La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

«Tra gli obiettivi di colonizzazione dei Capriati rientrerebbe Molfetta»

Lo afferma, nella relazione semestrale al Parlamento, l'Antimafia. Che cita anche il sequestro milionario a Giuseppe Manganelli

«Tra gli obiettivi di colonizzazione del clan Capriati rientrerebbero anche i comuni del nord barese di Molfetta, Giovinazzo, Terlizzi, Triggiano e di Palo del Colle». È un passaggio della relazione semestrale fatta dalla Direzione Investigativa Antimafia relativa al secondo semestre 2021 e di recente depositata in Parlamento.

Per l'Antimafia «la contiguità dell'area urbana con quella metropolitana favorisce l'interazione criminale tra il capoluogo barese ed i comuni della provincia dove attraverso un radicamento "a macchia di leopardo" i sodalizi cittadini tendono ad esercitare la propria influenza su gran parte delle attività delittuose localmente condotte. Lo spaccato analitico - si legge a pagina 187 - si manifesta con una spartizione delle aree di influenza stabilita sulla base del loro rapporto di forza».

Inoltre, «le complesse dinamiche criminali che caratterizzano la città metropolitana di Bari si riverberano inevitabilmente ed inarrestabilmente sui precari equilibri mafiosi di volta in volta raggiunti dai potenti clan che da sempre si contendono il predominio territoriale nel capoluogo pugliese e in quello della provincia di Bari. Il risultato è quello di un perdurante stato di fibrillazione del contesto criminale in alcuni periodi latente» e in altri «accentuato e con manifestazioni violente».

È quanto emerge dalla relazione semestrale dell'Antimafia che rimarca come «tra gli obiettivi di colonizzazione del clan Capriati rientrerebbe anche il comune di Molfetta». L'analisi fa emergere, infatti, «numerosi ed efferati delitti che sottendono a decisioni criminali adottate dai potenti vertici delle organizzazioni mafiose egemoni e che lasciano presagire mutamenti negli assetti criminali, nelle alleanze o più semplicemente» dei «taciti accordi di non belligeranza ed ingerenza».

Come per Bari «anche in provincia gli interessi delle consorterie convergono verso la gestione del mercato della droga e delle estorsioni e si confermano fonte di reddito e strumento d'affermazione di potere sul territorio. Non mancano, infine, le infiltrazioni nel settore della pubblica amministrazione dove i tentacoli mafiosi trovano fertile terreno nella cosiddetta "zona grigia"», rileva l'Antimafia che pone l'accento sui rapporti commerciali tenuti dai clan con la criminalità di Molfetta.

L'analisi degli eventi del secondo semestre 2021, che a Molfetta ha riguardato «l'esecuzione da parte dei Carabinieri di un decreto di sequestro anticipato operato il 23 settembre 2021 nei confronti di un pregiudicato (Giuseppe Manganelli) in passato intraneo al clan Telegrafo», a Bari e in provincia ha «confermato la brama di potere di uno dei gruppi più agguerriti del clan Strisciuglio» che «ha portato allo scontro armato contro la componente Palermiti della consorteria dei Parisi».

Lo scenario del narcotraffico «in continua evoluzione è fortemente influenzato - è scritto a pagina 179 - dalla vicinanza dell'Albania e dai traffici di stupefacenti provenienti dai Balcani». Nei rapporti tra la criminalità pugliese e le consorterie albanesi appare infine «consolidato il ruolo di punta assunto da queste ultime che tendono ad utilizzare i canali gestiti dalle cosche pugliesi per il trasporto delle sostanze stupefacenti anche oltre Regione verso poi un mercato internazionale».

«Anche i reati contro il patrimonio e in modo particolare le rapine consumate nei confronti dei portavalori e degli autotrasportatori di generi alimentari - conclude la relazione della Dia - costituiscono un business di interesse per la criminalità locale» che continua a costituire un fattore di grave pregiudizio alla vita comune.
  • Direzione Investigativa Antimafia Molfetta
  • Clan Capriati Molfetta
  • Giuseppe Manganelli
Altri contenuti a tema
«Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Molfetta» «Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Molfetta» Lo scrive l'Antimafia nella relazione semestrale al Parlamento. Presenti anche «referenti dei Mercante-Diomede»
«A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» «A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» Secondo due pentiti «bisognava chiedergli il permesso prima di avviare un cantiere». Poli: «Fiduciosi di chiarire»
Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dai Carabinieri dopo una serie di controlli stradali
Maxi sequestro di beni a Manganelli. Il sindaco: «Plauso a magistratura e forze dell'ordine» Maxi sequestro di beni a Manganelli. Il sindaco: «Plauso a magistratura e forze dell'ordine» Il primo cittadino: «Altre indagini in corso. A Molfetta istituzioni a lavoro e presenti»
Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Al 52enne i Carabinieri hanno messo sotto chiave 16 fabbricati, 4 terreni, 5 società, 6 veicoli e 11 conti correnti
A Molfetta «gruppi riconducibili agli alleati clan Capriati e Mercante-Diomede» A Molfetta «gruppi riconducibili agli alleati clan Capriati e Mercante-Diomede» Lo certifica l'Antimafia che parla anche della confisca, a carico di un pregiudicato, di beni di circa 3 milioni di euro
Clan Capriati: confermate 22 condanne Clan Capriati: confermate 22 condanne La sentenza della Corte d'Appello: confermata la pena a 20 anni per Filippo Capriati
Relazione Dia, ecco come la mafia diventerà forte grazie al Coronavirus Relazione Dia, ecco come la mafia diventerà forte grazie al Coronavirus Pubblicata la seconda relazione semestrale, un capitolo intero è dedicato all'emergenza sanitaria
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.