I gabbiani recuperati dalle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale
I gabbiani recuperati dalle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale
Cronaca

Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali»

Il ritrovamento ieri: gli animali mostrano una serie di ferite. Sul posto i volontari della Gepa e del WWF

Orrore e incredulità a Molfetta dove ieri pomeriggio sei gabbiani comuni, ormai privi di forze, sono stati rinvenuti in un fondo privato in località San Pancrazio. Ad un primo sguardo, sembrerebbero essere stati vittime di spari, visto che mostrano una serie di ferite su tutto il corpo. A segnalare il caso è stato un cittadino.

I sei uccelli sono stati notati dal proprietario, che ha subito attivato i soccorsi e sul posto sono piombate le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale: «Abbiamo recuperato i volatili feriti in stretta collaborazione con il WWF, mentre ora sono in corso gli accertamenti del caso per comprendere le cause di quanto avvenuto. I gabbiani sono tutti gravemente feriti, uno è in pericolo di vita: non ha un'ala. Meritiamo l'estinzione», è l'amaro commento del responsabile Giuseppe Battista.

Gli accertamenti svolti da Pasquale Salvemini, che ha preso in custodia gli uccelli, hanno accertato che i gabbiani «sono stati colpiti in varie parti del corpo dagli spari di un fucile o di una pistola ad aria compressa». Il timore è che possa essersi trattato di un violento tiro al bersaglio: «È un episodio molto grave - continua -, si è trattato di un gioco al massacro sulla pelle dei sei gabbiani che hanno riportato fratture scomposte. Uno è grave, non ha più un'ala e non so se si salverà».

I volontari, allertati per avviare in sinergia con la Polizia Locale le indagini di rito, nelle prossime ore effettueranno ulteriori controlli in zona e presenteranno una denuncia contro ignoti per bloccare il fenomeno dei maltrattamenti sugli animali. Intanto è caccia all'uomo (?) che, ieri, si è "divertito" a sparare ai sei gabbiani.
  • Pasquale Salvemini
  • Associazione Gepa
  • WWF Puglia
  • Gepa Molfetta
  • Animali Molfetta
  • Gabbiani Molfetta
Altri contenuti a tema
Prosegue l'attività del Centro di recupero WWF per tartarughe marine di Molfetta Prosegue l'attività del Centro di recupero WWF per tartarughe marine di Molfetta Diversi programmi di studio sono stati avviati in collaborazione con Istituti universitari italiani e stranieri
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
Torna Ri-Party-Amo: a Molfetta l'unica tappa in Puglia Torna Ri-Party-Amo: a Molfetta l'unica tappa in Puglia L'appuntamento per la pulizia delle spiagge è all'oasi San Giacomo. L'iniziativa è promossa dal Wwf Italia
Soccorso un gabbiano reale in via Cavallotti Soccorso un gabbiano reale in via Cavallotti L'esemplare, recuperato su un balcone, è stato soccorso dai volontari del WWF. Sul posto anche la Polizia Locale
Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Un esemplare di parrocchetto monaco tutelato dalla normativa Cites provvisto di anello di identificazione
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.