I rilievi dei Carabinieri
I rilievi dei Carabinieri
Cronaca

Salvemini fa chiarezza: «Parisi non era dedito al gioco d'azzardo, sul suo conto elementi diffamatori»

Il legale della famiglia replica alle dichiarazioni di Farinola: «La famiglia è sconvolta. E poi perché si riteneva in pericolo se era lui quello armato?»

«Con riguardo all'articolo pubblicato il 7 luglio (clicca qui), la informo di aver ricevuto incarico dalla famiglia Parisi per attivare le opportune cautele legali a tutela dell'immagine del defunto e per fornire alla vostra testata una visione corretta della personalità del defunto».

Dall'avvocato Michele Salvemini, che difende i prossimi congiunti di Corrado Parisi, il 46enne di Molfetta morto dopo essere stato raggiunto al torace da un colpo di pistola esploso all'esterno del New Meeting Cafè di via Capotorti da Sergio Farinola, 43enne, costituitosi presso la locale Compagnia dei Carabinieri, riceviamo alcune precisazioni relative ad un nostro articolo pubblicato su MolfettaViva.it.

«I prossimi congiunti - scrive Salvemini - vogliono significare che il defunto non era assolutamente dedito al gioco d'azzardo ma era unanimemente riconosciuto come un padre affettuoso votato al lavoro. Pertanto, risulta assolutamente da smentire l'affermazione, da chiunque provenga, che fosse solito commettere reati contro il patrimonio e persino legati a risvolti ludopatici.

Come facilmente documentabile i precedenti del defunto risalgono nel tempo e concernono per lo più fatti bagattellari poi puniti con sanzioni brevi. Nell'ultimo decennio il Parisi aveva intrapreso una vita normale e svolgeva regolare attività assunto a tempo indeterminato.

Alla luce del quadro descritto la famiglia Parisi rimane sconvolta da quanto attribuito alle dichiarazioni dell'indagato giacché pur comprendendo la necessità di difendersi da un'accusa punibile con l'ergastolo non coglie la necessità di introdurre elementi diffamatori della memoria del defunto quali giustificare il gesto criminale sfruttando il lontano passato della vittima.

Sarebbe stato invece interessante capire perché l'indagato si riteneva in pericolo se era lui quello armato per strada ma soprattutto perché dopo aver estratto l'arma ed esploso un colpo intimidatorio riteneva di colpire due volte nel petto un uomo a sua stessa opinione paralizzato dalla pistola fumante. Ma come detto, la colpa del gesto sarebbe, secondo l'indagato, non sua ma della vittima.

Inutile dire che sarebbe stato invece auspicabile un pensiero alla famiglia ormai divelta dall'assassinio della colonna padre e lavoratore.

Per tali motivi, Le chiedo di pubblicare il punto di vista dei miei assistiti ma anche di precisare e sottolineare come le dichiarazioni dell'indagato sono attualmente non solo assolutamente prive di riscontri ma addirittura - conclude Salvemini - contraddette dalla logica».
  • Carabinieri Molfetta
  • Omicidio Molfetta
  • Corrado Parisi
  • Sergio Farinola
  • Michele Salvemini
Altri contenuti a tema
24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia 24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia L'avvocato Petruzzella: «Nella tragedia, una sola certezza: si trattava di un ragazzo per bene». Proseguono le indagini
Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» È accaduto lungo corso Umberto, l'uomo ha 83 anni ed è ancora sotto shock. Il rapinatore si è dato alla fuga
Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser L'annuncio del sottosegretario Molteni. Si tratta di un'arma ad impulsi elettrici per la gestione di situazioni critiche
Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Il Gip di Trani ha accolto l’istanza dell'avvocato del giovane, riconoscendo l’affievolimento delle esigenze cautelari
Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Il minore, che sognava di fare il calciatore, è finito agli arresti domiciliari. Si scava fra le sue frequentazioni
Caccia a un'auto, Carabinieri di Molfetta si schiantano. Feriti due militari Caccia a un'auto, Carabinieri di Molfetta si schiantano. Feriti due militari Una Giulietta non s'è fermata all'alt: inseguimento a Giovinazzo. Poi l'impatto con un mezzo agricolo in piazza Sant'Agostino
56 chilogrammi di droga trovati in un magazzino a Molfetta - VIDEO 56 chilogrammi di droga trovati in un magazzino a Molfetta - VIDEO Il carico di hashish e marijuana, per un valore superiore ai 500mila euro, è stato scoperto dai Carabinieri. Indagini per far luce sulle responsabilità
Avvocato assolto dall'accusa di stalking: «Il fatto non sussiste» Avvocato assolto dall'accusa di stalking: «Il fatto non sussiste» L'uomo, di 59 anni, era accusato di aver commesso alcuni reati nei confronti di quattro militari dell'Arma
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.