città

Sos gioco d’azzardo

L’incertezza sociale ed economica genera la ludopatia

Presentazione progetto dell’Azione Cattolica: “La vita giocatevela bene!”
Tutti sono potenziali giocatori d'azzardo. E' quanto è emerso nel corso della presentazione del progetto dell'Azione cattolica della Diocesi di Molfetta: "La vita giocatevela bene!", a cui ha aderito anche la Consulta femminile. Se fino a qualche anno fa la "dipendenza da gioco" era legata soprattutto a coloro che frequentavano i casinò, con l'avvento e la legalizzazione della slot machine, dei centri scommesse e dei "gratta e vinci" tale dipendenza coinvolge tutti.
Ed ecco gli identikit dei giocatori tipo: uomo trentacinquenne che predilige i centri scommessa e le slot machine; donna cinquantenne pensionata e/o straniera che preferisce nascondersi nell'anonimato dei "gratta e vinci".

Le donne, come hanno fatto rilevare i relatori, sono le più restie a chiedere aiuto, ma sono anche le più determinate e tenaci ad aiutare gli uomini dipendenti.
Nella Diocesi di Molfetta «si è voluto aderire - ha detto la presidente Angela Paparella - alla proposta di legge di iniziativa popolare sul riordino delle leggi vigenti sul gioco di azzardo, che ha visto la raccolta di 5904 firme nella Diocesi pari al 10% di quelle raccolte sul territorio nazionale (60.000mila)». L'obiettivo dell'Azione cattolica, coinvolgendo in questo progetto tutte le fasce di età, è quello di sensibilizzazione al fenomeno del "gioco di azzardo", perché i bambini, i ragazzi e gli adulti siano testimonianze positive.

Le diverse sfaccettature del gioco di azzardo sono stata esaminate da Giuseppe Fiorentino, psichiatra del Centro di salute mentale e, dalla psicoterapeuta Serena De Gennaro, psicoterapeuta, che hanno spiegato le motivazioni per cui si inizia a giocare.
Fermo restando che ogni storia, ogni persona, ogni inizio è un caso a sé stante, ma ciò che accomuna tutti i giocatori, hanno detto i relatori, è la solitudine, la ricerca del benessere ora e subito. Non è un caso che la "ludopatia" come fenomeno sociale si sia generato in un momento di incertezza sociale ed economica, quindi il gioco serve per dominare l'incertezza, quasi a voler colmare un vuoto, una valvola di sfogo.

Tutti concordi i relatori nel ritenere che non si può chiamare gioco, perché il gioco è una forma di libertà, è costruzione creativa, non crea dipendenza, non genera guadagni. La prevenzione rimane la strada principe, accanto alla defiscalizzazione dei locali che non hanno macchinette, la creazione di una rete sociale di relazioni sono le vie maestre da perseguire.
  • ludopatia
  • Azione Cattolica
Altri contenuti a tema
L'Azione Cattolica Diocesana scrive per la Pasqua ai fedeli L'Azione Cattolica Diocesana scrive per la Pasqua ai fedeli Invito a vivere all'insegna della solidarietà
L'ex sindaco di Lampedusa a Molfetta per “Volti rivolti. L’umanità che fa bene” L'ex sindaco di Lampedusa a Molfetta per “Volti rivolti. L’umanità che fa bene” L’Azione Cattolica della Diocesi apre la campagna di adesione per il biennio 2019/2020
L'appello dell'Azione Cattolica della Diocesi: «La dignità umana prima di tutto» L'appello dell'Azione Cattolica della Diocesi: «La dignità umana prima di tutto» Messaggio nel nome degli insegnamenti di don Tonino Bello
Immigrazione e accoglienza: ne parla l'Azione cattolica diocesana sabato Immigrazione e accoglienza: ne parla l'Azione cattolica diocesana sabato Dalle ore 16, presso il Seminario Vescovile, attenzione al progetto Sprar di Molfetta e Giovinazzo
Bitonto, l'Azione Cattolica: «Operare per una realtà migliore, sempre» Bitonto, l'Azione Cattolica: «Operare per una realtà migliore, sempre» La presidenza diocesana sulla sparatoria nella quale è stata uccisa Anna Rosa Tarantino
L’Ac diocesana ribadisce l’importanza di una decisione politica sullo ius soli L’Ac diocesana ribadisce l’importanza di una decisione politica sullo ius soli Diritto di cittadinanza: ricchezza per il nostro futuro o minaccia per il nostro presente?
Azione Cattolica, "un grembiule scomodo". Alcune precisazioni Azione Cattolica, "un grembiule scomodo". Alcune precisazioni La Presidenza Diocesana torna su alcuni punti chiave su cui desidera far chiarezza
Azione Cattolica: «Siate fautori della politica del grembiule» Azione Cattolica: «Siate fautori della politica del grembiule» L'analisi attenta del voto e l'invito a recuperare una politica sana
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.