I rilievi dei Carabinieri
I rilievi dei Carabinieri
Cronaca

Omicidio a Molfetta: ucciso a colpi di pistola il 46enne Corrado Parisi

Il delitto nel pomeriggio in via Capotorti, esplosi 3 colpi. Trasportato in ospedale, è deceduto. Indagano i Carabinieri

Un omicidio in piena regola, su cui sono in corso accertamenti per comprendere il motivo del gesto. E con il killer che ha scelto per colpire via Capotorti, nel rione San Domenico. Un molfettese di 46 anni, Corrado Parisi, censurato, è rimasto ucciso questo pomeriggio a Molfetta.

L'uomo - che ha diversi precedenti di polizia - era in via Capotorti, nei pressi del New Meeting Cafè quando, fra le ore 13.00 e le ore 14.00, un uomo ha esploso tre colpi di pistola in un'aggressione che ricorda una vera esecuzione, ma a Molfetta. L'obiettivo era chiaro, perché l'uomo ha mirato verso il 46enne, un proiettile l'ha colpito al torace: la vittima, subito soccorsa, è stata portata all'ospedale monsignor Antonio Bello, dove è deceduta per un'emorragia.

In tantissimi hanno sentito i colpi, affacciandosi alle finestre e non capendo quello che stava avvenendo, ma vedendo l'uomo per terra. Numerose le chiamate di soccorso arrivate ai numeri di pubblica utilità 118 e 112. Il killer lo ha raggiunto all'altezza del numero civico 51, proprio fuori all'esercizio commerciale: l'azione è stata veloce, l'uomo lo ha raggiunto, ha sparato e poi è sparito, lasciando il ferito per terra e tutti gli abitanti della zona attoniti.

Gli spari e le urla hanno attirato anche l'attenzione di alcuni condomini dei palazzi vicini e di alcuni passanti, i quali si sono fermati per prestare i primi soccorsi. Il 46enne è stato trasportato in ospedale, a Molfetta: i sanitari hanno subito riscontrato che era stato colpito al torace, ma le ferite riportate erano troppo gravi ed il suo cuore ha smesso di battere. Pochi minuti dopo il suo arrivo presso il nosocomio le speranze che potesse farcela si sono spente.

Sul posto, per i rilievi, stanno operando i Carabinieri della locale Compagnia, diretti dal capitano Vito Ingrosso, e quelli della Sezione Investigazioni Scientifiche. Il killer ha sparato per uccidere. Si raccolgono testimonianze e si cercano le immagini delle telecamere pubbliche e private dei palazzi e degli esercizi commerciali della zona, per ricostruire la dinamica dell'agguato e per capire la via di fuga seguita dall'uomo.

Tutto questo s'è consumato oggi, 7 luglio 2019, ben 27 anni dopo l'omicidio del sindaco di Molfetta, Gianni Carnicella, assassinato il 7 luglio 1992 all'uscita dagli uffici comunali. Anche oggi, proprio come allora, pallottole e paura.
  • Omicidio Molfetta
Altri contenuti a tema
Salvemini fa chiarezza: «Parisi non era dedito al gioco d'azzardo, sul suo conto elementi diffamatori» Salvemini fa chiarezza: «Parisi non era dedito al gioco d'azzardo, sul suo conto elementi diffamatori» Il legale della famiglia replica alle dichiarazioni di Farinola: «La famiglia è sconvolta. E poi perché si riteneva in pericolo se era lui quello armato?»
Omicidio di via Capotorti, domani l'autopsia sul cadavere di Corrado Parisi Omicidio di via Capotorti, domani l'autopsia sul cadavere di Corrado Parisi Sarà eseguita a Bari e servirà a chiarire alcuni aspetti della vicenda. Il New Meeting Cafè, intanto, resta sotto sequestro
Omicidio Parisi, l'avvocato di Farinola: «Esasperato dalle minacce estorsive, così gli ha sparato» Omicidio Parisi, l'avvocato di Farinola: «Esasperato dalle minacce estorsive, così gli ha sparato» Il 46enne è stato assassinato dal titolare del bar New Meeting, esasperato dalle continue minacce ricevute
Omicidio Parisi, il titolare del bar New Meeting confessa: «Sono stato io» Omicidio Parisi, il titolare del bar New Meeting confessa: «Sono stato io» L'uomo, 43enne, si è presentato ai Carabinieri, assumendosi la responsabilità del delitto
Ucciso un uomo sulla 16 bis. Era diretto al mercato ortofrutticolo di Molfetta Ucciso un uomo sulla 16 bis. Era diretto al mercato ortofrutticolo di Molfetta L'uomo, che trasportava finocchi, è stato colpito al volto. Forse un tentativo di rapina finito male
Omicidio Andriani, spunta il movente passionale? Omicidio Andriani, spunta il movente passionale? «Futili motivi», spiegano i Carabinieri. Che però non escludono altre piste
«Rispetto per un uomo che non ha avuto degna sepoltura» «Rispetto per un uomo che non ha avuto degna sepoltura» Omicidio Andriani, l'avvocato Felice Petruzzella invita alla prudenza: «Attendiamo gli esiti delle indagini»
Omicidio Andriani: confessa il nipote Crescenzio Bartoli Omicidio Andriani: confessa il nipote Crescenzio Bartoli L'accusa è di omicidio premeditato. Il movente legato a continue vessazioni subite per futili motivi
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.