Renato De Scisciolo
Renato De Scisciolo
Cronaca

Usura ed estorsione: denunciare conviene. L'appello dell'Antiracket

Parla De Scisciolo dopo gli ultimi episodi: «Non dobbiamo abbassare la guardia». Aumentano i casi di vittime dell'usura

Usura ed estorsione: ecco perché denunciare conviene. L'appello arriva dal vice presidente nazionale della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane, Renato De Scisciolo, dopo i roghi che, a Molfetta, hanno interessato dapprima un deposito di mezzi di movimento terra e poi una concessionaria.

E in questa situazione il coordinatore regionale della Puglia, che proprio a Molfetta è presidente provinciale dell'associazione Antiracket Antimafia, costituita nel 1995, non può tollerare situazioni di silenzio, reticenza e omertà: «Attendiamo con estrema fiducia l'esito delle indagini - commenta De Scisciolo - e ringraziamo i Carabinieri per il loro operato. Al momento, però, non ci sono imprenditori o operatori commerciali che hanno segnalato richieste estorsive».

Casi sporadici? «Questi episodi - prosegue - dimostrano che, a Molfetta, non bisogna mai abbassare la guardia. Perché se da un lato ci sono imprenditori che non hanno segnalato richieste estorsive, dall'altro ci sono operatori commerciali vittime di usura in una città, Molfetta appunto, in cui il fenomeno è in aumento». Un fenomeno che continua ad essere praticato nel silenzio delle vittime, in una mentalità ancora restia e timorosa di denunciare.

Una denuncia mancata può essere grave e dannosa tanto quanto il reato stesso. «Per questo - dice ancora De Scisciolo - vorrei fare un invito a tutti gli esercenti e agli imprenditori vittime di estorsioni affinché denuncino perché ci sono misure di sostegno e di tutela alle vittime di usura ed estorsione. Chi non denuncia e non collabora ne paga le conseguenze: o si denuncia o si viene scoperti, il silenzio è complice della criminalità».

E se in provincia di Foggia il forte radicamento delle consorterie sul territorio favorisce un contesto ambientale omertoso e violento, «la criminalità di quest'area geografica - spiega ancora - penso sia più semplice da sconfiggere, ma gli imprenditori non devono cedere ai ricatti: quelli edili devono denunciare chi impone la vigilanza nei cantieri, i commercianti, invece, chi impone il materiale da acquistare oppure chi fa la spesa senza pagare».

Certo, ci vuole tanto coraggio nel denunciare. «Ma denunciare alle forze dell'ordine o all'associazione Antiracket - conclude De Scisciolo - è l'unico sistema che ti consente di riacquistare la tua libertà e la tua dignità e di ritornare a vivere. Noi siamo qui, assistendo e dando solidarietà alle vittime. Sempre».
  • Antiracket
  • Renato De Scisciolo
  • Fai - Federazione Antiracket Italiana
Altri contenuti a tema
De Scisciolo: «Nessuna emergenza racket a Molfetta» De Scisciolo: «Nessuna emergenza racket a Molfetta» Le precisazioni del vice presidente nazionale della Federazione Antiracket e Antiusura italiana
Bombe a Molfetta, l'appello di De Scisciolo: «Coraggio, denunciate» Bombe a Molfetta, l'appello di De Scisciolo: «Coraggio, denunciate» Parla il vice presidente nazionale della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura italiane
Torna a riunirsi la Federazione  Regionale Antiracket a Molfetta per rinnovare il direttivo Torna a riunirsi la Federazione Regionale Antiracket a Molfetta per rinnovare il direttivo Lunedì 30 agosto l'incontro presso la sede della FAI
2 Coronavirus, De Scisciolo: «Poca liquidità, le mafie puntano su turismo e ristorazione» Coronavirus, De Scisciolo: «Poca liquidità, le mafie puntano su turismo e ristorazione» L'allarme del vice presidente nazionale della Fai: «In questo momento le imprese sono le più esposte al rischio usura»
La Pegaso Security sbarca a Molfetta: previste 50 assunzioni La Pegaso Security sbarca a Molfetta: previste 50 assunzioni Oggi la presentazione presso la centrale operativa istituita in via Antichi Pastifici: all'interno 30 monitor
Smantellata la banda degli estorsori, tre in carcere. Un quarto è ricercato Smantellata la banda degli estorsori, tre in carcere. Un quarto è ricercato Non solo pistolettate, fecero esplodere un ordigno. Intercettate le telefonate WhatsApp, si cerca un 26enne. Il plauso dell'Antiracket
Associazione Antiracket Molfetta, conferenza stampa di relazione sui dati e sulle attività del territorio Associazione Antiracket Molfetta, conferenza stampa di relazione sui dati e sulle attività del territorio Discussione in programma sabato 16 marzo
Arresti per estorsione a Molfetta, la soddisfazione dell'Associazione Antiracket Arresti per estorsione a Molfetta, la soddisfazione dell'Associazione Antiracket La vittima si è rivolta all'associazione che l'ha accompagnata a denunciare
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.