La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

Le mani dei clan baresi sull'area metropolitana, ma non su Molfetta

È dunque ancora forte il controllo di alcune famiglie, protagoniste della primavera criminale degli anni '90?

Da Bari al controllo degli affari illeciti nei comuni dell'hinterland, tra cui Molfetta, attraverso alleanze - o lotte - con i gruppi malavitosi locali. A fotografare gli interessi dei clan, con i conseguenti tentativi di espansione dei diversi gruppi, è la relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia.

Nel capoluogo di regione «il panorama criminale - si legge a pagina 152 della relazione relativa al primo semestre del 2017 - continua ad essere caratterizzato dall'assenza di un organo verticistico condiviso e dall'operatività di agguerriti gruppi criminali, basati essenzialmente su vincoli familiari, non legati tra loro gerarchicamente e con capacità di rigenerarsi velocemente attraverso nuove alleanze a reclutamenti».

«In tale scenario, che vede molti dei capi clan baresi detenuti, la presenza di tensioni e conflitti avrebbe favorito l'ascesa di giovani leve, sempre più interessate a conquistare spazi criminali. Parallelamente, - prosegue - si colgono segnali di espansione della criminalità barese verso i comuni dell'hinterland, anche nella prospettiva di sviluppare affari con imprenditori e amministratori locali compiacenti».

Non solo: «La criminalità organizzata, oltre a prediligere il racket delle estorsioni con particolare attenzione al settore edile, è sempre attiva nelle rapine e nel traffico degli stupefacenti, contesto in cui interagisce anche con numerose realtà criminali della provincia. La pluralità dei reati predatori caratterizzati da un "pendolarismo criminale" che porta addirittura fuori regione, rendono difficoltosa la riconducibilità di tali attività alla criminalità comune».

A caratterizzare l'assetto della criminalità barese, dunque, non è soltanto la presenza di differenti gruppi criminali, in cui si registrano i tentativi di ascesa delle giovani leve, ma anche la tendenza all'estensione degli affari illeciti in provincia. «La contiguità dell'area urbana con quella metropolitana - si legge a pagina 156 - sembra favorire l'interazione criminale tra il capoluogo ed i comuni della provincia».

«Le attività delittuose commesse in provincia, maggiormente nell'area metropolitana, - continua - risultano, infatti, fortemente legate a quelle del capoluogo, e risultano particolarmente evidenti allorquando si verificano fibrillazioni, cambi o cessioni di potere ai vertici dei clan. Quest'ultimi cercano costantemente di estendere sui comuni vicini la propria influenza criminale, affiancando, proteggendo o insidiando i gruppi autoctoni».

E Molfetta? Stando alla fotografia scattata dall'Antimafia, a Molfetta non c'è nessuno tentativo di espansione dei gruppi criminali baresi. Evidentemente, la città, è ancora sotto il feroce controllo di alcune famiglie, protagoniste della primavera criminale della città degli anni '90.
  • Direzione Investigativa Antimafia Molfetta
  • Direzione Investigativa Antimafia
Altri contenuti a tema
«A Molfetta è presente il clan Capriati» «A Molfetta è presente il clan Capriati» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia: «Attivo nel borgo antico di Bari, con ramificazioni anche a Molfetta»
«Sparatorie indicative delle profonde fibrillazioni tra i clan». Anche a Molfetta? «Sparatorie indicative delle profonde fibrillazioni tra i clan». Anche a Molfetta? Per l'Antimafia, infatti, la sparatoria di piazza Paradiso «sembrerebbe riconducibile a dissidi legati all'attività di spaccio»
Clan a «dimensione metropolitana-provinciale». Ma non a Molfetta Clan a «dimensione metropolitana-provinciale». Ma non a Molfetta L'Antimafia fotografa la realtà cittadina, in cui è forte il controllo delle famiglie protagoniste degli anni '90
La mappa dei clan: non c'è traccia di Molfetta La mappa dei clan: non c'è traccia di Molfetta È dunque ancora forte il controllo di alcune famiglie, protagoniste della primavera criminale degli anni '90?
L'Antimafia: «Droga e armi il business dei clan» L'Antimafia: «Droga e armi il business dei clan» Tra le emergenze del primo semestre 2016, anche «l'operatività di altri gruppi criminali eterogenei»
L'ipotesi dell'Antimafia: «Pizzo nel settore della pesca?» L'ipotesi dell'Antimafia: «Pizzo nel settore della pesca?» Dopo la devastazione del mercato ittico di piazza Minuto Pesce
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.