La Pegaso Security sbarca a Molfetta
La Pegaso Security sbarca a Molfetta
Cronaca

La Pegaso Security sbarca a Molfetta: previste 50 assunzioni

Oggi la presentazione presso la centrale operativa istituita in via Antichi Pastifici: all'interno 30 monitor

50 assunzioni e un investimento notevole. La Pegaso Security s.r.l. sbarca a Molfetta. L'arrivo dell'istituto di vigilanza che ha il proprio distaccamento operativo a Cremona e opera da anni nel settore della sicurezza aziendale, rappresenta la tenacia dell'imprenditoria italiana che non si arrende di fronte alla crisi.

La società, che costituisce un modello ed un riferimento anche a livello nazionale, ha deciso di puntare sulla zona industriale di Molfetta, dove questa mattina, in via Antichi Pastifici n. 8/A, ha inaugurato la nuova centrale operativa: «La Pegaso Security si avvale di tecnologie all'avanguardia e di professionisti certificati con esperienza pluriennale nel settore della vigilanza privata», le parole dell'amministratore unico Carlo de Nigris.

I servizi armati sono svolti per conto di aziende pubbliche e private, ma anche di istituti di credito, stabilimenti industriali, grandi strutture industriali e sanitarie, servizi pubblici, esercizi commerciali e consorzi, mentre le autopattuglie radiocollegate con la centrale operativa di Molfetta, attiva 24 ore su 24 tutto l'anno (qui 30 monitor con 4 operatori per turno sono collegati in tempo reale, nda), sono sempre pronte a intervenire in caso di necessità.

«Fra i servizi - ha spiegato ancora de Nigris - abbiamo il piantonamento, la vigilanza fissa interna ed esterna effettuata da guardie particolari giurate armate, per i servizi antirapina, controllo, accesso e protezione di beni, mentre fra i nostri compiti abbiamo i passaggi ispettivi interni ed esterni pianificabili 365 giorni l'anno 24 ore su 24 effettuati da passaggi pianificabili 365 giorni l'anno 24 ore su 24 con pattuglia automunita e radiocollegata».

L'azienda, al momento, ha alle sue dipendenze ben 190 persone di cui 25 guardie giurate e 165 fiduciari e la nuova sede molfettese comporterà un considerevole aumento del personale. Il piano di sviluppo prevede 50 assunzioni, a vantaggio dell'occupazione cittadina: «25 unità - ha detto de Nigris - saranno inserite a Bari dove ci siamo aggiudicati una commessa importante in ambito ferroviario, mentre le altre 25 a Molfetta, dove abbiamo progetti importanti».

Ma non basta, oltre all'aspetto occupazionale l'attenzione sarà puntata sulla questione sicurezza. Durante l'incontro sono stati infatti presentati i nuovi sistemi di videosorveglianza. I servizi di televigilanza o teleallarme saranno svolti dagli addetti alla centrale operativa sia per la gestione e la verifica degli eventi che per la disposizione dei servizi di pronto intervento effettuati da autopattuglie radiocollegate e già presenti sul territorio.

Le aziende potranno quindi disporre di un servizio attivo 365 giorni l'anno 24 ore su 24 contro eventuali intrusi e la possibilità di inviare telecomandi su tematiche relative a situazioni di pericolo verso porte, sbarre e cancelli. «Siamo un'azienda del sud Italia che si è imposta nel mercato settentrionale - ha concluso de Nigris - perché abbiamo tecnologie differenti rispetto agli altri, tra cui la videosorveglianza svolta in maniera continua e le telecamere allarmate».

Adesso la Pegaso Security, il cui punto di forza è quello di disporre di una efficace organizzazione, è pronta a sbarcare a Molfetta dove, con il comando affidato a Renato De Scisciolo, sarà in grado di rispondere positivamente alle richieste sempre più diversificate di una zona industriale in continua evoluzione.
  • renato de scisciolo
  • Pegaso Security
Altri contenuti a tema
Smantellata la banda degli estorsori, tre in carcere. Un quarto è ricercato Smantellata la banda degli estorsori, tre in carcere. Un quarto è ricercato Non solo pistolettate, fecero esplodere un ordigno. Intercettate le telefonate WhatsApp, si cerca un 26enne. Il plauso dell'Antiracket
Arresti per estorsione a Molfetta, la soddisfazione dell'Associazione Antiracket Arresti per estorsione a Molfetta, la soddisfazione dell'Associazione Antiracket La vittima si è rivolta all'associazione che l'ha accompagnata a denunciare
1 Operazione "Pandora": la Federazione Antiracket Puglia chiede chiarezza Operazione "Pandora": la Federazione Antiracket Puglia chiede chiarezza «Auspichiamo e chiediamo fortemente che si faccia chiarezza sulla vicenda» la dichiarazione di Renato de Scisciolo
Presentata la relazione dell'Associazione Regionale Antiracket Presentata la relazione dell'Associazione Regionale Antiracket Molte le vittime ascoltate, in calo le denunce. Costituita una commissione per i reati di usura bancaria
L’Associazione Regionale antiracket  plaude ai Carabinieri L’Associazione Regionale antiracket plaude ai Carabinieri Le dichiarazioni del presidente, Renato De Scisciolo
Nuovo direttivo dell’Associazione Regionale Antiracket Antimafia Nuovo direttivo dell’Associazione Regionale Antiracket Antimafia Riconfermato ai vertici De Scisciolo. Coordinatore provinciale Di Bartolomeo
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.