I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Lite degenera in violenza, segnalati colpi di pistola. Nessun ferito

L'episodio in via cardinale Cagliero. Sono in corso i rilievi dei Carabinieri, sul posto nessun bossolo

Degenera la lite violenta fra due, al massimo tre ragazzi in via cardinale Cagliero, nella zona di Ponente. E c'è chi giura di aver udito alcuni colpi d'arma da fuoco, forse giocattolo. L'episodio di cronaca si è registrato alla periferia di Molfetta, nel pomeriggio di oggi. Ma sul fatto, su cui sono al lavoro i Carabinieri, è mistero.

Sono molti, infatti, i lati oscuri di questa vicenda. Da una primissima ricostruzione, sembrerebbe che una lite tra ragazzi (due, al massimo tre, nda) sia degenerata in violenza. Una parola di troppo, gli insulti e subito dopo i colpi d'arma da fuoco (uditi da alcuni residenti del quartiere, nda) di cui, però, non vi sono al momento tracce. Fortunatamente, nessuna grave conseguenza. Ovviamente si tratta solo di un quadro iniziale e molto frammentario sul quale bisognerà fare piena luce.

Sul posto, scattato l'allarme al 112, è giunta una gazzella dell'Aliquota Radiomobile, ma non sono stati recuperati elementi utili alle indagini. L'episodio, dunque, è tutto da chiarire: la presunta sparatoria, senza danni né feriti, sarebbe avvenuta in strada, al culmine di una lite. Il condizionale resta d'obbligo perché i Carabinieri non hanno trovato riscontri: nessuna traccia di sangue e nessun bossolo, anche se potrebbe essere stata usata un'arma giocattolo, quelle dotate di colpi a salve.

Le indagini, in capo ai militari della Sezione Operativa della locale Compagnia, sono allo stadio embrionale. Di certo c'è che non sono stati rinvenuti bossoli o altri indizi. Nelle mani degli inquirenti, al momento, vi sono i filmati della videosorveglianza nei quali, forse, saranno rintracciati elementi utili all'attività investigativa.
  • Sparatoria Molfetta
Altri contenuti a tema
Colpi di pistola in piazza Paradiso, ferito un 44enne Colpi di pistola in piazza Paradiso, ferito un 44enne L'uomo, con precedenti, si è trascinato a piedi in via Bixio. Trasportato in ospedale, non è in pericolo di vita
Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne L'uomo, un pregiudicato, è stato denunciato dai Carabinieri. Ma non era solo: gli spari al culmine di una lite
Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero L'episodio in via Cormio. Sono in corso i rilievi dei Carabinieri per ricostruire quanto denunciato al 112
1 Si torna a sparare in città: colpi di pistola contro un portone Si torna a sparare in città: colpi di pistola contro un portone Il raid in via dei Salesiani, nessuno è rimasto ferito: esplosi quattro colpi. Sul posto, per le indagini, i Carabinieri
«Sparatorie indicative delle profonde fibrillazioni tra i clan». Anche a Molfetta? «Sparatorie indicative delle profonde fibrillazioni tra i clan». Anche a Molfetta? Per l'Antimafia, infatti, la sparatoria di piazza Paradiso «sembrerebbe riconducibile a dissidi legati all'attività di spaccio»
«Ancora spari nella notte». L'ennesima denuncia del Liberatorio «Ancora spari nella notte». L'ennesima denuncia del Liberatorio Ė accaduto la notte scorsa, quando alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi da un’auto in corsa
«A Molfetta si spara in pieno giorno». La notizia diffusa dal Liberatorio «A Molfetta si spara in pieno giorno». La notizia diffusa dal Liberatorio Tre fori sono rimasti sui vetri di un portone di via Madre Teresa di Calcutta
Il Lady D., il bar erroneamente associato alla sparatoria di piazza Paradiso Il Lady D., il bar erroneamente associato alla sparatoria di piazza Paradiso Ci scrive il titolare, Stefano Carbone: «La vicenda non è collegabile al nostro esercizio commerciale»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.