Renato De Scisciolo
Renato De Scisciolo
Cronaca

Coronavirus, De Scisciolo: «Poca liquidità, le mafie puntano su turismo e ristorazione»

L'allarme del vice presidente nazionale della Fai: «In questo momento le imprese sono le più esposte al rischio usura»

Un'altra pandemia sociale si aggira per l'Italia. La crisi di liquidità dà campo libero alle mafie che puntano a infiltrarsi nel tessuto economico del Paese e in questo momento, sono d'accordo: l'usura, uno dei principali canali di arricchimento dei clan, è un rischio reale per imprenditori, artigiani e commercianti.

L'allarme del presidente provinciale dell'Associazione Antiracket di Molfetta è stato lanciato da investigatori e magistrati (il procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho ha affermato: «Tracciare flussi, rischio dei prestiti a usura per le aziende in crisi»), mentre il colonnello Fabio Cairo in un'intervista al network Viva.it, ha detto: «La nostra attenzione è alta e la questione è stata esaminata anche nel corso di riunioni con i Prefetti di Bari e Barletta».

L'area metropolitana di Bari e la sesta provincia, in questo scenario, quale posizione occupano? Lo abbiamo domandato a Renato De Scisciolo, vice presidente nazionale della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane​ secondo cui «le imprese (carenza di liquidità e drastico crollo dei consumi sono i principali ostacoli alla loro attività ed offrono invece un inaspettato assist alle organizzazioni mafiose, nda), sono le più esposte al rischio usura».

Un meccanismo che è destinato a diventare perverso se lo Stato non si muoverà. Per De Scisciolo «il settore turistico, così come quello della ristorazione, sono adesso un ambito preferito dalle mafie». Tra le attività più esposte ci sono alberghi, ristoranti e bar. La preoccupazione è il ricorso al credito parallelo.

In provincia di Bari l'emergenza Coronavirus sembra aver risvegliato una delle più drammatiche piaghe criminali: l'usura. È davvero così?

«L'emergenza Coronavirus ha creato un rischio reale e la mancata tempestività di liquidità da parte dello Stato ha facilitato l'attività criminale nell'erogare prestiti con rapidità, sfruttando le condizioni di famiglie in grave povertà ed aziende allo stremo. E le banche, in questo momento, sono le grandi assenti».

Le organizzazioni criminali esercitano la loro pervasività attraverso l'usura e l'inizio della Fase 2 ha fatto diventare concreto l'allarme. Quali sono i dati in vostro possesso?

«Il ricorso a prestiti di usura nella Fase 2 è molto più che un pericolo reale e concreto, è una realtà: da un lato abbiamo il crollo della liquidità e delle entrate e dall'altro le uscite che continuano a correre velocemente quali canoni d'affitto, stipendi da pagare, richieste di pagamenti da parte dei fornitori e anche le utenze.

Numerose sono le segnalazioni giunte dalle province di Bari, Barletta, Andria, Trani e Foggia: ovviamente per ripartire si ha bisogno di liquidità. Negli ultimi mesi si è avuto sicuramente un aumento elevato di richieste di aiuto. Le attività commerciali non hanno più modo di far fronte alle spese: chiudono o cedono l'attività, o ancor peggio fanno ricorso ad un usuraio per farsi avere la liquidità che non hanno avuto o addirittura cedono la stessa alle organizzazioni criminali».


Il fenomeno rappresenta per le organizzazioni criminali un sistema efficace e sicuro per riciclare denaro sporco. Ma anche per guadagnare e acquisire aziende. È questo l'aspetto che vi preoccupa maggiormente?

«Inverosimilmente trattasi di un unico sistema: la criminalità riesce a collocare e riciclare capitali di origine criminale sotto forma di finanziamenti nel mercato legale oppure per avviare attività parallele che fanno da schermo alle attività illecite. Il mafioso ha una significativa liquidità che gli consente di apparire come un partner credibile. Avviene così l'irreparabile, dovuto alla situazione di scarsa liquidità , difficoltà e fragilità dell'impresa».

Chi sono i primi che potrebbero finire nelle rete degli strozzini? Le persone e le famiglie economicamente più fragili oppure i commercianti e gli imprenditori, in attesa degli aiuti di Stato?

«In questo momento sono senza alcun ombra di dubbio le imprese ad essere più in difficoltà, pertanto le più esposte al rischio usura. Certamente il settore turistico, così come quello della ristorazione, sono adesso un ambito preferito dalle mafie».

Come associazione Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane​ quale è il vostro appello?

«Denunciare è sempre stato il nostro slogan di forza. Se tutti denunciassero ci sarebbe immediatamente una grave sconfitta dell'attività criminosa. Ciascuno, nel proprio ruolo, deve contribuire alla liberazione, non bisogna tacere. La lotta all'usura ed al racket dev'essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a vivere a pieno della propria libertà senza alcun compromesso morale, indifferenza e quindi complicità».
  • Antiracket
  • Usura
  • renato de scisciolo
  • Associazione Antiracket Antimafia di Molfetta
  • Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane
  • Racket
Altri contenuti a tema
Usura ed estorsione: denunciare conviene. L'appello dell'Antiracket Usura ed estorsione: denunciare conviene. L'appello dell'Antiracket Parla De Scisciolo dopo gli ultimi episodi: «Non dobbiamo abbassare la guardia». Aumentano i casi di vittime dell'usura
La Pegaso Security sbarca a Molfetta: previste 50 assunzioni La Pegaso Security sbarca a Molfetta: previste 50 assunzioni Oggi la presentazione presso la centrale operativa istituita in via Antichi Pastifici: all'interno 30 monitor
Smantellata la banda degli estorsori, tre in carcere. Un quarto è ricercato Smantellata la banda degli estorsori, tre in carcere. Un quarto è ricercato Non solo pistolettate, fecero esplodere un ordigno. Intercettate le telefonate WhatsApp, si cerca un 26enne. Il plauso dell'Antiracket
Arresti per estorsione a Molfetta, la soddisfazione dell'Associazione Antiracket Arresti per estorsione a Molfetta, la soddisfazione dell'Associazione Antiracket La vittima si è rivolta all'associazione che l'ha accompagnata a denunciare
1 Operazione "Pandora": la Federazione Antiracket Puglia chiede chiarezza Operazione "Pandora": la Federazione Antiracket Puglia chiede chiarezza «Auspichiamo e chiediamo fortemente che si faccia chiarezza sulla vicenda» la dichiarazione di Renato de Scisciolo
Metodo mafioso riconosciuto a clan del Gargano. Soddisfazione  dell’Antiracket Molfetta Metodo mafioso riconosciuto a clan del Gargano. Soddisfazione dell’Antiracket Molfetta L'associazione già costituita parte civile nel processo "Tre Moschettieri"
Associazione Antiracket, continua l'emergenza racket e usura nel barese ma crescono le denunce Associazione Antiracket, continua l'emergenza racket e usura nel barese ma crescono le denunce In una conferenza stampa il presidente De Scisciolo e l'avv. Altomare fanno il punto della situazione
"Premio della Legalità" F.A.I., la cerimonia il 29 settembre a Molfetta "Premio della Legalità" F.A.I., la cerimonia il 29 settembre a Molfetta Confermata la presenza del Viceministro dell'Interno Filippo Bubbico
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.