L'operazione
L'operazione "Zemra"
Cronaca

Operazione "Zemra": 11 arresti, sequestrate due piantagioni di marijuana

In manette un 55enne di Molfetta, «formalmente incensurato». Ai domiciliari anche 5 italiani e altrettanti albanesi

Non più i potenti motoscafi con carichi di marijuana e hashish provenienti dai Balcani. Adesso la droga si produce direttamente in Puglia, nelle province di Bari e Foggia, dove, nascosti da occhi indiscreti, fioriscono coltivazioni di cannabis su decine di ettari di terreno. E la città di Molfetta non fa assolutamente eccezione.

Un assioma confermato dall'operazione "Zemra" (parola albanese che in italiano significa "cuore", nda), condotta ieri mattina dal personale del centro operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Bari, che ha stroncato o comunque rallentato i traffici di stupefacenti, assestando l'ennesimo colpo duro: 11 le persone confinate ai domiciliari - 5 italiani e 6 albanesi - per i reati, contestati a vario titolo, di produzione e di cessione di stupefacenti, detenzione e ricettazione di armi.

A capo dell'organizzazione, secondo il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Francesco Mattiace, che ha firmato gli ordini di arresto su richiesta del pubblico ministero antimafia Ettore Cardinali, c'erano Vito Dellerba (45enne di Cerignola), Pasquale Intellicato (29enne di Cerignola «impiegato come corriere per trasferire lo stupefacente in più località italiane, da Brindisi a Molfetta sino a Roma»), Fabrizio Russo (44enne di Oria) e Giulio Dell'Olio (46enne di Bisceglie).

I quattro, dopo essersi «associati tra loro e con altre persone», avrebbero costituito «un'associazione dedita e impegnata nel commercio di importanti quantitativi di stupefacenti». Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, hanno accertato che, dopo gli ultimi arresti (le operazioni "Shefi" e "Kulmi", nda) che hanno colpito il narcotraffico tra le due sponde dell'Adriatico, i gruppi avrebbero spostato la produzione di droga dall'Albania alle province di Bari e di Foggia.

Qui, tra Modugno e Cerignola, sono state sequestrate due piantagioni composte da oltre 8mila piante di marijuana, per un peso di una tonnellata e mezza, dalle quali sarebbe stato possibile ricavare 10mila dosi di stupefacente. Le indagini si sono sviluppate sull'asse Cerignola, Bisceglie, Bari e Oria e hanno documentato l'approvvigionamento nelle province di Foggia e Brindisi, il trasporto via terra, la custodia a Conversano ed hanno individuato i destinatari fra Basilicata e Sicilia.

Ai domiciliari sono finiti A.F., 55enne di Molfetta, «formalmente incensurato», ha detto il suo legale, Michele Salvemini, e sei albanesi. In 32 capi d'imputazione sono stati ricostruite cessioni di droga per 140 chili di hashish, 113 chili di marijuana e mezzo chilo di cocaina pura, oltre alla detenzione di due pistole calibro 9.
  • Droga Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Direzione Investigativa Antimafia
Altri contenuti a tema
Operazione "Zemra", il Riesame annulla l'arresto di un 55enne di Molfetta Operazione "Zemra", il Riesame annulla l'arresto di un 55enne di Molfetta L'uomo, difeso dagli avvocati Salvemini e Germinario, è tornato in libertà. La palla passa ora alla Procura della Repubblica
Droga e armi fra Italia e Albania, 11 arresti. Anche un 27enne di Molfetta Droga e armi fra Italia e Albania, 11 arresti. Anche un 27enne di Molfetta Le indagini si sono sviluppate sull'asse Cerignola, Bisceglie, Barie Oria. Sequestrate oltre 8mila piante di marijuana
Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Il minore, che sognava di fare il calciatore, è finito agli arresti domiciliari. Si scava fra le sue frequentazioni
A 16 anni con una mitragliatrice. Arrestato dai Carabinieri a Molfetta A 16 anni con una mitragliatrice. Arrestato dai Carabinieri a Molfetta Il minore è finito ai domiciliari: trovata anche una pistola 9x21, 30 cartucce dello stesso calibro e oltre 250 7.65
5 Eroina e cocaina nascoste in un albero: ai domiciliari una 28enne Eroina e cocaina nascoste in un albero: ai domiciliari una 28enne Totale: oltre 300 grammi. Già ad aprile, i Carabinieri arrestarono il suo compagno. Al momento c'è riserbo sulle indagini
56 chilogrammi di droga trovati in un magazzino a Molfetta - VIDEO 56 chilogrammi di droga trovati in un magazzino a Molfetta - VIDEO Il carico di hashish e marijuana, per un valore superiore ai 500mila euro, è stato scoperto dai Carabinieri. Indagini per far luce sulle responsabilità
Non abusarono sessualmente dei loro figli, assolti dopo 3 anni Non abusarono sessualmente dei loro figli, assolti dopo 3 anni Marito e moglie furono arrestati nel 2017 e condannati a 12 e 3 anni. Assolti dalla Corte d'Appello
Rivolta nel carcere di Melfi, 29 arresti. Uno è di Molfetta Rivolta nel carcere di Melfi, 29 arresti. Uno è di Molfetta Personale sanitario e agenti furono sequestrati per 9 ore il 9 marzo 2020. Tra gli arrestati Domenico De Feudis
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.